VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

Simone Bucino vince la Coppa del Presidente
Condizionata dal maltempo sabato, scaldata da un bel sole domenica, nel weekend al Gc Cavaglià si è giocata la Coppa del Presidente (36 buche con prima categoria medal e 2a/3a categoria con la formula maximum score) uno degli appuntamenti clou della stagione.

Il successo è andato a Simone Bucino che ha consegnato uno score lordo di 140 (72 68, +4) prevalendo di 2 colpi dopo un bel testa a testa su Filippo Peretti Cucchi (75 67, +6) e di 4 su Massimo Stesina (74 70, +8).

In seconda e terza categoria vittorie rispettivamente di Davide Baroni e Pier Giovanni Deandrea.
Numerosi i partecipanti che oltre ai riconoscimenti destinati ai migliori si sono sfidati anche per i premi speciali offerti dallo sponsor Volvo auto.var Gruppo Nuova sa.car tra cui un test drive valido per un weekend su una splendida Volvo XC40 completamente elettrica in comodato d’uso gratuito. Al tavolo della premiazione il Presidente del club Paolo Schellino e Federica Genti di Volvo.
Premiati. 1a categoria: 1° Lordo Simone Bucino 140, 1° Netto Filippo Peretti Cucchi 138, 2° Netto Massimo Stesina 140, 3° Netto Rohan Jay Silva 143. 2a categoria: 1° Netto Davide Baroni 141, 2° Netto Gianni Massaglia 141, 3° Netto Roberto Lanza 143. 3a categoria: 1° Netto Pier Giovanni Deandrea 140, 2° Netto Luca Maccagno 142, 3° Netto Grazia Borio 143. 1° Ladies Simona Rosazza Gianin 143. 1° Netto seconda giornata Gianni Feo 65. Nearest buca 6 by Volvo Daniele Tonso m. 0,74. Nearest buca 9 by Volvo Massimo Stesina m. 1,68. Nearest buca 12 by Volvo Marè Massimo m. 2,33.

Programma weekend con Saranno Famosi e Coppa Biver Banca
Il weekend si aprirà sabato 1 ottobre con la finale del Circuito Saranno Famosi che vedrà in azione oltre 120 giovani promesse del golf.

I giocatori sono usciti dalle varie prove di qualifica disputate nelle varie regioni italiane.

Previste gare Under 14 e 12 maschili e femminili su 18 buche (punteggio medal) e un torneo su 9 buche Stableford.

In occasione della gara giovanile il campo sarà chiuso fino al pomeriggio.
Domenica 2 ottobre ritorna la classica Coppa Biver Banca (18 buche, Stableford, 3 categorie – iscrizione gara soci 20€, esterni gara e green fee 70€).

Dopo la premiazione a seguire rinfresco con pasta.
Info e iscrizioni 0161/966771 – segreteria@golfclubcavaglia.it.

Redazione di Vercelli

 

(Stefano Di Tano) – L’inizio scoppiettante del Novara allo Stadio Piola di Vercelli aveva immediatamente dato l’impressione che a guidare il percorso del derby delle risaie sarebbe stata inesorabilmente la squadra azzurra.

Ogni tocco di pallone, infatti, era gestito in esclusiva da un trio che faceva capo a chi sarebbe stato certamente il mattatore della giornata, Sua Altezza, sua esperienza calcistica, il signor Pablo Gonzales, una vecchia conoscenza nel calcio professionistico all’ombra della cattedrale di San Gaudenzio: sempre al centro dell’azione, ma anche nel posto giusto per ricevere la migliore occasione per segnare.

Quasi un monologo azzurro, per circa 10 minuti, ma anche una continua e nervosa rincorsa vercellese a cogliere il momento opportuno per strappare il pallone dalle grinfie di quel gruppo di maglie novaresi assiepate davanti all’area di rigore di Alex Valentini, n. 1 nella squadra di Massimo Paci.

