il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
PiemonteOggi, Regione Piemonte, Santhiatese e Cavaglià

SANTHIÀ - Regolamento per la tutela e il benessere degli animali. Alessandro Caprioglio, Capogruppo Uniti per la Rinascita, ha inviato un’interrogazione a risposta scritta in merito alle misure adottate per il capodanno          

L’amministrazione comunale ha indicato di attenersi al Regolamento per la tutela e il benessere degli animali senza avere emanato alcuna ordinanza riguardante l’utilizzo di  fuochi artificiali, petardi, girandole e similari

Di seguito l’interrogazione di Alessandro Caprioglio in merito all’enfasi che l’amministrazione comunale di Santhià ha posto in essere sul rispetto del  Regolamento perla tutela e il benessere degli animali.

                                               ***

Gent.mo Sindaco Signora Angela Ariotti

Gent.mo Consigliere Delegato Legalità, sicurezza e senso civico Mauro Bedon

Gent.mo Segretario Comunale Dott. Francesco Cammarano

P.c.    

Gent.ma Capogruppo Alessandra Ferragatta

Get.mo Capogruppo Gilberto Canova

Gent.mo Capogruppo Biagio Munì

Oggetto: Interrogazione a risposta scritta e ai sensi del D. LGS. 267/2000 ART. 43, comma. 1

Il Sottoscritto Alessandro Caprioglio nato a Torino il 16/01/1972 e residente a Santhià in Via G. Marconi 19 in qualità di Consigliere Comunale ( Gruppo Uniti per la Rinascita) ai sensi dell’articolo 43 comma. 1 e comma 3 del D. LGS. 267/2000 e dell’art. 40 comma 1 e seguenti del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale e art. 9 comma 5 dello Statuto

Premesso

Che per i rituali festeggiamenti del 31 dicembre 2021, notte di capodanno, l’amministrazione comunale ha indicato di attenersi al Regolamento per la tutela e il benessere degli animali senza avere emanato alcuna ordinanza riguardante l’utilizzo di  fuochi artificiali, petardi, girandole e similari.

Che l’articolo 54 D.lgs 267/2000 attribuisce al Sindaco prerogative di Ordine Pubblico e che in data 30/12/2021 sulla pagina social del Comune di Santhià veniva pubblicato un seguente post, prontamente ripreso e condiviso dal profilo personale del Sindaco e ripreso con modifiche dal Consigliere Delegato Legalità, sicurezza e senso civico Mauro Bedon

Lasciando appunto  intendere che è difficile controllare e pertanto nessun controllo sarà effettuato.

L’articolo 6 del Regolamento per la tutela e il benessere degli animali comma 6 indica che è vietato su tutto il territorio comunale far esplodere botti, petardi, fuochi d’artificio e articoli pirotecnici in genere. L’attivazione di botti, petardi, fuochi d’artificio e simili può configurarsi come maltrattamento e comportamento lesivo nei confronti degli animali e comporta quindi la responsabilità dei trasgressori. Eventuali autorizzazioni in deroga saranno valutate dalla Giunta comunale.

Notiamo

l’enfasi posta per evidenziare il regolamento che tutela il benessere degli animali

Interroghiamo

  • per conoscere il personale di polizia locale in servizio dalle ore 23.00 del 31/12/2021 alle ore 02.00 del 01/01/2022, indicando il numero di unità effettive in servizio
  • Se è stato coinvolto il personale in forza alla locale Caserma dei Carabinieri per il rispetto del regolamento comunale da voi indicato in tale occasione
  • Per conoscere il numero dei verbali elevati e l’ammontare delle sanzioni irrogate
  • Su quale sia il senso di fare annunci propagandistici sui social per la tutela degli animali e poi annunciare che siano difficili i controlli?

Dichiaro che l’ottenimento di tali informazioni sono necessarie per l’espletamento del proprio mandato elettivo e che i dati ivi contenuti saranno trattati esclusivamente per lo svolgimento delle funzioni istituzionali correlate alla carica ricoperta, nei limiti stabiliti dalle legge, dai regolamenti, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia di protezione dei dati personali (Regolamento UE 2016/679, D.lgs. 196/2003 e s.m.i.).

Dichiaro inoltre di essere a conoscenza che, in relazione alle informazioni ed alle notizie acquisite mediante le notizie sopra richieste, sono tenuto al segreto d’ufficio nei casi specificatamente previsti dalla legge e da voi indicato di volta in volta nella trasmissione dello specifico documento, nel caso se ne ravvisi la casistica, per cui è fatto divieto l’utilizzo per scopi privati, la consegna a terzi e la diffusione.

Santhià, 03/01/2022

Dott. Alessandro Caprioglio Consigliere Comunale Città di Santhià Capogruppo Uniti per la Rinascita

Redazione di Vercelli

notizie correlate