VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

“BORSE D’ARTISTA” - Terzo appuntamento sui social di Diapsi e Brein  

Sarà presentata la linea di prodotti disegnati da Marco Esteban Cavallaro

Vercelli Città

Il laboratorio di sartoria “Brein” per Diapsi è ormai un vero “brand” di moda solidale, ma allo stesso tempo con un suo stile molto ricercato e con grande qualità.

Prodotti che vengono apprezzati prima di tutto perché belli e originali.

In particolare le “linee” che vengono presentate in queste dirette e che fanno parte del progetto “Attraverso il Lavoro con Arte”, nascono dalla creatività di noti artisti contemporanei e del team di lavoro, persone con disagio psichico e svantaggiate e operatori di Diapsi.

L’appuntamento è per la diretta online sui canali social di Diapsi e Brein (You-Tube e Facebook) oggi, mercoledì 22 giugno alle ore 17,30 per la presentazione della linea di prodotti disegnati da Marco Esteban Cavallaro, artista nato in Cile ma naturalizzato italiano.

Un artista che è conosciuto in particolare per le sue installazioni in cui scrive a mano decine o centinaia di volte “Amor”, per portare chi fruisce le sue opere a riflettere sulla centralità dell’amore, non solo fra innamorati, ma nel suo significato più ampio, fra familiari, amici e in genere amore per il prossimo che è così raro di questi tempi.

Il concept è alla base anche di questa specifica linea di borse.

Il progetto «Attraverso il Lavoro con Arte», che permette agli utenti di rimettersi in gioco con un appagante processo di produzione di oggetti unici.

Questo perché Brein e Diapsi vogliono lanciare il messaggio di come sia possibile costruire, attraverso il lavoro, una nuova normalità, ma con arte, con dignità.

Il progetto è finanziato da Fondazione Crt, Fondazione Crv e “Il Bandolo”, in collaborazione di Comune di Vercelli, Asl Vc, Centro Accoglienza notturno Santa Teresa, Formater, Bottega Miller, che cura le dirette, “Il gusto dell’arte” e associazione «Siviera» di Verbania di Marisa Cortese, curatrice d’arte vercellese, che ha messo Diapsi in contatto con Cavallaro e con il quarto artista previsto nella serie.

 

Redazione di Vercelli