VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

DELEGAZIONE DI VERCELLI ACCADEMIA ITALIANA DELLA CUCINA - Protagonista del nuovo appuntamento “Il cibo della memoria: osterie della vecchia Vercelli”  

Il racconto sarà un tuffo nel nostro passato con i suoi luoghi, i suoi personaggi, i suoi profumi

Vercelli Città

 

La Delegazione di Vercelli dell’Accademia Italiana della Cucina propone, sabato 14 maggio alle 18 al Parlamentino dell’Ovest Sesia in via Duomo 2, un nuovo appuntamento culturale alla scoperta delle antiche osterie di Vercelli.

La delegata Paola Bernascone Cappi, con visita guidata virtuale di Giuseppina Greci e letture di Letizia Vercellino, parlerà di “Il cibo della memoria: osterie della vecchia Vercelli“.

Racconterò il mondo delle osterie dalla fine dell’Ottocento fino agli anni Sessanta del secolo scorso, quando questi locali sono stati soppiantati da birrerie e pizzerie – spiega Paola Bernascone Cappi -. L’osteria è stato il luogo dove i piatti erano genuini e sinceri, figli della tradizione e serviti in porzioni capaci di placare lo stomaco e non solo solleticare lo sguardo. La portata principale era la convivialità, creata dagli avventori e dagli osti in un ambiente genuino dove incontrarsi, giocare, ridere, cantare e in cui stare bene”.

Il racconto sarà un tuffo nel nostro passato con i suoi luoghi, i suoi personaggi, i suoi profumi.

Le antiche osterie ora non ci sono più ed è giusto ricordarle perché costituivano un elemento autentico e vitale nella vita sociale della nostra città soprattutto di quei rioni popolari in cui esse avevano la loro clientela fissa e affezionata – spiega la delegata vercellese -. Erano luoghi di aggregazione e ristoro. Erano anche il luogo in cui si consumavano i piatti tipici della cucina vercellese durante epiche “merende sinoire” accompagnate da abbondanti bevute di Barbera. Gran parte delle osterie avevano il servizio di cucina e solevano offrire “il piatto del giorno”, il preferito perché il più fresco: cotechino, pasta e fagioli, panissa, trippa . Tutti piatti semplici ma di cottura lunga e paziente su cui si costruiva la fama dell’osteria” .

E’ su questo aspetto che Paola Bernascone incentrerà il suo intervento secondo gli obiettivi dell’Accademia Italiana della Cucina che opera  al fine di conservare e valorizzare le  tradizioni gastronomiche del nostro Paese .

Seguirà una cena informale dal menù in stile “Vecchio Piemonte” che richiama le merende sinoire servite nelle osterie: si terrà al Ristorante “Vecchia Brenta”, via Morosone 6 – Vercelli.

L’ingresso è libero, con prenotazione obbligatoria, alla conferenza e alla cena, via mail all’indirizzo accademiacucinavc@gmail.com oppure bernascone.paola@gmail.com .

E’ possibile anche telefonare al 348 28.52.203.

 

Redazione di Vercelli