VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli
Trinese
Iniziativa attuale che si richiama alla Tradizione

TRINO - Quando bisogna aguzzare l'ingegno, sempre utile un bel convivio - L'Agape si conclude con la compieta

Il dialogo ha suggerito nuove idee per San Bartolomeo

(marilisa frison) – Dall’inizio del mese di luglio i componenti del Consiglio Pastorale di Trino, tutti i venerdì sera, alle 20, si riuniscono in parrocchia con i sacerdoti per un’ Agape.

Una cena consumata insieme, in cui si condivide ciò che ognuno porta, è un bel momento per vivere assieme e conoscersi meglio, non è un obbligo, se qualcuno non può non succede nulla, sarà presente la volta successiva o quando potrà.
È un momento importante per poter prendere delle decisioni, proporre e condividere iniziative, e quale luogo migliore se non a tavola?
Infatti, è proprio a tavola che nascono le idee migliori.

Durante l’Agape, che inizia sempre con una preghiera, gustando e deliziando il palato con le prelibatezze che ciascuno porta, si mette a conoscenza dei presenti i problemi e le difficoltà che ognuno ha riscontrato nel suo prossimo e si cerca unendo le forze di trovare la soluzione migliore. Gli argomenti sono sempre diversi, si cerca anche di trovare un modo per coinvolgere i giovani e riportarli alla fede, troppi ragazzi si stanno allontanando dalla Chiesa, che è amore, e bisogna fargli riscoprire la bellezza che è Dio Padre.
Questo venerdì appena trascorso l’argomento toccato è stata l’imminente festa patronale di San Bartolomeo, e si è pensato di fare un qualcosa, oltre che nel giorno in cui si festeggia il Santo Patrono, domenica 28 agosto, proprio nel giorno in cui ricorre la sua festa, il 24 agosto.

L’idea, da perfezionare, è stata di creare un momento di preghiera in chiesa, alle 21, in cui si renderà omaggio al nostro Santo Patrono Bartolomeo e si parlerà di Lui, questo per far capire l’importanza della patronale, e soprattutto perché non si faccia festa dimenticandosi del festeggiato.
L’Agape si conclude intorno alle 22,30 con la preghiera della compieta, ovvero l’ultimo momento di preghiera della giornata, recitata tutti insieme.

notizie correlate