VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

Dall’Avv. Claudia Marchesini, candidato Sindaco con la lista “E’ Primavera Borgosesia”, riceviamo e volentieri pubblichiamo.

 ***

Cari elettrici ed elettori,

Con questa lettera aperta sento il dovere di ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuto e hanno riposto in noi la loro fiducia. Ringrazio profondamente i candidati della mia lista che hanno profuso grande ed assiduo impegno in questi mesi appena trascorsi. Abbiamo lavorato duramente per preparare un programma adeguato alle nostre idee ed alle esigenze della città.

E’ primavera a Borgosesia vuole esprimere un concetto di rinascita e di miglioramento e devo dire che nel corso della campagna elettorale ho avuto la possibilità di verificare sul campo, unitamente ai candidati della lista, la passione e la voglia di cambiare di moltissimi cittadini però la resistenza al cambimento è un fenomeno che per certi versi è scritto nel nostro bagaglio biologico. Le basi sono state poste.

Cosa ha impedito un risultato migliore? Abbiamo pagato caro il prezzo della dispersione dei voti per l’dentificazione del nostro gruppo come lista “di destra”.

Al contrario ritengo che le modalità della mia candidatura e i criteri che hanno ispirato la formazione della compagine abbiano rappresentato con pienezza il concetto di lista civica.

Per noi lista civica è quella in cui ciascuno può ritrovarsi senza rinnegare la propria identità politica o culturale. In una lista civica, ciascuno si deve sentire interpellato e coinvolto, come cittadino e come individuo, in una iniziativa volta a privilegiare gli aspetti dell’azione amministrativa su quelli dell’appartenenza ad una parte politica.

Ribadisco quello che ho già espresso in altre sedi: senza “la pugnalata” da parte di chi hai appoggiato e sostenuto per dieci anni, senza riserve, l’esito sarebbe stato certo differente.

Niente ritorni al passato però!! Sono una persona determinata e credo di averlo dimostrato proseguendo nel mio impegno per la città con tenacia.

Per tutto questo non considero il risultato elettorale una sconfitta e non sono affatto pentita della decisione presa: sono certa che sia servita a mettere in moto nuove energie per migliorare la nostra città e cambiare la politica.

E’ il punto di partenza per il futuro.

Il risultato elettorale ha assegnato alla sottoscritta la funzione di opposizione e di controllo ed è quello che farò con puntualità e concretezza assicurandomi che il mio operato venga adeguatamente divulgato a mezzo stampa, social e se occorresse anche con lettere alle famiglie, in modo da coinvolgere quante più persone possibile nei miei interventi e nelle interrogazioni in seno al Consiglio Comunale.

Sarò una battagliera, a disposizione dei miei concittadini!

Grazie di cuore

Claudia Marchesini

Sembrano migliorare le condizioni del Card. Severino Poletto che ieri, 23 giugno, nella propria casa di Moncalieri, dove ha fatto ritorno dopo il ricovero delle ore precedenti, ha ricevuto la visita di Mons. Marco Arnolfo, Arcivescovo di Vercelli e Vice Presidente della Cep, la Conferenza episcopale piemontese. In questi mesi, non essendo ancora stato formalmente eletto il successore di Mons. Cesare Nosiglia all’incarico regionale, ne regge la presidenza.

Abbiamo intrattenuto con il Cardinale Poletto – dice Mons. Arnolfo – un colloquio breve, ma nel corso del quale il nostro Confratello si è mostrato molto vigile ed attento. Ha chiesto notizie del suo amico vercellese, il Sacerdote Mons. Giuseppe Cavallone e – prosegue Mons. Arnolfo – mi ha chiesto notizie della mia “numerosa famiglia”, sono parole sue, di Cavallermaggiore.

Abbiamo poi pregato insieme e prima di congedarci gli ho chiesto la sua benedizione, come lui ha voluto la mia.

Coldiretti Vercelli-Biella esprime il proprio cordoglio per l’improvvisa scomparsa del Presidente di Sezione di Borgosesia Gian Paolo Tonetti, avvenuta martedì 21 giugno in un tragico incidente stradale.

Pur essendo molto giovane, non avendo ancora compiuto 38 anni, Gian Paolo è stato sempre molto attivo nella Federazione tanto da ricoprire, oltre che il ruolo di Presidente di Sezione, anche quello di consigliere e membro di giunta. Era inoltre un apicoltore oltre che uno stimato veterinario.

