VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

CAGE WARRIORS - L’atleta vercellese di MMA, Emanuele Sabatino protagonista a Roma      

  Sabatino sarà protagonista a Roma nel primo evento italiano della più importante promotion europea di questo sport

Vercelli Città

Lo chiamano Clark Kent per la sua somiglianza con l’alter ego di Superman e perché anche lui ha una doppia identità: simpatico e tranquillo nella vita di tutti i giorni ma implacabile nell’Ottagono.

Lui è Emanuele Sabatino, ha 26 anni, è un atleta di MMA (le arti marziali miste) e venerdì 7 ottobre sarà protagonista a Roma nel primo evento italiano di Cage Warriors, la più importante promotion europea di questo sport.

Per capirci stiamo parlando dell’organizzazione che ha lanciato tanti futuri campioni dell’UFC, il top mondiale delle MMA, in primis un personaggio che con la sua fama ha superato i confini degli sport da combattimento, Conor McGregor.

Non stupisce quindi che l’evento abbia esaurito in meno di 24 ore tutti i biglietti disponibili alla Fiera di Roma e che sarà trasmesso dalle TV di 180 Paesi (in Italia in chiaro e in diretta dalle 18.00 sulla piattaforma mola.tv).

Emanuele è di Vercelli ma combatte per il Cardano Top Team di Novara.

Ha iniziato questo sport 8 anni fa nella sua città alla palestra The Crew dove tutt’ora lavora come istruttore e personal trainer di cross fit e pesistica.

Il suo palmares ci dice che da dilettante ha vinto i campionati italiani ed ha vestito la maglia azzurra agli Europei ed ai Mondiali. Nel 2019 è invece diventato professionista e ad oggi può vantarsi di 3 successi (1 priam del limite) ed 1 sola sconfitta arrivata ai punti contro il molto più esperto Michelangelo Colangelo.

Nella capitale dovrà invece vedersela nei Pesi Welter (al limite dei 77 KG) col polacco Karol Michalak, che ha un record simile al suo (3 vittorie ed 1 sconfitta) ed ha già debuttato in Cage Warriors lo scorso aprile ma finendo Ko.

Non mi preoccupa molto – dice Sabatinoho visto i suoi video. Sembra forte fisicamente ma sul piano tecnico, pur sapendo lavorare su tutte le distanze del combattimento, non sa concretizzare i suoi sforzi. Io ovviamente voglio vincere e tornare al successo nel primo evento italiano di Cage Warriors sarebbe la più grande soddisfazione della mai carriera”.

 

 

Redazione di Vercelli