VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

VERCELLI - Associazione Il Porto e Museo Leone propongono “La Favola di Natale” di Giovannino Guareschi        

La voce di Roberto Sbaratto si farà interprete di questo dolcissimo racconto natalizio

Vercelli Città

Cosa fa, cosa pensa, cosa può sognare uno scrittore in una notte di Natale, nel 1944, in una baracca dietro al filo spinato di un lager tedesco?

Ce lo confida Giovannino Guareschi, internato nell’OFLAG X B di Sandbostel.

Ispirato da tre Muse, Fame, Freddo e Nostalgia, Giovannino Guareschi scioglie le briglie della sua fantasia per narrare di un sogno; un sogno che si può realizzare solo la notte di Natale.

Il piccolo Albertino, il figlio primogenito di Guareschi, ha solo quattro anni e desidera tanto rivedere il suo papà portato via durante la guerra; impara anche a memoria un’intera poesia e la recita alla famiglia riunita nella cena natalizia.

Ma un posto a tavola resta vuoto: ed è proprio quello del papà.

Ed ecco che, nella magia del sogno, in un viaggio a dir poco rocambolesco in cui la realtà si trasforma nella sua rappresentazione fantastica e metaforica, il piccolo Albertino, accompagnato dalla nonna, dal suo cane Flick e da una lucciola, si incontra con il suo papà al crocevia tra il mondo della Pace e quello della Guerra, per scaldarsi insieme ad un fuocherello di fortuna e festeggiare finalmente riuniti la notte di Natale.

Era il secondo Natale di prigionia per Giovannino Guareschi e questa favola, accompagnata dalla musica di Arturo Coppola, prigioniero come lui, portò un po’ di luce e di Poesia nel lager.

Ed ancora oggi, a quasi ottant’anni di distanza, non smette di scaldare i cuori.

Per questo, in questo Natale in cui giungono chiari fino a noi gli echi di una guerra non troppo lontana, ci è parso un messaggio bello, come Associazione “Il Porto” e Museo Leone, riproporre il ricordo di quel Natale lontano in cui Giovannino Guareschi raccontò la sua favola ai prigionieri del suo campo di concentramento: “tutti uomini maturi – come scrive lui stesso – che trovarono naturale che io, per Natale, raccontassi loro una favola”.

La voce di Roberto Sbaratto si farà interprete di questo dolcissimo racconto natalizio, giovedì pomeriggio, 22 dicembre, alle 17.30, nella sala delle Cinquecentine del Museo Leone, con un grazie particolare alla Farmacia Moderna che ha voluto dare un contributo per la realizzazione dell’Evento, insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli.

Al termine della lettura, una fetta di panettone sarà occasione per uno scambio di auguri che è ormai una tradizione al Museo nell’imminenza del Natale.

Ingresso 10.00 €

Per info e prenotazioni: Tel 0161 253204 (fino a Venerdì ore 12.30)

379 2834818 (Venerdì pomeriggio e Sabato negli orari di apertura del Museo)

e-mail: info@museoleone.it

 

Redazione di Vercelli