VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

LA CLASSIFICA E' FERMISSIMA, IL GIOCO ASSENTE - Il Trento si ripete come all'andata e vince 2-1. Pro Vercelli in confusione totale - Il commento di Stefano Di Tano      

Vercelli Città

(Stefano Di Tano, per Vercelli Oggi) –  Domenica 8 gennaio 2023.

Si stringe il cerchio che ad agosto 2022 conteneva promesse e le speranze di una Pro Vercelli in grado di affrontare il nuovo campionato con qualche certezza in più del passato, la Dirigenza si è rafforzata numericamente ed economicamente, e pure l’innesto di alcuni nomi nuovi nella formazione titolare e nel parco giocatori.  Ma tanto entusiasmo era giunto per l’arrivo in Via Massaua del nuovo allenatore – Massimo Paci – considerato una “rivelazione” per le capacità di interpretare il gioco moderno e tentare persino di avvicinare la squadra al traguardo desiderato da tutti, i play out.

In verità il primo passo della Pro nel Girone A del campionato fu una botta di fortuna e di valori in campo con la vittoria netta sul Padova (1 – 0) cui seguirono momenti altalenanti per i quali si tendeva a progettare ambite speranze.

Ben presto, la verità ha cominciato a raffreddare i cuori ed i muscoli, presentando un conto molto salato, composto da sconfitte cocenti, pareggi assurdi, bassa concentrazione nei momenti di maggiore necessità, salvo qualche buona impennata che è servita ad alimentare i pensieri positivi ed a racimolare due dozzine di punti.

E siamo giunti a dicembre/gennaio, con la discesa sfrenata verso le sabbie mobili, specialmente sul ramo del gioco e dell’equilibrio tattico, dell’organizzazione fra i settori, della voglia di riscatto quando si perde.

Pro Vercelli – Trento (1-2) è stata l’ennesima batosta accusata dallo stesso Mr. Paci, ma abbattutasi sulla Dirigenza ed i Tifosi impotenti, non corrisposti nelle loro incessanti richieste di dare un volto chiaro al lavoro sul campo dei giocatori.

Si continuano a produrre falli da rigore, a ricevere pesanti e numerose ammonizioni, assurdi spostamenti di ruoli con una “varietà” di formazioni che non ha né capo né coda, come se fosse un balletto casuale, una specie di esperimento settimanale alla continua ricerca della miscela magica che porta alla vittoria.

Invece niente:  pochi i segni positivi ricorrenti, come i goals di Gianmario Comi (n. 10) e Matteo Della Morte, insufficienti però a dare continuità ed a conquistare punti salvezza…

Il pubblico, in questa situazione è evidentemente tacitato nel suo entusiasmo, ed in molti casi ha perso il senso dell’appartenenza al ruolo di sostenitore.

Ritrovare tutti gli Assenti sarà difficile, ma forse ancora possibile.

La Società, il Presidente dott. Pinciroli, il D.s. avv. Casella dovranno trovare delle idee che assorbano gli sbagli e procurino delle soluzioni in tempi brevi.

Questo al momento è ciò che si aspettano tutti, ed è ciò che si richiede per rispetto e sostegno al nome della Fc Pro Vercelli nell’anno 130° dalla sua fondazione (1892-2022).

Forza Pro Vercelli, noi invochiamo, sperando di trovare la strada del recupero e della serenità.

Sono mesi importanti quelli che ci aspettano, non arrendiamoci: lo abbiamo fatto con successo tante volte!

Adesso è ora di rialzare la testa.

Prima del fischio d’inizio della sfortunata gara contro il Trento, le Squadre  riunite a cerchio in centrocampo hanno reso onore a due Grandi Campioni del Calcio scomparsi nei giorni scorsi lasciando nel dolore le loro famiglie, i tifosi di molte città, e tutti gli sportivi italiani, anche sui campi esteri.

Un minuto di silenzio e un grande applauso per Sinisa Mihajlovic e Gianluca Vialli, uomini forti, uomini sinceri, esempi di dignità e di attaccamento al loro lavoro. (sd)

La formazione della Pro Vercelli:  Valentini, Iezzi(Renault), Cristini,Perrotta, Macchioni, Saco(Comi), Corradini,Iotti (Calvani), Vergara, Della Morte, Arrighini (Gatto) – In panchina: Lancellotti,Rigon,Masi, Mustacchio, Emmanuello, Ghezzi, Clemente, Anastasio, McAntony, Guindo.

I Goal: Bocalon (T) rigore; Comi (PV)al 48′ – Pasquato (T) al 74′.

 

Redazione di Vercelli