VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

IN CAMMINO CON GLI ALPINI DI DIO - Camminata tra i luoghi simbolo dei 4 Beati Alpini: Fratel Luigi Boridno, Don Carlo Gnocchi, Teresio Olivelli e Don Secondo Pollo      

Il programma ufficiale della marcia ed in particolare la parte relativa alla Sezione Alpini di Vercelli ed i suoi Gruppi

Vercelli Città

L’Associazione Nazionale Alpini oltre ad aver deposto numerosi monumenti in pietra per “non dimenticare” i propri Caduti, ha saputo nella sua centenaria storia animare la memoria dei morti anche con gesti concreti di solidarietà verso i più deboli e bisognosi con il motto “Ricordiamo i morti aiutando i vivi“. Proprio negli anni in cui gli Alpini gettavano le fondamenta della struttura per l’attuale organizzazione di Protezione Civile, nel 1975 gli stessi fondavano la Casa degli Alpini di Endine Gaiano (BG) aprendo la strada ad una serie di iniziative per il supporto delle fasce di popolazione più fragili e spesso dimenticate.

Ancora oggi gli Alpini in tutta Italia e nel mondo sono coinvolti in opere di solidarietà che si materializzano in forme diverse.

Tra le numerose attività in essere a favore delle persone portatrici di disabilità, gli Alpini della Sezione di Bergamo organizzano da alcuni anni presso i Colli di San Fermo a Grone (BG) un’iniziativa che raccoglie per una giornata in montagna i bambini, ragazzi, giovani e adulti diversamente abili della Provincia di Bergamo.

L’edizione del 2019 (gli eventi del 2020 e 2021 sono stati realizzati in forma ridotta causa Covid) ha visto l’adesione di oltre 30 strutture sociosanitarie che si occupano, a titolo diverso, della presa in cura di persone affette da importanti compromissioni neuro-psicomotorie e la presenza di più di 500 partecipanti.

L’iniziativa “insieme 2 con un passo diverso” è stata anche il motore trainante, forse usando un linguaggio più caro agli Alpini dovremmo dire “mulo”, per stimolare altre attività di condivisione e di sostegno del mondo della disabilità, coinvolgendo gli operatori, le strutture e le istituzioni.

Sulla base dei rapporti tra le persone coinvolte e grazie alla sensibilità che si è creata, è stato realizzato dagli Alpini bergamaschi sempre ai Colli di San Fermo un percorso accessibile ai disabili che termina ad una terrazza belvedere ai piedi del Monte Ballerino a 1275 m.

In occasione dei 100 anni di fondazione dell’Associazione Nazionale Alpini e dei 10 anni della beatificazione di don Carlo Gnocchi, gli “Amis della baracca”, un gruppo di Alpini iscritti in Gruppi e Sezioni diverse che vivono la loro “alpinità” con una attenzione speciale rivolta verso il prossimo seguendo l’insegnamento e i valori promossi dal Beato don Carlo Gnocchi, hanno dato vita ad una iniziativa speciale denominata “10×10”.

Obiettivo della manifestazione era quello di celebrare le due speciali ricorrenze promuovendo una serie di attività allo scopo di mantenere viva la figura del Beato don Carlo Gnocchi e legarlo alle ricorrenze dell’Associazione Nazionale Alpini.

Tra le diverse attività organizzate, una citazione particolare merita “In cammino col Beato”, una camminata benefica accompagnata da una reliquia del Beato don Gnocchi che è partita da Edolo e dopo oltre 250 km ha visto il suo arrivo a Milano presso il Santuario del Beato don Gnocchi in occasione della Adunata Nazionale.

La camminata ha permesso nel contempo di raccogliere i fondi per l’abbattimento delle barriere architettoniche dell’accesso all’abitazione di Manuel, un bimbo affetto da una grave patologia debilitante di Siziano (PV).

In questo contesto il libro “Alpini di Dio” curato da Mons. Angelo Bazzari, presidente onorario della Fondazione donCarlo Gnocchi, ha permesso agli Alpini di riconoscere attraverso la testimonianza di quattro vite straordinarie, il senso più profondo dei valori delle Penne Nere, primo fra tutti il donarsi agli altri.

Don Carlo Gnocchi, Don Secondo Pollo, Fratel Luigi Bordino e Teresio Olivelli sono personalità che appartengono agli Alpini, non solo per la loro divisa grigioverde e l’identità alpina, ma in quanto autentici testimoni del valore della Vita.

Una vita spesa fino all’ultimo per gli ultimi, dei veri e propri maestri di solidarietà umana e carità cristiana.

Due sacerdoti, un religioso e un laico che hanno in comune una straordinaria umanità e che attraverso percorsi e calvari diversi raggiungono infine un’unica meta diventando così eroi della patria, santi di Dio e fratelli di ogni uomo percosso e denudato dal dolore.

Quattro figure di Alpini animate da uno straordinario coraggio che hanno saputo andare oltre le difficoltà e con il loro sacrificio rappresentano l’esempio credibile di una vita riuscita.