Esprimiamo, insieme a tutti i consiglieri della Federazione, i soci e il personale, il nostro più sincero cordoglio per questo grave lutto – commentano il Presidente di Coldiretti Vercelli-Biella Paolo Dellarole e il Direttore Francesca Toscani -. Gian Paolo si è sempre fatto apprezzare non solo dai soci e dal personale di Coldiretti, ma da tutta la comunità Valsesiana. Presente in zona e molto disponibile era conosciutissimo in tutta la Valsesia. La sua morte improvvisa e prematura ci ha addolorati profondamente. In questo momento così triste il nostro pensiero va alla famiglia alla quale porgiamo le più sentite condoglianze ed esprimiamo tutta la nostra vicinanza”.

 

 

Redazione di Vercelli

 

Davide Gilardino è confermato Sindaco di Ronsecco.

La sua lista ha ottenuto 247 voti, mentre 58 sono andati a quella guidata da Laura Osenga, distinta dalla maggioranza, ma della stessa area politica e motivata anche dalla volontà di contrastare liste civetta.

Nessun seggio in Consiglio per le due liste outsider (Italexit, 13 voti e Lista Gay, 6 voti).

 

Una squadra dei Vigili del Fuoco del comando di Vercelli è intervenuta oggi, domenica 12 giugno intorno alle ore 5.00, sulla A4 ingresso Vercelli ovest in direzione Santhià per un incidente stradale.

L’impatto ha visto coinvolte 2 vetture tra le quali una era alimentata a GPL.

All’interno delle macchine sono state estratte due persone che sono state trasportate in codice giallo all’Ospedale di Vercelli dai sanitari del 118.

Sul posto era presente anche la Polizia Stradale.

 

Redazione di Vercelli

Sono passati quasi sei mesi da quando – leggi qui –

solo grazie all’iniziativa dei Consiglieri Comunali di opposizione, Federico Pizzamiglio e Chiara Barone, la gente di Livorno Ferraris ha potuto venire a conoscenza di informazioni complete sul progetto di un nuovo sito per la lavorazione di rifiuti vetrosi in Località Coppa.

Più tardi, bon gré – mal gré la maggioranza del Sindaco Stefano Corgnati (ma ormai, di fatto, del Vice Sindaco Franco Sandra) ha dovuto dare sostanzialmente ragione ai giovani Consiglieri di Opposizione – leggi qui – .

Adesso pare ci siano importanti novità, al punto che se ne vuole discutere nella sede certo più appropriata, quella della Commissione “Ambiente”, una delle Commissioni permanenti previste dal Regolamento del Comune e presieduta dall’Assessore Davide Mosca.

Fine delle cose corrispondenti al Regolamento per il Consiglio Comunale di Livorno Ferraris.

Perché le regole sono (sarebbero: il condizionale è d’obbligo) assai chiare.

La prima: l’avviso di convocazione delle sedute dev’essere pubblicato all’albo pretorio on line del Comune (Art.14).

Il motivo è fin troppo chiaro e si capisce bene leggendo il successivo art. 22: le sedute sono pubbliche, proprio come quelle del Consiglio Comunale ed i cittadini devono potervi partecipare, sia pure senza diritto di parola, come è ovvio.

Leggi qui integrale il Regolamento del Consiglio Comunale di Livorno Ferraris.

Tutto bene, dunque?

Pare di no.

E vediamo perché: il Presidente Mosca ha inviato, nei giorni scorsi, alcuni inviti ai Consiglieri Commissari.

Dapprima convocandoli per lunedì scorso, l’altro ieri.

Poi, retromarcia: la riunione è stata nuovamente fissata per questa sera, 8 giugno, ore 21 presso la Sede del Comune, sala Giunta.

Però, anche in questo caso, nessuna traccia dell’Atto all’albo pretorio.

La domanda perciò è lecita: perché tutto questo riserbo? Perché si preferisce che la gente non possa ascoltare?

Mentre i rumors palatini sembrano concordi nell’annunciare per domani, giovedì 9 giugno, ore 14, l’apertura al pubblico della piscina Enal di Via Tasso, si possono cogliere alcuni segnali che sembrano confermare le indiscrezioni.

Il primo: sono arrivati in Via Tasso le patatine ed il frizzantino; si potrà forse fare una bicchierata bene augurale:

Uno spumante dal colore giallo paglierino tenue. Profumi fruttati di pesca e pera con note floreali di acacia sul finale. Al palato è morbido e fresco con una piacevole nota minerale”.

Così ne parla uno dei possibili Fornitori – leggi qui – anche per giustificare la bella cifra di 5 euro la bottiglia: soldi spesi bene.

Il secondo: Insieme, ci sono anche le cialde per i caffè e, più “tecnico”, il Control Pul.

