VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

PROGETTO “MENS SANA IN CORPORE SANO - Studenti dell’Avogadro sezione ITIS di Santhià, sorprendono nell’Orienteering a livello mondiale          

25 studenti di diversa età hanno partecipato a questa esperienza

PiemonteOggi, Santhiatese e Cavaglià

Dal progetto “Mens sana in corpore sano” dell’Istituto Superiore Avogadro sezione ITIS di Santhià, coordinato dalla Professoressa  Rosanna Cavoli da interattivo con la società civile, nel corso dei mesi di novembre, dicembre e gennaio in collaborazione con la Polisportiva Vercellese 2020 ASD è stato fatto conoscere lo sport dell’orienteering integrandolo con le lezioni di informatica coadiuvate dal professor Luca Oliva.

Con alcune prove istruttive all’interno del plesso scolastico di Santhià e nel centro di atletica Beatrice Bedon, ben 25 studenti di diversa età hanno partecipato a questa esperienza.

Dopo le varie prove pratiche di informatica vi è stata una selezione di 4 studenti che si sono cimentati tra la fine di dicembre e il mese di gennaio in una competizione internazionale virtuale di Trail-O, Orienteering di precisione, che prevede la lettura precisa di una mappa di orienteering e del terreno corrispondente. La competizione denominata TORUS-TempO Online Races Ultimate Series (TORUS Cup) è un trofeo internazionale online di Trail Orienteering (disciplina TempO). Il tutto è stato ideato durante la situazione pandemica del 2020, dove le manifestazioni reali in presenza sono state limitate nella maggior parte delle nazioni, è stato creato il circuito internazionale di TempO online con il quale gli atleti posso continuare ad allenarsi e/o gareggiare con la lettura delle mappe.

L’evento, iniziato il 3 gennaio è terminato il 24 gennaio, era valevole per la Swedish Forest Cup II.

Le 10 prove sono state ambientate nei boschi svedesi nella regione di Uppsala e hanno visto la partecipazione di molti campioni del mondo dell’Orienteering, e anche di diversi agonisti italiani e di molti appassionati del settore con una partecipazione di circa 800 atleti per 380 società per 45 nazioni.

I nostri giovani studenti fin dalle prime prove hanno dimostrato una buona lettura delle mappe con dei buoni risultati. Bouchaib Katai in certe giornate non ha commesso errori nella lettura territoriale di alcune stazioni e gli ha permesso di arrivare nella classifica generale al 410 posto, da sottolineare che in alcune giornate ha superato l’Istruttore Luigi Mattea delle P. Vercellese 2020.

A seguire Gabriele Battistutta al 486 posto molto veloce nella lettura delle mappe e nel dare le risposte ma con qualche errore di troppo, mentre Lorenzo Gramaglia giunge al 535 posto dove in alcune giornate ha concluso delle stazioni senza errori, chiude al 672 posto Riccardo Accatino.

Questi risultati hanno permesso all’Istituto Avogadro di classificarsi come squadra al 65 posto e al sesto posto come squadra Italiana.

Alla fine della competizione la soddisfazione della Professoressa Cavoli con un commento di poche parole “Ottimo al di la di ogni aspettativa” e del delegato Regionale della FISO (Federazione Italiana Sport Orientamento) PIEMONTE Massimo Ghirardi orientista di lunga esperienza che esprime un parere tecnico e non solo “Prove con letture delle carte difficili adatte agli agonisti, in alcune giornate qualcuno dei giovani mi ha superato…complimenti”.

Redazione di Vercelli