VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli
Dapprima uno strappo contenuto, poi le cose devono essersi complicate - Leggi la previsione di spesa

PISCINA ENAL - Si mette un "taccone" al telo blu in pvc - Operazione necessaria, forse più estesa rispetto alla stima iniziale

La tempistica non dovrebbe riservare sorprese

Lo hanno anticipato i giornalisti di Notizia Oggi Vercelli: il rivestimento in pvc (il telo blu) della vasca di balneazione della piscina Enal presentava una lacerazione della lunghezza di almeno un metro – metro e mezzo.

Alcuni residenti nei condomìni che circondano la struttura hanno anche reso documentazione fotografica.

Il Comune ha perciò creduto bene provvedere, riparando il buco.

Non sarà superfluo anche cercare di capire come abbia fatto a prodursi uno strappo del genere, ma, come si dice, a ciascuno il proprio mestiere.

Stiamo allo strappo.

L’Ufficio Tecnico ha, per conseguenza della decisione della Giunta,

avviato una procedura, invero più che ragionevole – leggi qui – .

In sostanza, si dice: poiché il telo è stato posato anni addietro (per la cronaca, a cura e spese della Società Gestel) e poiché non è certo che un “taccone” di telo nuovo applicato ad un telo vecchio possa assicurare la tenuta, facciamo prima un test.

Costo del test, 800 euro.

Se – continua l’atto – vediamo che regge, allora facciamo una riparazione, con porzione ampia a sufficienza di telo nuovo, e il tutto (ispezione, test e taccone adeguato) costerà 4 mila euro circa, IVA compresa.

Come si vede dalle foto, le cose devono essere poi verosimilmente andate anche oltre la previsione, così che pare (diciamo “pare” perché altri Atti non ce ne sono) si proceda a carico di tutta la copertura in pvc di uno dei due lati lunghi della vasca, quello in corrispondenza del solarium.

Se così fosse, la spesa difficilmente potrebbe essere contenuta nei 4 mila euro previsti.

Ma, comunque, si tratta di lavori necessari e, per quello che si è letto fino a ora, predisposti con accortezza anche dal punto di vista della previsione di spesa.

La durata dell’intervento?

Da come sono “incamminati”, potrebbe essere tutto terminato già lunedì 30, massimo martedì 31 maggio prossimo.