VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli
Oggi riunione in Regione da Alberto Cirio

SANTHIA' E CHIVASSO - I Carnevali Storici più forti del Covid - Cambiare per "passare la nottata"  - Programmi adattati, ma con la novità delle manifestazioni estive - 

La necessità aguzza l'ingegno -

Santhiatese e Cavaglià

Si sono incontrati oggi, 1 febbraio, a Torino, presso la Presidenza della Regione Piemonte, i rappresentanti dei “Carnevali Storici” di Chivasso e Santhià.

Ricevuti dal Presidente Alberto Cirio, dal Consigliere Segretario Gian Luca Gavazza e collegata da remoto l’Assessore Vittoria Poggio.

Per gli Enti organizzatori erano presenti (da sinistra a destra, nella foto) Gian Carlo Bertolino e Davide Chiolerio, rispettivamente vice presidente e presidente della Pro Loco l’Agricola, di Chivasso.

Dalla provincia di Vercelli, Francesco Tarasco, Alessandro Caprioglio, per la Pro Loco, con Vito Gioia (Bolle di Malto).

Le Organizzazioni dei Carnevali Storici hanno presentato programmi alternativi, compatibili con l’attuale situazione di “emergenza” Covid.

All’insegna di “cambiare” per poter continuare, in attesa che si decida che l’emergenza è finita.

Ecco di seguito il nuovo programma che offrirà il Carnevale Storico di Santhià.

***

CARNEVALE STORICO DI SANTHIA’ 2022 – TUTTO IL PROGRAMMA – LE NOVITA’

Lo Storico Carnevale di Santhià – Edizione 2022

La decisione di “celebrare” in qualche modo il Carnevale, seppure con le limitazioni imposte dalle normative anticontagio, è stata presa ufficialmente, dal Comitato Antica Società Fagiuolesca del Carnevale Storico di Santhià, lo scorso 6 gennaio, giorno tradizionalmente riservato all’apertura del tempo carnevalesco. Mentre in diversi paesi del circondario fioccavano una ad una le decisioni di rinunciare alle celebrazioni, a Santhià ci si è resi conto che la manifestazione non poteva essere “annullata”, ma semplicemente limitata e “regolamentata”. La soluzione adottata è stata quella di preparare una serie di celebrazioni ridotte, che evitassero o limitassero il coinvolgimento della popolazione, ma dessero comunque l’idea che a Santhià è Carnevale, anche nel 2022.

Ecco dunque le principali iniziative svolte o previste in questa particolare edizione.

Giovedì 6 gennaio 2022 – L’apertura del Carnevale

L’apertura del tempo di Carnevale è avvenuta, come da tradizione, la sera del 6 gennaio. Da mesi vi era la consapevolezza che anche l’edizione 2022 sarebbe stata diversa, ma ugualmente si sapeva che il carnevale non si sarebbe potuto cancellare dal calendario! E così, il 6 gennaio, alle ore 20 in punto, il tamburo è passato nel centro città, suonando “la Burtulin-a”, la tipica marcetta che annuncia l’inizio del periodo carnevalesco. Il fatto di prendere la decisione in questa data ha portato indietro nel tempo l’orologio della storia carnevalesca locale. Infatti, se è vero che i santhiatesi più giovani hanno sempre potuto contare sul passaggio del tamburo, la sera dell’Epifania, per dare avvio a un programma carnevalesco più o meno consolidato, i più attempati ricordano che un tempo la tradizione prevedeva che i membri dell’Antica Società Fagiuolesca si riunissero, proprio nella giornata dell’Epifania, per verificare le possibilità di organizzare un Carnevale più o meno grande. Infatti in alcuni anni il programma è stato meno ricco di appuntamenti, e quindi solo il 6 gennaio si poteva sapere esattamente che cosa si sarebbe potuto fare. Dopo molti anni questa circostanza si è ripresentata (ecco i famosi “corsi e ricorsi della storia”…) e difatti soltanto da questa data si sono potute conoscere ufficialmente le iniziative che si sarebbero svolte quest’anno. Anche sotto questo profilo, la tradizione è stata rispettata.

La Città si addobba

A partire dal giorno dell’Epifania e fino agli ultimi tre giorni del tempo di Carnevale, solitamente hanno luogo, ogni sabato e domenica, le tredici “pule” nelle diverse parti della Città. Benché queste attività preparatorie nel 2022 non si possano svolgere, il centro abitato vivrà un crescendo di attenzione e di interesse attraverso altre iniziative, che poco alla volta abbelliranno il suo centro storico.

Per esempio, fin dai primi giorni dopo l’Epifania sono state esposte le bandiere del carnevale e i grandi poster raffiguranti le coppie che nel corso degli anni hanno impersonato le maschere locali (Stevulin ’dla Plissèra e Majutin dal Pampardù), creando un piacevole colpo d’occhio e attirando inevitabilmente l’attenzione dei residenti e dei visitatori.