Ma ecco che, come un vero fulmine a ciel sereno, si apre la luce

per la Pro Vercelli che nel giro di 30 secondi passa dallo stato di oppressione alla rivoluzione, grazie ad un tiro magistrale di Della Morte da fuori area verso il portiere Pissardo che vede il pallone alle sue spalle soltanto dopo che la palla si è insaccata velocemente alla sua destra.

Dire “euforia” è troppo poco perché condurre 1 – 0 contro il Novara a metà del primo tempo è più di un sogno, è un evento di fantasia.

Eppure è la verità.

Restano però 80 minuti da giocare, ed il Novara sa che riprendendo il filo della matassa già ben iniziata, si può ricucire lo strappo.

Cosa che purtroppo succede poco più avanti, mentre corre il 37° minuto, ed è proprio l’onnipresente Gonzales a ricevere l’imbeccata di Rocca; la palla è precisa, e preciso il tiro in porta.

Valentini non può farci niente, e il pareggio mette a posto i conti facendo dimenticare le altre numerose varianti con le quali si erano messi in mostra Bortolussi, Benaloune, Ciancio (No) e Mustacchio, Vergara e Comi per la Pro.

Le emozioni non mancano, anche se su entrambi i fronti si vedono buoni tentativi di affondo con prevalenza novarese, sostenuta da una notevole serie di falli e di varie punizioni con tre ammoniti.

Ma l’amaro peggiore è quello che si procura la Pro Vercelli, nel secondo tempo, quando in una delle discese verso la porta di Valentini, è Bortolussi che crossa dalla linea di fondo andando a colpire l’incredibile braccio teso di Cristini in area di rigore .

E’ Galuppini che si incarica del tiro fatale infierendo sul nostro portiere che aveva parato il penalty senza fermare la palla, offrendo così una doppia possibilità al giocatore novarese di segnare.

A questo punto Paci non sa più che fare per rimettere a posto uno schema già inesistente e si affida all’entrata di vari sostituti nella ricerca di valide alternative che però non si verificano e servono solo a registrare e compiere ancora una ultima buona azione di Mustacchio, pericolosissima, ma annullata dal portiere Pissardo che nega con un tocco magico il pareggio ai bianchi.

La classifica piange, ed anche il gioco della Pro è lacrimevole nelle fasi di impostazione e conclusione.

C’è tanto da lavorare, forse con meno teoria e molta più pratica nei collegamenti e nell’intesa tra i giocatori che ancora non si conoscono ed a volte tendono ad improvvisare con giocate singole senza speranza e senza fortuna.

 

 

Redazione di Vercelli

Nella giornata di lunedì 19 settembre, i carabinieri forestali della Stazione di Albano Vercellese hanno denunciato un cittadino italiano, gravemente indiziato dei reati di detenzione e produzione illecita di sostanze stupefacenti.

I militari del Reparto forestale di Albano Vercellese, nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno individuato all’interno di un garage aperto, n. 5 piante di cannabis.

Nell’immediatezza i militari hanno proceduto a contattare il proprietario dell’abitazione e dell’attiguo garage ed a compiere in via d’urgenza la perquisizione dei predetti locali, rinvenendo, oltre alle suddette piante, un pezzo di hashish del peso di 4 grammi, sementi di canapa, oltre ad altro materiale utilizzato per pesare e confezionare sostanza stupefacente.

Terminata la perquisizione e il conseguente sequestro, i militari hanno proceduto alla denuncia alla Procura della Repubblica di Vercelli del soggetto per il reato di coltivazione, produzione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope, ai sensi dell’art. 73 del D.P.R. 309/’90.

 

Redazione di Vercelli

 

La biblioteca del Museo Leone, formata da Camillo Leone e dalla sua famiglia nel corso dei secoli, conserva rari e antichi volumi a stampa e manoscritti.

La sua vita però non si ferma nel 1907, insieme a quella del suo fondatore, bensì continua a crescere e a espandersi grazie a nuove e importanti donazioni che vanno ad arricchire il già consistente patrimonio.

