VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

CASALE MONFERRATO - Rete gas Amc: nel prossimo biennio oltre 2 milioni di euro per 5 chilometri di nuova distribuzione  

Il sindaco Federico Riboldi: «Comune e Amc insieme per dare più servizi ai cittadini grazie al più importante investimento degli ultimi 20 anni»

CasaleOggi, PiemonteOggi, Regione Piemonte

La rete di distribuzione del gas naturale si amplia: nel biennio 2022/2023 saranno infatti ben 5.310 i metri di nuove tubazioni posate da parte di Amc, la società partecipata del Comune di Casale Monferrato, per un investimento che supererà i 2 milioni di euro.
«L’estensione della rete – ha sottolineato il sindaco Federico Riboldi – è uno degli obiettivi primari dell’Amministrazione, perché vuol dire dare più servizi ai cittadini, in questo caso portando il gas in quelle zone che oggi ne sono sprovviste. Con Amc, che ringrazio sentitamente, si è così deciso di dare il via alla più grande estensione della rete gas degli ultimi vent’anni, dando finalmente una risposta concreta alle richieste giunte negli anni all’Amministrazione».
Come ha spiegato il Gestore indipendente delle reti gas del gruppo Amc, Mario Farè, per la seconda metà del 2022 sono previste le estensioni della rete in via Orti e strada Asti per un importo di 245 mila euro e quella di Cantone Cavallino in frazione Popolo per ben 1 milione 110 mila euro.

Per il 2023, invece, sono previsti i restanti 710 mila euro di investimento per l’estensione della rete a Cascine Rossi. Interventi che saranno realizzati attraverso tre distinti lotti che dovrebbero prevedere lavori della durata che vanno dai 4 mesi in via Orti fino ai 9 mesi a Casale Popolo, passando dai 6 mesi degli interventi del prossimo anno.
«Una città senza servizi – ha concluso il vicesindaco Emanuele Capra – è una città che non si può definire tale: per questo motivo l’Amministrazione, di concerto con Amc, ha deciso di fare grandi investimenti in questo mandato per ampliare le reti dei propri servizi e raggiungere anche quelle zone periferiche che fino a qualche anno fa non erano servite».

Redazione di Vercelli