VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Sabato il taglio del nastro, con una cerimonia semplice

OLCENENGO, IL NUOVO SCUOLABUS E' REALTA' - Grazie alla donazione di Carlo Olmo, mandato finalmente "in pensione" il vecchio pullmino - Ventisette posti di allegria per i piccoli scolari - 

Presenti 12 Sindaci, ed i Sacerdoti, con Bicciolano e Béla Maijn

Provincia di Vercelli

Cerimonia molto semplice e senza “fronzoli” quella che ha visto, ieri, sabato 5 febbraio,  il “taglio del nastro” di un pullmino nuovo fiammante, destinato a trasportare i bambini della scuola Primaria che risiedono ad Olcenengo e nei paesi vicini.

Il nostro vecchio “Scuolabus” – ha ricordato il Sindaco Anna Maria Ranghino – era ormai in vecchio ed abbiamo dovuto mandarlo in pensione.

Ma mancavano i soldi per acquistarne uno nuovo.

L’impossibilità di fare “il giro” per trasportare i bambini avrebbe portato con sé tanti disagi per le famiglie.

Ci ha pensato, però, la generosità del Lupo Bianco, Carlo Olmo, che ha non soltanto pagato il nuovo Scuolabus, un Volkswagen nuovo fiammante, già dotato dell’allestimento speciale per questa funzione.

E’ stato possibile reperirlo anche in fretta grazie alla disponibilità del Comune di Orbassano, il cui Sindaco, Cinzia Maria Bosso, ha subito messo a disposizione questo mezzo.

Che non è, però, usato: il Comune del Torinese l’aveva acquistato proprio pochi giorni prima che avesse inizio il periodo di pandemia e, così, il mezzo era rimasto da allora fermo: ancora da immatricolare.

Il Sindaco di Orbassano ha compreso che per questi Comuni, non si sarebbe trattato di uno dei vari mezzi, come avviene per un centro grande come Orbassano, ma dell’unico a disposizione: così non ha esitato.

Insomma, non solo una questione – pure fondamentale – di disponibilità economica, ma anche di iniziativa volta a rendere il più spedito possibile l’iter burocratico.

Ieri, sabato, la consegna e l’inaugurazione, con l’intervento di tanti Sindaci del territorio e dell’Amministrazione provinciale: presenti il Bicciolano e la Béla Maijn, anche per ricordarci che, nonostante, tutto, è Carnevale.