L’ultima, ad opera del collezionista vercellese Piero Concio, è una consistente donazione di libri stampati tra l’ultimo quarto dell’Ottocento e gli anni Sessanta del secolo scorso: tutti volumi estremamente preziosi, arricchiti da illustrazioni di artisti del periodo e spesso impreziosite da legature d’arte per lo più eseguite da famosi legatori francesi.

I libri, autentiche opere d’arte, sono splendidi esempi di stile tra Art Deco e Liberty e non solo.

Il Museo Leone ha quindi pensato di condividere con i suoi visitatori tali opere con una esposizione che, citando Alice nel Paese delle Meraviglie, uno dei volumi donati, ha per titolo: “…ma nel mio mondo sarebbero fatti solo di figure… volumi illustrati e legature d’arte dal Liberty all’Art déco e oltre”.

L’esposizione, il cui filo conduttore sono la bellezza e la varietà delle opere, unite agli stili che caratterizzavano il gusto di questo affascinante periodo storico, sarà visitabile dal 30 settembre al 31 dicembre 2022 presso il Corridoio delle Cinquecentine del Museo di via Verdi, nei consueti orari di apertura (dal martedì al venerdì dalle 15 alle 17,30, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18).

Inaugurazione aperta a tutti e ad ingresso libero e conferenza stampa venerdì 30 settembre 2022 ore 17.00.

Sarà presente il donatore.

La mostra sarà poi inserita nel percorso museale e visitabile fino al 301 dicembre senza sovrapprezzo sul biglietto di ingresso.

Info e contatti: www.museoleone.it; info@museoleone.it; 1061 253204

Redazione di Vercelli

 

 

Il festival “Il Suono”, l’ormai tradizionale appuntamento musicale organizzato dal Comitato Pro Restauri chiesa Parrocchiale San Lorenzo Onlus, con il contributo del Comune di Livorno Ferraris, è giunto alla 9ª edizione e si articolerà in due serate.

Il primo concerto, quello di sabato 1ottobre, vedrà in scena, sotto il palatenda di piazza Possis, il coro P. Voices con lo spettacolo “P. Voices gospel & soul”.

La formazione canora, composta da una ventina di elementi, è diretta dall’infaticabile Arianna Torriani, laureata all’Accademia di Belle Arti, presidente dell’Organizzazione di Volontariato “Oviglio Arte”, un’associazione che avvalendosi anche della collaborazione di altre realtà come “Progetto Musica” di Franco Taulino, organizza “Musicarte” con lo scopo di diffondere la musica e l’arte in genere.

Il coro nacque nel 2010 da un’idea della sua direttrice in collaborazione con il Comune e la Scuola primaria di Oviglio, con il nome di P.V.O, Piccole Voci Oviglio; poi nel tempo si trasformò in un coro per adulti, mantenendo però quel P. nel ricordo delle sue origini.

Dal 2016 Arianna Torriani si avvale della insostituibile collaborazione del maestro Andrea Girbaudo che, oltre ad accompagnare i coristi, cura le armonizzazioni e la preparazione.

Il programma della serata prevede l’esecuzione di brani di K. Franklin, M. Beswich, W. Houston, F. Mercury e A Franklin.

La seconda serata, in programma per sabato 8 ottobre, si svolgerà nella chiesa parrocchiale di San Lorenzo, proporrà “Organo, fagotto e un Insolito Ottetto – da Bach a Morricone, viaggio musicale nel tempo”.

I protagonisti del concerto saranno: Daniela Scavio all’organo, Franco Taulino fagotto, Umberto Sparviero fagotto e l’Insolito Ottetto da camera “G. B. Viotti” diretto dal maestro Rino Messineo.

Daniela Scavio, laureata in Discipline Musicali con il massimo dei voti, si è diplomata in Pianoforte presso il Conservatorio di musica “A. Vivaldi” di Alessandria dove ha continuato gli studi musicali in Organo e Composizione organistica e si è successivamente diplomata in Organo sotto la guida della prof.ssa Letizia Romiti. Invitata ad esibirsi in varie rassegne concertistiche, ha suonato anche, in applauditissimi concerti, con Franco Taulino.