Insomma, non mancherebbe niente e non c’è che aspettare domani per saperne di  più: fino a questa sera, sul cancellone d’epoca littoria, ancora nessun cartello; niente di più facile che ci pensino domattina.

Buon per lei, arrivata a 65 anni di età, è già in pensione da tanto tempo.

Ma non è stata certo dimenticata dai suoi affezionati estimatori, come dimostra anche il raduno di domenica 5 giugno, organizzato dal Club vercellese dei fortunati proprietari di Fiat 500.

Perché la piccola Fiat che ha reso davvero possibile la mobilità popolare, nacque appunto nel 1957, per restare in produzione fino al 1977, nella versione Giardiniera, la più longeva.

Più esattamente, si trattò della “Nuova 500” perché la prima “mezzo litro” del Lingotto era stata la “Topolino”, dal 1936 in poi.

Fu preceduta, nel 1955, dalla “600”, sorella maggiore pure amata e baciata dal successo, anche per qualche indimenticabile variazione sul tema, come la “Multipla”, una monovolume ante litteram versatile e preziosa compagna di vita e lavoro.

Domenica, dunque, con tante 500 (e qualche 600, poi altre motorizzazioni raffreddate ad aria, come la 2Cv Citroen) convenute davanti a S.Andrea per il raduno dei 65 anni, chiamate a raccolta dall’infaticabile Andrea Valeriano.

Un tuffo nel passato, il vento caldo dei ricordi che ha raggiunto i cuori.

Sicchè, oltre ai complimenti per la bella manifestazione, sono dovuti anche i ringraziamenti per averci dato queste emozioni.

Ora vi lasciamo con il video che riprende lo sciamare festoso delle 500 verso il breve tragitto al centro della città e poi al campo sportivo del Canadà e con la gallery che, almeno speriamo, non ne ha dimenticata nessuna.

Come non era stato difficile prevedere, i lavori di sostituzione di una ampia porzione del telo in pvc che riveste la vasca di balneazione alla piscina Enal sono terminati già da alcuni giorni.

Da sabato scorso la situazione (l’immagine è di oggi, 6 giugno) è quella che si vede nella foto di apertura e, perciò, almeno apparentemente, non c’è nulla che impedisca l’apertura al pubblico dell’impianto.

Tutta diversa la situazione che riguarda la vasca esterna del Centro Nuoto.

Come ormai risaputo non si tratta di una nuova vasca esterna, ma di quella vecchia della piscina coperta, cui è stata aggiunta, questa sì, nuova, una vasca minore per bambini, a ridosso del “coperchio”.

Lavori anche – di Atena Asm – per le condutture d’acqua interrate, in via Baratto.

Le immagini fanno ritenere che per quest’anno sarà molto difficile attivare la parte esterna dell’impianto nella stessa Via Baratto.

A parte lo stato d’avanzamento lavori che si può vedere dalle immagini, resta poi il problema, forse minore, ma in questi casi decisivo, di fare crescere l’erba su terreni fino a poco tempo prima percorsi dai mezzi d’opera.

Comunque, l’Enal a giorni apre ed il coperchio si potrà scoperchiare un po’.

In occasione della Festa della Repubblica la banda musicale GB Viotti di Fontanetto Po ha organizzato un concerto denominato “Note di Pace” per sensibilizzare sul tema.

E’ stata una manifestazione riuscita alla perfezione e conciliare la Festa della Repubblica con un momento per ribadire l’importanza della pace si è rivelata un’idea vincente.

La cittadinanza ha risposto in massa e numerosi sono stati gli spettatori presso Piazza Garibaldi.

La Banda Musicale GB Viotti diretta dal maestro Rino Messineo e guidata dal presidente Livio Gennaro ha proposto brani a tema della pace ed i bambini della Scuola dell’Infanzia e Primaria, guidati dagli insegnanti, hanno letto alcuni loro pensieri a tema della pace ed hanno esposto numerosi disegni sul loro pensiero di pace.

E’ stata l’occasione per ringraziare un amico di Fontanetto Po che ha contribuito ad aiutarci durante la pandemia e che oggi si sta prodigando attivamente per aiutare le popolazioni dell’Ucraina: il maestro Carlo Olmo.

E’ stato un onore averlo tra noi in quest’occasione ed ospitarlo in quest’occasione ha dato un forte prestigio alla manifestazione.

Un ringraziamento particolare ai volontari dell’Associazione Vita Tre che ha organizzato un breve rinfresco al termine della manifestazione.

Riccardo Vallino

 

Redazione di Vercelli