VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

PALLACANESTRO FEMMINILE VERCELLI - SERIE C - Vittoria esterna contro l’Area Pro 2020          

Le vercellesi con la vittoria mantengono la corsa per le final four

Vercelli Città

Campionato regionale di Serie C

Girone per la qualificazione alle final four per la serie B

4^ giornata di andata

Lunedì 25.4.2022 ore 20,45

A Rivalta (TO) Palestra sc.Elem. Calvino

Area Pro 2020Pallacanestro Femminile Vercelli  44-59

(parziali:7-7; 20-20; 30-30)

PFV: Bassani 4; Bouchefra ; Acciarino 7; Ansu 12; Pollastro 7; Coralluzzo 6; Deangelis 8; Leone G. 3; Leone S.8; Sarrocco 2; Bertelegni 2; Gentilini. All.: Gabriele Bendazzi; Ass. Andrea Congionti.

La PFV si mantiene in corsa per le “final four” andando a vincere a Rivalta contro Area Pro 2020 per 44-59, al termine di una partita piuttosto anomala, in perfetto equilibrio per tre quarti di gara e risolta improvvisamente con autorità negli ultimi 10’ dalla squadra ospite.

Forse a causa della lunga sosta (prima per Covid e poi per Pasqua) le vercellesi sono apparse un po’ arrugginite nella prima parte del match, tenendo ritmi bassi e segnando con il contagocce, pur non commettendo soverchi errori, in questo imitate dalle padrone di casa, che non erano in grado di fare meglio.

Come si vede dai parziali dei quarti, la gara non ha offerto all’inizio grandi spunti, posto che il primo periodo si è concluso sul 7-7, a testimonianza della scarsa vena (quantomeno offensiva) di entrambe le formazioni in campo, e dell’intensità di gioco vicina allo zero.

Nel secondo periodo la solfa non cambiava di molto: si segnava un po’ di più (13-13) ma i ritmi restavano bassi e perdurava la parità assoluta (20-20) anche all’intervallo lungo.

Il terzo periodo non faceva eccezione, posto che le squadre rimanevano in perfetta parità sul 30-30 a tre quarti gara, con soli 30 punti realizzati per parte e ritmi di gioco piuttosto scarsi.

Era invece ad inizio ultimo quarto che la PFV si risvegliava dal torpore, gestendo al meglio le proprie risorse, risparmiate in precedenza, e mettendo a segno nei primi 6’ un primo allungo “di prova” sul 34-44, per poi regolare l’avversaria con un ulteriore break di 10-15: totale 14-29 in un quarto (quando nei primi tre si erano segnati solo 30 punti in tutto) e giochi chiusi, meritatamente, per le vercellesi.

Un po’ di numeri: la PFV ha tirato con il 40% da due (16 su 40), il 25% da tre (3 su 12) ed il 66% ai liberi (16 su 24), percentuali accettabili ma dovute anche alla non eccessiva intensità del match, per 30 minuti. Ha catturato 46 rimbalzi (di cui 10 offensivi) recuperato 8 palloni contro i 13 persi, fatto 5 assist e dato due stoppate senza subirne alcuna.

Certamente una prova positiva (+65 di valutazione) corroborata dalla sempre confortante circostanza che tutte le giocatrici si sono spartite l’onere di segnare punti (una sola in doppia cifra, Ansu con 12) rendendo, così, più difficile alle avversarie trovare punti di riferimento precisi sui quali difendere e aiutandosi reciprocamente nelle conclusioni.

Rimarchevole, comunque, lo spunto finale delle vercellesi che, dopo tre quarti in assoluta parità (dato piuttosto inusuale), sono state in grado di mettere la freccia e sorpassare perentoriamente Area Pro, squadra – per la verità – apparsa tutt’altro che trascendentale.

Ottimo risultato nella corsa alle finali a quattro, quindi, sul raggiungimento delle quali si potranno avere le idee più chiare dopo le prossime due gare, il recupero del 3 maggio ore 21.15 a Vercelli contro la Beinaschese, e quella di Ceva, prima giornata del girone di ritorno.

Redazione di Vercelli