Questi, notissimo al pubblico livornese, diplomato in fagotto presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino sotto la guida del M° Giovanni Graglia e docente di fagotto presso il Liceo Musicale Saluzzo Plana di Alessandria, dispone di un vasto repertorio che gli permette di spaziare dalla musica barocca al rock progressivo che suona con il suo gruppo “Beggar’s Farm”.

Allievo di Taulino è il giovane tortonese Umberto Sparviero, classe 2007, vincitore del concorso Arsarea città di Fossano 2021 e in procinto di entrare al primo anno di Triennio al conservatorio di Alessandria con la cui orchestra sta già collaborando.

L’ Insolito Ottetto, di Fontanetto Po è una formazione di giovani musicisti che ha esordito nel settembre 2020 in occasione del Viotti Day and Night.

Direttore e occasionalmente tromba, è il maestro Rino Messineo, già docente di educazione musicale alla scuola secondaria di primo grado di Livorno Ferraris, che è anche alla testa della fontanettese Banda Musicale G.B. Viotti e dirigente della locale Scuola di educazione musicale.

Per chi ama la musica le due serate proposte dal “Suono 2022” non possono che far gola: quindi appuntamento alle ore 21, ingresso libero a tutti.

 

Redazione di Vercelli

 

Il Club Forza Pro organizza la trasferta di domenica 02 ottobre a Busto Arsizio, in occasione della gara contro la Pro Patria.

Il ritrovo è fissato per le ore 15,20 in via XX Settembre, di fronte all’ingresso di Parco Camana, con partenza entro le 15,30 e quota di partecipazione fissata in 13 euro.

La trasferta verrà annullata qualora non venisse raggiunto il numero minimo di 30 iscritti entro le ore 12,00 di giovedì 29 settembre.

Le prenotazioni verranno raccolte sabato 24 settembre al consueto banchetto informativo allestito presso l’ingresso Gradinata Nord dello stadio, dalle ore 15,30 fino all’inizio della partita.

Le stesse riprenderanno martedì 27 settembre presso: da Tommy, in via San Paolo n. 8 a Vercelli, tel.0161.258323 (giovedì pomeriggio chiuso).

Si invitano tutti gli interessati ad iscriversi tempestivamente ed a seguire le informazioni sull’andamento delle iscrizioni che verranno comunicate agli organi di stampa e pubblicate sui social media.

 

Per informazioni: clubforzapro@gmail.com.

 

Redazione di Vercelli

Attorno alle 16 di oggi, 21 settembre, incidente stradale autonomo (con il coinvolgimento di un solo veicolo) nel territorio comunale di Livorno Ferrarsi, lungo la Sp 7 in uscita dal paese e verso la Colombara, circa all’altezza della Riseria Arrigone e non lontano dalla chiesetta di Santa Maria di Isana.

La vettura che si vede nella fotografia è finita nel fosso che costeggia la massicciata, senza che a causa del sinistro gli occupanti abbiano riportato ferite.

 

Domenica 2 Ottobre si celebra la Giornata nazionale del Sì promossa da Aido, associazione nazionale per la donazione di organi, tessuti e cellule.

Inizialmente annunciata per il 25 settembre, la manifestazione è stata spostata di una settimana per la concomitanza con le elezioni politiche fissate, nel frattempo, in quella data.

Il 2 ottobre sarà il culmine delle tantissime iniziative diffuse sul territorio nazionale che, a seconda delle esigenze, potranno essere anticipate già dal 23 settembre oppure posticipate fino al 9 ottobre.

Aido sarà presente nelle principali piazze d’Italia con banchetti e tante altre iniziative, per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di esprimere il proprio Sì alla donazione in vita, in maniera consapevole.

Per l’occasione è stata definita una partnership con Illy Caffè, storica azienda leader del settore, per la distribuzione di migliaia di confezioni di caffè a quanti vorranno sostenere con un contributo le attività sociali.