Un esempio che a dispetto del tempo è assolutamente contemporaneo e che merita di essere promosso e mantenuto vivo, soprattutto fra le giovani generazioni.

Nell’ultima frase dell’introduzione del libro balza all’occhio: “…don Pollo, don Carlo Gnocchi, fratel Luigi Bordino e Teresio Olivelli sono stati “soldati della bontà”. A noi la sfida per onorarli,ma soprattutto imitarli.”.

Un messaggio forte, importante e oltremodo significativo che non poteva cadere nel vuoto.

 Nasce così, a fronte di questa provocazione, l’idea dei Gruppi Alpini delle Zone Basso Sebino, Val Calepio e Valle Cavallina della Sezione di Bergamo di onorare i quattro Beati organizzando una camminata tra le terre lombarde e piemontesi che rappresentano le loro origini e i teatri della loro operatività.

In cammino con gli Alpini di Dio”: questo è il nome dell’iniziativa.

Obiettivo

Attraverso la camminata che toccherà i luoghi significativi dei quattro Beati, il percorso si propone di creare momenti di comunione, memoria e di riflessione, coinvolgendo in questo progetto tutte quelle realtà religiose e associative che ruotano intorno alle figure dei quattro Beati.

Si cercherà di diffondere quel messaggio di carità cristiana e solidarietà umana che ha contraddistinto le vite dei “Santi Alpini”.

La solidarietà – diceva Giovanni Paolo IInon è sentimento di vaga compassione o di superficiale intenerimento per i mali di tante persone, vicine o lontane. Al contrario, è la determinazione ferma e perseverante di impegnarsi per il bene comune, ossia per il bene di tutti e di ciascuno perché tutti siano veramente responsabili di tutti”.

La partenza di “In cammino con gli Alpini di Dio” è prevista per lunedì 18 Aprile 2022 con arrivo a Torino domenica 24 Aprile 2022.

Modalità di partecipazione

Sono benvenuti tutti i camminatori intenzionati a condividere l’iniziativa percorrendo secondo le proprie capacità e disponibilità il cammino in forma integrale o parziale.

Si raccomanda un adeguato allenamento ed equipaggiamento.

L’iniziativa sarà realizzata in qualsiasi condizione metereologica.

I dettagli dell’organizzazione logistica sono da definirsi.

In base alla disponibilità di posti per il pernottamento è stato stabilito un numero massimo di 20 partecipanti per l’intero percorso.

Sarà possibile tuttavia percorrere il cammino parzialmente o integralmente organizzando in autonomia la logistica ed il pernottamento.

L’intero evento sarà organizzato nel rispetto delle normative vigenti in materia di prevenzione del contagio del virus SARS-Cov2. 5 Destinazione dei fondi raccolti

Eventuali proventi dell’iniziativa saranno devoluti a Francesca e Giovanni figli dell’Alpino Raffaele Bertoletti e Marina di Pianico (BG) per la realizzazione di un ascensore esterno presso la propria abitazione.

Programma

  • Lunedì, 18 aprile

Ore 8.00 Cerimonia di apertura del Cammino e momento di preghiera presieduto da Don Giacomo Cortesi, Parroco di Grone presso il belvedere al Monte Ballerino ai Colli San Fermo, Grone (BG)

Ore 11.30 Arrivo alla Casa degli Alpini di Endine Gaiano (BG) e momento di preghiera presieduto da Don Andrea Lorenzi, Parroco di Endine Gaiano

Ore 17.00 Visita della Sede della Sezione ANA di Bergamo Saluto del Presidente Sezionale Giorgio Sonzogni e del Vicario Episcopale Mons. Vittorio Nozza

Ore 20.30 Serata di presentazione de “In Cammino con gli Alpini di Dio” presso la Chiesa di Sant’Andrea Apostolo di Villa d’Adda (BG). Relatore Mons. Angelo Bazzari con la partecipazione del Coro della Brigata Alpina Orobica in Congedo Accoglienza e pernottamento dei camminatori presso il Gruppo ANA di Villa d’Adda, Sezione di Bergamo 2

  • Martedì 19 aprile

Ore 7.00 Partenza dei camminatori da Villa d’Adda per Milano Ore 8.00 Visita di una delegazione di Alpini alla tomba dell’Alpino Aldeni Sperandio presso il cimitero di Villa d’Adda (BG)

Ore 13.30 Cerimonia di Onori al Monumento dedicato al Gen. Giuseppe Perrucchetti a Cassano d’Adda (MI) Ore 15.00 Visita alla Sede Nazionale dell’ANA in via Marsala, Milano

Ore 16.00 Passaggio presso la Galleria Vittorio Emanuele II e sosta alla targa in memoria della fondazione dell’ANA 1919-2019

Ore 17.00 Arrivo al Santuario del Beato Don Gnocchi, Milano e visita del Museo S. Messa presso il Santuario del Beato Don Gnocchi celebrata dal Rettore Don Maurizio Rivolta

