VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

COLDIRETTI E CONFARTIGIANATO - Consegnata la statuina del presepe all’Arcivescovo di Vercelli e al Vescovo di Biella      

Il dono raffigura la florovivaista, che ha affrontato le difficoltà della pandemia e della guerra

BiellaOggi, Vercelli Città

La florovivaista che ha affrontato le difficoltà della pandemia e della guerra per continuare a garantire servizi e prodotti ai cittadini, nonostante l’aumento esponenziale dei costi energetici nei campi e nelle serre.

Questa la rappresentazione della statuina del presepe consegnata da Coldiretti Vercelli-Biella e da Confartigianato Novara all’Arcivescovo di Vercelli Monsignor Marco Arnolfo e al Vescovo di Biella Monsignor Roberto Farinella.

La raffigurazione è stata consegnata, venerdì 23 dicembre, dal Direttore di Coldiretti Vercelli-Biella Luciano Salvadori, dal vicepresidente Roberto Mercandino e dal segretario di zona Paolo Seitone insieme ai direttori e ai presidenti di Confartigianato Biella e Confartigianato Piemonte Orientale.

Il presepe è una delle tradizioni che trasmette speranza e serenità anche nei momenti difficili che stiamo attraversando e per questo Coldiretti e Confartigianato vogliono contribuire effettuando questo piccolo dono.

L’iniziativa, giunta alla terza edizione, non è a sé stante ma prevede in tutte le province la consegna ai Vescovi delle Diocesi di tutta Italia di una statuina, la statuina dell’anno, che mette in evidenza i mestieri che aggiornano e attualizzano i personaggi del presepe.

L’obiettivo dell’iniziativa, infatti, è aggiungere ogni anno al presepe figure che parlino del presente ma anche del futuro.

L’anno scorso fu scelto l’imprenditore che usa la tecnologia a significare la centralità dell’impresa che affronta nuove sfide per la crescita economica e sociale del Paese.

E’ stata scelta questa raffigurazione per dare risalto alle imprese impegnate nella cura e manutenzione del nostro patrimonio verde e della biodiversità, è un’idea inedita per parlare di un’agricoltura plurale e differenziata, che produce cibo e, insieme, beni immateriali indispensabili per la qualità della vita – affermano il Presidente di Coldiretti Vercelli-Biella Paolo Dellarole e il Direttore Luciano Salvadori -. Quest’anno il caro prezzi dovuti alla guerra in Ucraina e la grave siccità che ha colpito il nostro territorio hanno messo in difficoltà i produttori.  Per sostenere un settore così importante occorre combattere la concorrenza sleale di prodotti importati dall’estero facendo in modo che piante e fiori vendita in Italia ed in Europa rispettino le stesse regole su ambiente, salute e diritti dei lavoratori”.

 

Redazione di Vercelli