Quest’anno, l’evento nazionale si terrà a Reggio Calabria, località scelta per sottolineare il legame di Aido con il Mezzogiorno d’Italia e il coinvolgimento di questa parte del Paese nelle battaglie che l’associazione porta avanti ogni giorno per la promozione e la diffusione della cultura del dono e l’importanza di consentire i trapianti d’organo ai pazienti che non hanno altra alternativa di cura. In particolare, domenica 2 ottobre stessa, alle ore 11, si terrà una tavola rotonda nella sala convegni del Grand Hotel Excelsior, in via Vittorio Veneto 66, nel capoluogo di regione calabro, a cui si potrà partecipare di persona e che sarà trasmessa in diretta webinar alla platea degli spettatori che vorranno collegarsi da remoto.

Le strutture regionali, provinciali e locali sono al lavoro per l’organizzazione della Giornata del Sì, affinché sia la più capillare possibile.

“La forza di Aido – afferma la presidente nazionale Flavia Petrin – è nella sua storia, ormai prossima alla ricorrenza del cinquantennale, e nella sua presenza, viva e coesa sul territorio nazionale, grazie a migliaia di volontari e donatori a cui va la nostra riconoscenza. Guardiamo al futuro, forti e consapevoli del nostro passato. Quest’anno il Sì, che è sempre un Sì alla vita, volerà da Reggio Calabria in tutta Italia”.

“Anche nella nostra provincia – fa eco Marcello Casalino, presidente AIDO della sezione provinciale “Aldo Ozino Caligaris” OdV Vercelli – saremo presenti a promuovere il nostro SI grazie alla rete dei volontari e dei gruppi comunali che sono la vera forza dell’associazione e ai partner che ci sosterranno: BIVERBANCA gruppo Banca di Asti.

L’Associazione realizzerà, infatti, vari corner informativi nelle piazze del vercellese, nella giornata d Sabato 1 Ottobre.

Domenica 2 Ottobre, alle ore 12, verrà, inoltre, celebrata la Santa Messa presso il Duomo di Vercelli e, alle ore 16.45, sarà presentata una esibizione del Coro Don Bosco di Vercelli, presso la Parrocchia Sant’Agnese di Vercelli. Seguirà rinfresco.

Sarà, insomma, una domenica per colorare di rosso e bianco, i colori di Aido, le città, compresa quella grande “città virtuale” rappresentata dalla rete internet e dai mezzi di comunicazione.

E in quest’anno, ancora segnato dall’emergenza sanitaria del Covid 19, la Giornata nazionale avrà lo spirito di chi, pur nella sofferenza, non si piega alle difficoltà ma cerca nuove modalità per fare ancora di più e ancora meglio, com’è nello spirito aidino.

Filo conduttore delle manifestazioni su tutto il territorio nazionale sarà quel Percorso del Sì, con relativo claim, intrapreso in quest’anno, con due obbiettivi: l’informazione, grazie ai volontari e al materiale divulgativo in distribuzione nelle piazze; e l’autofinanziamento, tramite la proposta di una confezione di caffè Illy in cambio di un contributo a sostegno dell’associazione, che sarà lasciato a disposizione della singola struttura territoriale promotrice delle iniziative nel proprio ambito.

Due altre iniziative caratterizzeranno la Giornata del Sì: l’illuminazione a tema, tramite proiezione di fasci di luce colorata, dei municipi dei capoluoghi di regione per valorizzare, anche solo visivamente, il Sì alla donazione; e la collaborazione con alcune diocesi e parrocchie mediante l’elevazione di preghiere dei fedeli, nel corso della celebrazione della messa vespertina del sabato sera o della domenica, a sostegno del Sì.

Infine, per la Giornata nazionale sarà creato un minisito Internet dedicato, con grafica personalizzata, foto e video dei volontari dalle piazze, la diretta della tavola rotonda da Reggio Calabria sulla pagina Facebook e sul canale You Tube di Aido, una sezione apposita dedicata all’acquisto del caffè Illy, un social wall dove troveranno spazio i post d’interazione: il minisito sarà pronto ai primi di settembre, consultabile all’indirizzo giornatanazionaleaido.it (cui rinvieranno anche i domini giornatanazionaledelsi.it e giornatadelsi.it).