Ore 20.30 Serata dedicata al Beato Don Carlo Gnocchi. Spettacolo un “Santo con la Penna” di e con Emanuele Turelli presso CineTeatro San Luigi di Bareggio (MI) Accoglienza dei camminatori presso il Gruppo ANA di Bareggio, Sezione di Milano e pernottamento presso l’Oratorio di Bareggio

  • Mercoledì 20 aprile

Ore 7.30 Visita alla tomba dell’Alpino Beppe Parazzini, già Presidente ANA presso il cimitero di Bareggio

Ore 8.30 Partenza dei camminatori da Milano Giambellino (Parcheggio Canottieri) per Vigevano

Ore 18.00 S. Messa presso la Cattedrale S. Ambrogio di Vigevano celebrata da Mons. Mario Tarantola

Ore 20.30 Serata dedicata al Beato Teresio Olivelli presso l’Aula Magna del Seminario di Vigevano. Relatore Mons. Mario Tarantola Accoglienza dei camminatori presso il Gruppo ANA di Vigevano-Mortara, Sezione di Milano e pernottamento presso il Seminario Vescovile di Vigevano

  • Giovedì 21 aprile

Ore 8.00 Momento di preghiera presso la Basilica di S. Lorenzo a Mortara presieduto da Don Marco Torti e partenza dei camminatori per Vercelli

Ore 17.00 Arrivo a Vercelli attraverso il ponte sul Sesia

Ore 18.00 S. Messa presso la Cattedrale S. Eusebio di Vercelli presieduta dall’ Arcivescovo Mons. Marco Arnolfo

Ore 21.00 Serata dedicata al Beato Don Secondo Pollo presso il Seminario di Vercelli e visita del Museo “Casa di Don Secondo Pollo”

Accoglienza dei camminatori presso il Gruppo ANA Don Secondo Pollo, Sezione di Vercelli e pernottamento presso il Seminario Arcivescovile di Vercelli

  • Venerdì 22 aprile

Ore 8.00 Partenza a piedi dal Seminario di Vercelli per Piazza Alpini

Ore 8.45 Cerimonia di Alzabandiera presso Piazza Alpini e trasferimento in auto per la Chiesa di S. Pietro Aravecchia

Ore 9.30 Partenza a piedi per Larizzate, Vercelli

Ore 10.30 Arrivo a Larizzate e trasferimento in auto per il Santuario della Beata Vergine del Trompone, Moncrivello (VC)

Ore 11.00 Arrivo al Santuario della Beata Vergine del Trompone e partenza a piedi per la Chiesa della Madonna dei Prati, della frazione Petiva e a seguire fino alla frazione Ronchi di Cigliano

Ore 14.30 Trasferimento in auto per il Santuario della Madonnina di Verolengo

Ore 15.00 Visita del Santuario della Madonnina di Verolengo (TO) Ore 17.00 Arrivo a Castelrosso (TO) e cerimonia di inaugurazione dell’area riqualificata presso il Sacello dedicato a Don Secondo Pollo Ore 17.30 S. Messa presso la Chiesa dei Santi Giovanni Battista e Rocco e a Castelrosso (TO) celebrata da Don Davide Smiderle

Ore 20.30 Serata dedicata a “In Cammino con gli Alpini di Dio” presso la Chiesa di Santi Giovanni Battista e Rocco a Castelrosso (TO)

Accoglienza dei camminatori presso il Gruppo ANA di Castelrosso, Sezione di Torino e pernottamento presso il centro ricreativo “Nel Mondo di Alice”, Castelrosso (TO)

  • Sabato 23 aprile

Ore 8.00 Partenza dei camminatori da Castelrosso per Torino

Ore 10.30 Visita di una delegazione di Alpini al pilone votivo alla Madonna Consolata eretto dal Beato Luigi Bordino a Castellinaldo d’Alba e visita del paese natale del Beato.

Ore 17.00 Arrivo alla Piccola Casa della Divina Provvidenza – Cottolengo, Torino

Ore 20.30 Serata dedicata al Beato Fratel Bordino presso la Sala Teatro della Piccola Casa della Divina Provvidenza al Cottolengo con la partecipazione del Coro della Brigata Alpina Taurinense in Congedo.

Accoglienza e pernottamento dei camminatori presso la Piccola Casa della Divina Provvidenza – Cottolengo

  • Domenica 24 aprile

Ore 10.00 Cerimonia di chiusura del Cammino con la presenza del Presidente Nazionale dell’ANA Sebastiano Favero e celebrazione eucaristica presso la Chiesa Grande della Piccola Casa della Divina Provvidenza – Cottolengo, Torino, presieduta da Padre Carmine Arice, Padre della Piccola Casa, con la partecipazione del Coro A.N.A. Sezione di Torino

Ore 11.30 Visita della Piccola Casa della Divina Provvidenza

Redazione di Vercelli