VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

ANZINO (VCO) - “Domenica del Giglio” , festa del primo miracolo di S. Antonio da Padova nel paese        

La Festa celebra in modo particolare il legame profondo tra il Santo e gli anzinesi e richiama moltissimi pellegrini da tutte le valli circostanti e da tutta la diocesi di Novara

PiemonteOggi, Regione Piemonte, vco

Il paese di Anzino e il suo santuario tornano a celebrare anche nel 2022 la Domenica del Giglio, una festa esclusivamente anzinese che ricorda il primo miracolo di S. Antonio di Padova in paese.

La ricorrenza è legata alla memoria dell’arrivo di quello che la tradizione definisce il quadro miracoloso di S. Antonio nel paese della Valle Anzasca.

Nei secoli la comunità di Anzino aveva stabilito una forte colonia nella città di Roma e gli emigranti avevano sempre manifestato l’attaccamento al paese natale con l’arricchimento della chiesa e varie opere a favore del paese.

La più importante di queste, quelle maggiormente identitaria e cara agli anzinesi fu la donazione nel 1668 di una pala d’altare che raffigura i miracoli del santo. Al centro la visione del bambino Gesù da parte di Antonio, incorniciata sui quattro lati da piccole formelle dipinte sulla medesima tela con altri celebri miracoli del santo.

La tradizione narra di come in quadro partì da Roma giungendo ad Anzino nel gennaio del 1669; lungo il tragitto il prezioso carico dovette passare dogane, posti di blocco e pagamento dei dazi, e in queste occasioni il quadro sarebbe scomparso e apparso più volte dalla tela. Si narra sempre che alla fine del viaggio, giungendo in paese, il quadro fu salutato dalla fioritura dei gigli del santo nei pascoli di Anzino.

La tela conobbe da subito una particolare venerazione: è del 2021 il ritrovamento di testimonianze d’archivio di questa venerazione già nel 1689, vent’anni dopo i fatti. In un registro della confraternita si annota in quell’anno e in molti altri successivi l’acquisto di polvere da sparo per solennizzare la festa che si celebrava già in gennaio “a ricordo delle prime grazie compiute da S. Antonio su questo altare”.

La festa della Domenica del Giglio, così chiamata già nell’800, celebra in modo particolare il legame profondo tra il Santo e gli anzinesi, e richiama moltissimi pellegrini da tutte le valli circostanti e da tutta la diocesi di Novara.

Nel 2022 prosegue l’uso ormai consolidato che a officiare le funzioni della Domenica del Giglio ad Anzino sia il rettore della Pontificia Basilica del Santo di Padova; da quest’anno Padre Antonio Ramina, che è succeduto nel 2021 a Padre Oliviero Svanera (presente ad Anzino nel 2019 e 2020). Con lui saranno presenti altri due frati della comunità padovana.

Durante tutte le celebrazioni saranno rispettate le vigenti norme sanitarie.

Il programma della festa Triduo di preparazione

Dal 26 al 28 gennaio

Ore 20.30: S. Messa all’altare di S. Antonio.

Domenica del Giglio 29 gennaio

Ore 20.30: primi vespri

30 gennaio

Ore 11.00: S. Messa Solenne

Ore 15.30: Vespro Solenne

Sia nel triduo che il giorno della festa ci sarà la possibilità di confessarsi grazie alla presenza dei sacerdoti.

La festa di gennaio costituisce un unicum a livello nazionale, in quanto il Santo è canonicamente celebrato il 13 giugno; il santuario di Anzino celebra con questa domenica una ulteriore fonte di attaccamento alla devozione e alla fede della nostra terra, e rimarca il suo ruolo di più importante centro della devozione antoniana in diocesi di Novara.

Grazie al quadro di S. Antonio e alla spiritualità che scaturisce dalla figura del santo infatti il paese divenne sin dalle origini meta di pellegrinaggi da tutta l’Ossola, dalla Valsesia, dal Cusio, Verbano e dalla diocesi di Novara, collocandosi così alla pari degli altri importanti santuari diocesani.

Il santuario invita tutti i pellegrini al rispetto delle norme sanitarie in vigore, in particolare all’osservanza del distanziamento e ad indossare la mascherina; sarà disponibile presso la chiesa un punto per la prenotazione delle S. Messe che verranno celebrate all’altare del Santo.

Per informazioni: tel. 3479341020 -3480368661 -3478314121 www.santuarioanzino.it

info@santuarioanzino.it

Redazione di Vercelli