VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Poi si può contare sulle videocamere di sorveglianza

VILLATA - Altri importanti indizi che aiutano ad identificare il trasportatore dei fanghi maleodoranti riversati in paese - Un lettore ha filmato il mezzo - 

Ad un certo punto, pare voglia girare a sinistra

Lungosesia Est

Villata, pare che potrebbero esserci buone notizie per i cittadini di Villata che volessero sapere la verità sull’incidente del 15 marzo scorso.

I fatti riportati nel nostro articolo di ieri, ecco qui il link.

***

Dunque, come sappiamo, un mezzo pesante che trasportava fanghi di incerta provenienza, dall’odore veramente ammorbante ed insopportabile, è transitato per la centrale Via Don Conti, in direzione San Nazzaro Sesia.

Come abbiamo visto nel precedente servizio, qualcosa è andato storto perché parte di quel pestilenziale carico è accidentalmente uscito dal cassone, riversandosi sul selciato per molti metri lungo la strada.

E letteralmente appestando buona parte del paese.

Qualche cittadino è riuscito a scattare fotografie, altri a raccogliere un buon quantitativo di quei reperti, che sarà analizzato.

Ma niente lasciava immaginare che, altri ancora, riuscisse addirittura a seguire il mezzo, filmandone parte del tragitto.

Ecco il repertorio.

Con i nostri mezzi non è possibile, ma sicuramente gli specialisti potrebbero anche arrivare a leggere la targa.

Si vede il camion che procede da Villata a San Nazzaro Sesia.

Poi, arrivato all’altezza dell’incrocio tra la strada provinciale e, sulla sinistra, la strada privata che conduce alla Tenuta Devesio, mette la freccia per girare a sinistra.

E’ ovviamente ancora poco per immaginare che l’autista volesse recarsi proprio lì.

Chi lo dice?!

E poi, se fosse effettivamente arrivato alla sede della Koster con quel carico, non è detto che gli Addetti lo dovessero per forza accettare.

Senza contare che, quand’anche avesse effettivamente imboccato quella strada, potrebbe essere stato per ottenere informazioni e indicazioni sul tragitto che ancora lo attendeva.

Per esempio: ehi, quel Signore, mi saprebbe cortesemente indicare la via per raggiungere Topolinia?

Il navigatore satellitare non mi aiuta.

***

Ma ci sono altre buone nuove.

Quell’autocarro è transitato, per errore, lungo tutto il centro del paese.

Dove ci sono moltissime videocamere di sorveglianza.

Perciò anche la targa dovrebbe essere rimasta “intrappolata” in qualche immagine.

Si vedrà.

Intanto, attendiamo i risultati delle analisi sul campione di melma graveolente che i Lettori hanno prelevato il 15 marzo.