VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

ISTITUTO PER LA STORIA DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA NEL BIELLESE, NEL VERCELLESE E IN VALSESIA - Le iniziative dell'Istituto per il Giorno della Memoria 2022      

In dettaglio le iniziative sul territorio

Bassa Vercellese, Crescentinese, PiemonteOggi, Regione Piemonte, Valsesia e Valsessera, Vercelli Città

Seguici anche su Instagram

L’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia, in occasione del prossimo Giorno della Memoria, organizza o collabora all’organizzazione delle seguenti iniziative: 

Crescentino, sabato 22 gennaio 2022: presentazione del volume L’amico del popolo 1945-1950. Da Primo Levi alla Libreria del Popolo (Effedì edizioni), nell’ambito della rassegna “Pillole di storia contemporanea”. Iniziativa organizzata da Anpi sezione di Crescentino, Fontanetto Po, Lamporo, Verrua Savoia, con il patrocinio della Città di Crescentino.

L’incontro avrà luogo al Teatro Cinico Angelini, alle ore 16, nel rispetto delle norme anti-Covid.

Il volume, curato da Bruno Ferrarotti e Enrico Pagano e realizzato in collaborazione tra Fondazione Rinascita Vercellese e Istituto per la storia della Resistenza, ripercorre il ruolo di apertura intellettuale che ebbe in quegli anni il giornale della Federazione comunista di Vercelli guidata da Francesco Leone, che ne condivise la direzione con Silvio Ortona. Il periodico si distinse per una linea di promozione e innovazione, testimoniata dalla pubblicazione in anteprima di “Buna Lager” e poi di “Se questo è un uomo”, in controtendenza rispetto alle scelte editoriali dell’Einaudi, che nel 1946 rifiutò di pubblicare il volume di Primo Levi.

Novara, domenica 23 gennaio 2022: quinta edizione della Run for Mem, la corsa per una memoria consapevole organizzata dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane in collaborazione, quest’anno, con la Comunità ebraica di Vercelli, Biella, Novara e con il patrocinio di numerosi enti, tra cui l’Istituto.

La corsa, non competitiva, è aperta ad atleti ma anche a semplici “camminatori” e alle famiglie. Nel suo fluire si andranno a toccare alcuni tra i luoghi più significativi della presenza ebraica ma anche della persecuzione antisemita e dell’antifascismo. In evidenza anche alcune personalità che si sono distinte per aver aiutato ebrei durante gli anni delle leggi razziali e della Shoah.
Due i percorsi previsti: uno più impegnativo di dieci chilometri e una “camminata della Memoria” lunga invece tre. Il raduno è previsto alle ore 10 in piazza Gramsci

Biella, giovedì 27 gennaio 2022, Palazzo Gromo Losa, ore 10: celebrazione della ricorrenza del Giorno della Memoria, promossa e coordinata dalla Prefettura di Biella, con la collaborazione di Città di Biella, Ufficio scolastico regionale per il Piemonte-Ambito territoriale per la provincia di Biella, Consulta provinciale degli studenti, Comunità ebraica di Vercelli, Biella, Novara e Vco, Istituto per la storia della Resistenza. Nell’occasione sarà consegnata, ai familiari del defunto Sig. Ercole Mancini, la medaglia d’onore riservata ai cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra.

Per l’Istituto interviene il direttore Enrico Pagano.

Borgosesia, giovedì 27 gennaio 2022, Cinema Lux, ore 21: proiezione del film di Laszlo Nemes Il figlio di Saul.

L’iniziativa è organizzata dall’Anpi sezione di Borgosesia in collaborazione con l’Istituto, la Parrocchia Ss. Pietro e Paolo, l’Agesci e il Centro Studi Giovanni Turcotti, con il patrocinio della Città di Borgosesia.

«[…] con una macchina da presa (e pellicola) che insegue il primo piano del protagonista e lascia sullo sfondo, confusa, la visione dell’orrore, con un formato ormai insolito, da cinema del tempo, come fosse un documentario ma con una costruzione drammaturgica studiatissima e una sceneggiatura calcolatissima, Nemes racconta di un sonderkommando – i prigionieri addetti ad assistere i boia nel massacro degli altri in attesa del proprio – che crede di riconoscere in una vittima bambina il proprio figlio, […], e che vuol dargli sepoltura religiosa, cercando affannosamente in mezzo ai morti, agli assassini e ai becchini alla cui schiera appartiene, il rabbino che possa farlo.

Lo spettatore dispone del suo volto, di uno sfondo che raramente ci viene accostato, e segue la sua ossessione narrando allo stesso tempo la vita del lager (Auschwitz-Birkenau, mai nominato) e la costante presenza della violenza e della morte, e nelle pieghe del racconto la preparazione della rivolta dei sonderkommando, destinata alla sconfitta» (dalla recensione al film di Goffredo Fofi in “Internazionale”, 22 gennaio 2016).

