VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

COMMEMORAZIONE GIORNO DELLA MEMORIA - La Prefettura partecipa alla cerimonia che si terrà presso la Sinagoga di Vercelli          

Un momento di riflessione per tenere viva la memoria storica della Shoah e del senso profondo di quanto ha rappresentato

Vercelli Città

Il 27 gennaio a partire dalle ore 10.15, in via Foa, avrà inizio la celebrazione del “Giorno della Memoria”.

Nell’occasione la Prefettura di Vercelli, in collaborazione con la Comunità Ebraica, l’Ufficio Scolastico Provinciale, il Comune e la Provincia di Vercelli commemorano la giornata con una cerimonia che si terrà presso la Sinagoga di Vercelli, quale momento di riflessione per tenere viva la memoria storica della Shoah e del senso profondo di quanto ha rappresentato.

La celebrazione avverrà alla presenza delle Autorità Civili, Ecclesiastiche e Militari, con la presenza di una rappresentanza di studenti dell’Istituto Cavour di Vercelli e della Consulta provinciale degli studenti.

Nel corso della cerimonia verrà depositata una corona d’alloro alla lapide dei deportati, con l’accompagnamento musicale a cura degli studenti del Liceo Musicale Lagrangia di Vercelli; seguiranno, la lettura di una riflessione da parte dell’attrice Laura Berardi sui campi di concentramento e la lettura dei nomi dei deportati da parte degli studenti della Consulta provinciale.

Oltre alla tradizionale cerimonia commemorativa quest’anno avverrà la posa di quattro “pietre d’inciampo”, in memoria di quattro ebrei vercellesi deportati nei campi di concentramento.

Le prime tre pietre d’inciampo” verranno posate in via Foa n. 58 in memoria della famiglia Jona, arrestata a Varallo (Vercelli) nel maggio del 1944 e deportata nel campo di sterminio di Auschwitz.

La figlia Enrichetta Jona venne successivamente mandata a lavorare al campo di concentramento di Terezin dove morì di stenti.

Il padre Felice Jona e la madre Regina Segre furono assassinati ad Auschwitz.

La quarta “pietra d’inciampo” verrà posata in via Monte di Pietà n.1 in memoria dell’ing. Leblis.

L’ing. Giuseppe Leblis venne arrestato a Mocchie (To) nel dicembre del 1943 e deportato ad Auschwitz.

Il 6 febbraio 1944, al suo arrivo al campo di concentramento, fu subito giustiziato.

 

Redazione di Vercelli