VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

LE BIANCHE CASACCHE SOTTO PRESSIONE CON IL  V. VERONA MA DELLA MORTE CI PORTA  ALLA VITTORIA -  Settimo risultato positivo della Pro Vercelli - Il commento di Stefano Di Tano    

Tanto impegno del centrocampo e della difesa, ma è sempre l'attacco che stenta a realizzare. Confortante Classifica (33 punti)

PiemonteOggi, Regione Piemonte, Vercelli Città

(Stefano Di Tano) – Tradizionale formazione della Pro Vercelli che scende in campo sabato 5 febbraio con la chiara determinazione di vincere.  Si capisce fin dai primi minuti, ma la Virtus Verona risponde con pericolose iniziative destinate a rendere più prudente la difesa dei bianchi. Si gioca sui due fronti con prevalenza fisica dei veronesi nel primo tempo, fortunatamente senza raggiungere l’obiettivo.

In porta, Matteo Rizzo (PV) è attento nei vari interventi sui palloni indirizzati a fil di palo dai veronesi, ma facilmente accessibili alla sua portata. E’ difficile come sempre in attacco la possibilità di trasformare le occasioni che la squadra di Franco Lerda propone numericamente in buona quantità.  I tentativi di Panico, Bunino, Auriletto, Emmanuello vanno ripetutamente a vuoto, seppure siano di buona qualità, tanto che gli applausi alla Pro da parte dei suoi tifosi sono numerosi ma timidi e pieni di speranza.

E’ il secondo tempo che finalmente si apre con una buona notizia; la Pro passa in vantaggio su una delle tante mischie in area, proprio quelle che di solito finiscono male. Grazie alla  cocciutaggine di Matteo Della Morte (n. 11);  il pallone gli rimbalza fra i piedi e di istinto infila l’esterrefatto Alessandro Giacomel che nulla poteva fare sulla precisa deviazione del nostro attaccante. 

Comincia così fin troppo presto la conta alla rovescia in attesa del 90° minuto per poter concretizzare l’atteso risultato positivo, e far dimenticare la scarsa qualità dell’ultima esibizione dei bianchi contro la Pro Sesto, squadra ultima in classifica, che ha imbrigliato la Pro nel recupero giocato al Piola (0-0) solo quattro giorni prima: una grande delusione sulle attese di tutto lo staff, dei tifosi e della dirigenza. 

Non è stato facile arrivare al triplice fischio senza subire danni. La Virtus Verona ha reagito anche disordinatamente ma con forza. Sono nate azioni reciproche a centrocampo ed in difesa con risvolti duramente fallosi, interventi dei medici sul campo, interruzioni di gioco per ammonizioni (Pro V. – Cristini, Panico, Crialese, Rolando) e persino dubbiose situazioni di gioco che potevano cambiare il risultato con un paio di calci di rigore dall’una e dall’altra parte.  

Come una liberazione, l’arbitro riminese Walter Villa dopo 4 minuti di ricupero ha chiuso la gara. 

La Pro deve lavorare ancora molto per migliorare l’assetto ed i compiti dei suoi uomini, e provare soluzioni nuove con i recenti acquisti che tutti aspettano di vedere all’opera nelle impegnative partite che ci aspettano. Prima di tutto, il match di Bolzano contro il SudTirol (primo in classifica con 59 punti) in programma il 13 febbraio.

Non possiamo che augurarci di vedere una grande Pro, quella che negli impegni più difficili sa tirare fuori le unghie e battersi con orgoglio e la massima determinazione.

Con questa vittoria, ci riportiamo vicinissimi alle alte posizioni delle squadre che ambiscono al play-off.  Un bel  campionato ancora tutto da giocare.

Redazione di Vercelli