Inoltre decine di famiglie e di attività commerciali stanno addobbando a tema i propri balconi e le proprie vetrine, all’insegna di un concorso ideato alcuni anni fa e ormai diventato una tradizione. Si tratta dell’iniziativa denominata “Vetrine e Balconi in Festa”, con cui ogni anno si cerca di rendere la città più festosa, allegra e ospitale durante il tempo di carnevale. Anche quest’anno, dunque, si stanno ornando balconi e vetrine con stelle filanti, maschere, coriandoli, fotografie e tanti altri piccoli segni del carnevale imminente…

Va aggiunto che, grazie alla collaborazione dei carristi, quest’anno alcune vetrine sono state – e saranno ulteriormente – decorate con vere e proprie opere d’arte della cartapesta, alcune delle quali destinate a passare alla storia. L’iniziativa, denominata “Adotta un mascherone”, sta così arricchendo le vetrine dei negozi con maschere di cartapesta di grandi dimensioni e/o con carri allegorici in miniatura, entrambi capolavori dell’artigianato locale.

Sabato 26 febbraio 2022 – Cerimoniale Carnevalesco e Consegna delle chiavi della Città

Uno speciale carro allegorico, appositamente preparato dai Maestri Carristi locali, resterà posizionato per tutto il periodo carnevalesco in Piazza Aldo Moro, per simboleggiare le sfilate, che al momento sono ancora rimandate, ma che si vorrebbero svolgere alle soglie del prossimo solstizio d’estate.

La sera di sabato grasso ci sarà la cerimonia di insediamento delle maschere, che riceveranno dal Sindaco le “Chiavi della Città”; si svolgerà inoltre l’alzabandiera del carnevale e si terrà il “discorso di Stevulin” alla popolazione. Se la normativa lo permetterà, subito dopo si svolgerà l’esibizione del Corpo Pifferi e Tamburi, della Banda Musicale Cittadina e della Banda Musicale I Giovani, che, con le loro melodie, annunceranno il “passaggio dei poteri al popolo”. Anche quest’anno, dunque, Stevulin e Majutin saranno “padroni assoluti” della città nei tre giorni di Carnevale, presenziando in modo discreto alle manifestazioni, sempre nel rispetto delle ordinanze.

Domenica 27 febbraio 2022 – Due momenti simbolici

La Domenica di Carnevale si caratterizzerà per la presenza di due eventi simbolici:

– alle 10.30 la Santa Messa speciale con le maschere, con la rappresentanza dello Stato Maggiore e della Direzione del Carnevale;

 – alle 11,30 l’insediamento della Statua di Gianduia sul tronetto predisposto in piazza Roma. 

Lunedì 28 febbraio 2022 – La Fagiuolata

Lo spettacolo simbolo della tradizione carnevalesca santhiatese, ovvero la “Colossale Fagiuolata” del lunedì grasso, in cui solitamente vengono distribuite almeno 20.000 razioni di salame e fagioli, quest’anno vedrà un cambiamento nelle modalità distributive per ottemperare alle norme sanitarie; ma la Tradizione della “Storica Colossale Fagiuolata” sarà in ogni caso rispettata.

Martedì 1° marzo 2022 – La consegna dei premi

Se vi sarà la possibilità, verranno proposti i “Giochi di Gianduia” riservati ai bambini, a cui seguirà la consegna dei premi e degli attestati a chi ha partecipato all’iniziativa di addobbare vetrine e balconi.

Martedì 1° marzo 2022 – La chiusura del Carnevale

Alla sera sarà rimossa la statua di Gianduia dal suo tronetto e si terrà l’ammaina bandiera. Non ci sarà il tradizionale “Rogo del Babaciu”, in quanto, in via del tutto straordinaria, i “Carnevalanti” si daranno appuntamento a giugno per concludere insieme questo carnevale così particolare.

Venerdì 17 giugno 2022 – Giobia più uno

La tradizione del “Giobia Grass Santhiatese” prenderà forma con un appuntamento fuori stagione: infatti, alle soglie del solstizio d’estate, venti postazioni, allestite da altrettante compagnie carnevalesche, offriranno alla popolazione succulenti piatti tipici; la serata si concluderà con uno spettacolo musicale.

Sabato 18 giugno 2022 – Sfilata Notturna – “Fuori i Fusti” By Bolle di Malto

La tradizionale Sfilata notturna del Carnevale Storico di Santhià quest’anno si svolgerà di sabato, con carri e maschere illuminati. Sempre nella giornata di sabato si terrà l’inaugurazione della manifestazione enogastronomica “Fuori i Fusti”, con spettacolo musicale conclusivo.

Domenica 19 giugno 2022 – Sfilata Diurna – “Fuori i Fusti” By Bolle di Malto

Come da consuetudine, sebbene in tutt’altra stagione, la domenica si svolgerà la tradizionale Sfilata diurna del Carnevale Storico di Santhià, con carri e maschere multicolore. Proseguirà inoltre la manifestazione enogastronomica “Fuori i Fusti”, con spettacolo musicale conclusivo.

Lunedì 20 giugno 2022 – Giochi per i bimbi – “Fuori i Fusti” By Bolle di Malto

Nel pomeriggio di lunedì, fino a sera, si svolgeranno svariati giochi di intrattenimento rivolti ai bimbi. Proseguirà la manifestazione enogastronomica “Fuori i Fusti”, con spettacolo musicale conclusivo.

Martedì 21 giugno 2022 – Giochi per i bimbi – “Fuori i Fusti” By Bolle di Malto – Rogo del Babaciu

Nel pomeriggio di martedì, fino a sera, si svolgeranno altri giochi di intrattenimento rivolti ai bimbi. Alla sera si concluderà la manifestazione enogastronomica “Fuori i Fusti”.

Alle 22 si svolgerà il “Rogo del Babaciu”, che sancirà la fine del Carnevale, al quale seguirà un ultimo spettacolo musicale.