Testimonial speciale della Giornata del Sì sarà la pallavolista Alice Pamio che già da tempo collabora con Aido e metterà a disposizione il suo talento e il suo entusiasmo per veicolare il Sì alla donazione soprattutto tra gli sportivi e tra i giovani.

 

Redazione di Vercelli

Un dramma della solitudine, quello che si è consumato attorno alle 20,30 di questa sera, 17 settembre, nella povera casa della centrale Via Garibaldi a Palestro.

Un uomo (classe 1978) che, dopo la recente morte della mamma, con cui viveva, era rimasto lontano da altri affetti familiari, ha compiuto un gesto anticonservativo, credendo di potere usare al triste scopo il gas contenuto in una bombola.

L’esplosione che ne è conseguita gli ha procurato ustioni, ma non pare in pericolo di vita: è stato trasportato in elisoccorso all’Ospedale di Niguarda a Milano.

I Vigili del Fuoco di Pavia non hanno impiegato molto tempo a domare l’incendio.

I vicini di casa hanno tutti accusato un forte spavento (ma non ci sono altri feriti) e le fiamme che sono seguite all’esplosione del gas hanno danneggiato (in modo non grave) anche abitazioni vicine. Particolarmente choccato un anziano che i numerosi Sanitari accorsi a bordo delle ambulanze hanno subito curato.

In Italia bisogna allargare la caccia ai cinghiali che rappresentano il principale veicolo di diffusione della Peste suina africana (Psa) con oltre 2,3 milioni di animali che stringono d’assedio città e campagne da nord e sud dell’Italia.

E’ l’allarme lanciato dal presidente della Coldiretti Ettore Prandini nella lettera al Commissario nazionale straordinario alla peste suina africana, Angelo Ferrari, nel chiedere un’efficace attuazione del PRIU (Piano regionale di interventi urgenti per la gestione, il controllo e l’eradicazione della peste suina africana nei suini da allevamento e nella specie cinghiale) rispetto all’attività venatoria nei confronti dei cinghiali.

Nel nostro territorio sono stati presi alcuni provvedimenti, volti a diminuire la presenza dei cinghiali sul territorio, che introducono delle deroghe allo svolgimento dell’attività venatoria nell’ambito delle zone di restrizione, così come la possibilità di esercitare l’attività di caccia di selezione nelle ore notturne – sottolineano il Presidente di Coldiretti Vercelli-Biella Paolo Dellarole e il Direttore Francesca Toscani -. Come facevamo già presente prima del dilagare della Peste Suina e, ancor più, dopo la diffusione dei primi casi a gennaio, occorre ridurre drasticamente il numero dei cinghiali, sia per limitare l’incidenza dei danni alle produzioni agricole, sia, soprattutto, per evitare la diffusione della PSA. Serve sostenere l’attività delle filiere agroindustriali legate agli allevamenti di maiali che garantiscono reddito, occupazione ed indotto all’Italia, oltre ovviamente a ridurre il rischio di incidenti stradali. Ora monitoreremo che vengano messe concretamente in atto, da parte di tutti gli enti interessati, le misure previste dalle recenti delibere regionali, unitamente all’applicazione del Piano Regionale di Eradicazione (PRIU), rispetto al quale è essenziale la definizione urgente delle relative linee guida attuative, così da rendere uniforme, anche in termini di semplificazione delle procedure, l’applicazione ed efficaci e tempestivi gli interventi di depopolamento. Ribadiamo quanto siano ancora irrisori i numeri degli abbattimenti dei cinghiali: a fine luglio erano poco più di 5000 capi circa quando l’obiettivo è quello di arrivare ad almeno a 50 mila. Considerata la situazione di estrema emergenza sono del tutto fuori luogo, vanno contro la realtà dei fatti e danneggiano il Paese le proposte di abolizione della caccia avanzate per contingenti e strumentali interessi politici”.

 

Redazione di Vercelli