VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

CRESCENTINO – La città si conferma “Comune Turistico” anche per l'anno 2022

Un importante riconoscimento per la città che vanta molti luoghi che meritano sicuramente una tappa

Crescentinese

Crescentino si conferma Comune Turistico anche per l’anno 2022.

Il Settore valorizzazione turistica del territorio della Regione Piemonte ha confermato la Città nell’elenco previsto dalla legge regionale 14 del 2016.

Uno strumento di forte stimolo alle realtà definite a vocazione turistica, che comprende a livello regionale 502 comuni, di cui 33 nel vercellese.

I criteri da soddisfare erano la presenza di stanziamenti specifici di bilancio sul capitolo turismo, un adeguato numero di posti letto ricettivi, la presenza di attrattive naturali, storiche, artistiche, sportive, unite alla spiccata valenza turistica enogastronomica, attestata anche dalla presenza di prodotti tipici legati al nome del Comune. E Crescentino, con i suoi beni artistici ed architettonici, il territorio naturalistico che lo circonda, la ciclovia Ven.to., l’antica via di percorrenza Pavia – Torino (Bordeaux – Gerusalemme), ben più antica della via francigena, annotata nel 994 nel diario di Sigerico Arcivescovo di Canterbury, è rientrata in questo prestigioso elenco.

A fare la differenza il riconoscimento ottenuto di Town of Sport 2023 e il duecentesimo anniversario della nascita di Luigi Arditi, noto violinista, compositore e direttore d’orchestra italiano, attivo internazionalmente, cui la città diede i natali il 22 luglio 1822. “Portiamo avanti da inizio mandato un lavoro meticoloso di promozione del territorio, unito alla riqualificazione del centro cittadino, e finalmente oggi iniziamo a raccoglierne i frutti” ha commentato il sindaco Vittorio Ferrero -.

In questo avvio di anno – ha proseguito il primo cittadino – si è inoltre rafforzata la sinergia con 54 Comuni della Provincia di Vercelli racchiusi tra i fiumi Dora Baltea, Sesia e Po con i quali ci siamo uniti nei “Borghi delle vie d’acqua”, una forma di associazionismo che prevede lo sviluppo e il potenziamento delle vocazioni locali predisponendo un progetto integrato di marketing territoriale. Stiamo inoltre predisponendo nuove proposte di visite guidate del centro storico e delle frazioni, un ricco calendario di eventi per la prossima stagione estiva e, simultaneamente, è previsto il rilancio dell’immagine di Crescentino sui canali Intenet dell’ente”.

A Crescentino meritano sicuramente una tappa il Santuario della Madonna del Palazzo, la Torre Civica, ultimo baluardo del Palazzo dei Marchesi Tizzoni andato distrutto nella rivolta del 1529, le Confraternite di San Giuseppe, San Michele e San Bernardino, la Chiesa Parrocchiale che custodisce le reliquie di San Crescentino che si festeggia ogni anno la prima domenica di giugno, la chiesa romanica di San Pietro, il Castello dei Tizzoni ed i resti dell’Abbazia Benedettina in fazione San Genuario ed ancora il ponte ultracentenario sul fiume Po che unisce il territorio crescentinese con Verrua Savoia.

Redazione di Vercelli