VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

SHADOW REFLECTIONS/ RIFLESSI D’OMBRA - Intervista al dottor Alessandro De Bonis  

L’artista sarà presente all’evento culturale in programma a Vercelli

Vercelli Città

Conosciamo più da vicino Alessandro De Bonis, senatore benemerito presso l’Accademia Internazionale Mauriziana, professore di storia dell’arte, Direttore del Museo Archeologico di Fondi e Ventotene, Archeologo Orientale e ricercatore in Filologia e Storia del mondo antico presso la Sapienza.

Alessandro de Bonis  sarà presente all’evento culturale  “Shadow reflections / Riflessi d’ombra” in programma, a Vercelli, nel periodo autunnale.

Alessandro de Bonis quando nasce la sua passione per l’arte?

Da ciò che mi ricordo ho sempre avuto tra le mani colori o matite, una presenza costante e miei amici di giochi.

Ci parli della sua ricerca artistica

La mia ricerca artistica ha avuto una evoluzione temporale, che nasce con il figurativo ricercato e di richiamo all’antico per creare cose nuove, per poi passare ad un astratto onirico, in cui i colori esplodono e si rincorrono.

Cosa prova quando crea?

Quando creo mi sento come carico di elettricità, come un scossa che mi attraversa dalla testa ai piedi.

C’ è una sua opera a cui lei è particolarmente legato?

Sono legato al trompleil che il Maestro Lo Mastro ha voluto selezionare, perché rappresenta un momento particolare della mia formazione artistica.

Una  sua mostra che ricorda volentieri

Ricordo la mostra delle Assicurazioni Generali di Venezia in cui fui premiato per un mio lavoro, si parla di vari anni fa ormai.

C’è un artista a cui si ispira o che le piace in modo particolare?

I miei artisti preferiti sono Kandinsky, Chagall e Mirò, ciascuno per caratteri diversi e spesso assonanti in modo lirico.

A cosa sta lavorando adesso?

Adesso sto lavorando ad alcune creazioni digitali, vorrei ampliare quel settore.

Dove possiamo visionare i suoi lavori?

Alcuni miei lavori sono in esposizione permanente il Palazzo Lancelotti su piazza Navona a Roma.

Un suo messaggio di saluto per la città di Vercelli.

Vercelli rappresenta un crogiolo artistico importante della nostra bella Italia, spero possa mantenere tale carattere nel tempo, una città viva e dinamica legata all’arte.

 

Redazione di Vercelli