Intervengono Matteo Mancin e Bruno Rinaldi

Biella, da sabato 12 febbraio a domenica 20 febbraio 2022, Palazzo Gromo Losa: mostra documentaria “Auschwitz-Birkenau 1940-1945. Campo di concentramento e centro di messa a morte”, realizzata dal Mémorial de la Shoah di Parigi e diffusa nella sua versione italiana grazie al sostegno dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Di tutti i centri di sterminio che i nazisti istituirono per gli ebrei, è Auschwitz quello che detiene il più alto bilancio di vittime: circa 1.100.000 persone vi trovarono la morte, di cui 875.000 uccise col gas al loro arrivo. Se gli ebrei rappresentano di gran lunga il gruppo principale delle vittime, ad Auschwitz furono uccisi, o morirono per le privazioni e torture subite, non meno di 70.000 polacchi non ebrei, più di 21.000 Sinti e Rom e più di 15.000 prigionieri di guerra sovietici, oltre a diverse migliaia di altre categorie di prigionieri. Avvalendosi di un’accurata cartografia e di una ricca documentazione iconografica, la mostra vuole ricostruire la storia del complesso concentrazionario e centro di sterminio di Auschwitz, con un approfondimento tematico sulle deportazioni dall’Italia. La narrazione proposta è rigorosa sotto il profilo scientifico, ma anche attenta a rivolgersi a un pubblico ampio, soprattutto ai giovani e al mondo della scuola.

La mostra sarà inaugurata sabato 12 febbraio, alle ore 10, e sarà visitabile nei giorni di sabato 12, domenica 13, sabato 19 e domenica 20 febbraio, dalle 10 alle 19. Da lunedì 14 a venerdì 18 febbraio, dalle 9 alle 14, rimarrà aperta per le scuole, alle quali saranno offerte visite guidate a titolo gratuito.

Nel rispetto delle norme anti Covid-19, per l’accesso è necessario il Super Green Pass.

L’iniziativa è organizzata dall’Istituto con il patrocinio di: Prefettura di Biella, Provincia di Biella, Città di Biella, Ufficio scolastico regionale per il Piemonte-Ambito territoriale per la provincia di Biella, Comunità ebraica di Vercelli, Biella, Novara, Vco, Anpi-Comitato provinciale biellese e con la collaborazione di Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Palazzo Gromo Losa Srl e Associazione StileLibero. Si avvale inoltre del logo Biella Città Creativa Unesco.

Inoltre, l’Istituto organizza o collabora alle seguenti iniziative rivolte specificamente alle scuole: 

Vercelli, mercoledì 26 gennaio 2022, Istituto Sacro Cuore, ore 10.30: Alle origini di “Se questo è un uomo”.

Iniziativa per gli studenti degli Istituti superiori vercellesi organizzata da Associazione professionale cattolica di insegnanti, dirigenti e formatori, Sezione G. Berzero di Vercelli, con il patrocinio della Città di Vercelli.

Interventi di Enrico Pagano, L’“amico del popolo”. Le origini editoriali vercellesi di “Se questo è un uomo”, e Sandro OrtonaPrimo Levi e Silvio Ortona. Una testimonianza familiare.

Borgosesia, mercoledì 26 gennaio 2022, Cinema Lux, dalle ore 9: celebrazione del Giorno della Memoria organizzata dal Liceo “Ferrari” di Borgosesia, con proiezione del film JoJo Rabbit di Taika Waikiti e intervento di Nicolò D’Oria, collaboratore dell’Istituto. 

Varallo, mercoledì 26 gennaio 2022, Istituto superiore “D’Adda”, ore 12.10, 14.30 e 15.30: interventi su Responsabilità individuali e collettive al processo di Norimberga per gli studenti delle classi I Turistico, II A e II B Turistico dell’Istituto tecnico-economico, a cura di David Ciscato, collaboratore dell’Istituto. 

Borgosesia, giovedì 27 gennaio 2022, Istituto professionale “Magni”, dalle ore 9.30: incontri su deportazione e sterminio per gli studenti delle classi quinte, a cura di Alessandro Orsi, consigliere dell’Istituto. 

Borgosesia, giovedì 27 gennaio 2022, Istituto tecnico “Lirelli”, ore 8.15: intervento sul rapporto tra sport e totalitarismi per gli studenti delle classi quinte, a cura di Maurizio Regis, collaboratore dell’Istituto.

Biella, giovedì 27 gennaio 2022, Istituto superiore “Bona”, ore 11: incontro con la prof.ssa Laura Boella sulla figura di Hannah Arendt, nell’ambito dell’iniziativa organizzata nell’occasione del Giorno della Memoria da Luminosa, progetto che aggrega numerose realtà del territorio provenienti dal mondo del volontariato, del lavoro, dalle amministrazioni pubbliche e dalle scuole, tra cui l’Istituto. Coordina Davide Tropeano, collaboratore dell’Istituto.

Vercelli, scuola secondaria di primo grado “Avogadro”: lezioni su Primo Levi a cura di Enrico Pagano, per gli studenti delle classi terze, che si terranno lunedì 7 marzo, lunedì 14 marzo, lunedì 21 marzo, giovedì 7 aprile 2022

Borgo Vercelli, martedì 29 marzo 2022, scuola secondaria di primo grado “Tavallini”: lezione su Primo Levi a cura di Enrico Pagano, per gli studenti della classe terza.

Redazione di Vercelli