VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

PIEMONTE DAL VIVO - Nel cartellone debutta a Pinerolo il “Delitto in via dell’Orsina”        

Una commedia che, con la sua ironia e la sua precisione, riesce prenderci per mano e farci trascorrere una serata divertente e leggera eppure non superficiale

PiemonteOggi, Vercelli Città

Nel cartellone di Piemonte dal Vivo debutta martedì 29 marzo a Pinerolo al Teatro Sociale, mercoledì 30 marzo aVercelli al Teatro Civico e giovedì 31 marzo a Novi Ligure al Teatro Maenco, la nuova produzione del Teatro Franco Parenti di Milano, Delitto in via dell’Orsina. Sul palco Massimo Dapporto, Antonello Fassari e Susanna Marcomeni.

Il Delitto in via dell’Orsina  di Eugène Labiche

regia e adattamento Andrée Ruth Shammah

traduzione Andrée Ruth Shammah e Giorgio Melazzi

con Massimo Dapporto, Antonello Fassari, Susanna Marcomeni

e con Marco Balbi, Andrea Soffiantini, Francesco Brandi

scene Margherita Palli

luci Camilla Piccioni

costumi Caterina Visconti ispirati dall’artista Paolo Ventura

musiche Alessandro Nidi

Teatro Franco Parenti/Fondazione Teatro della Toscana

In Delitto in via dell’Orsina, un uomo si sveglia e si ritrova uno sconosciuto nel letto, entrambi hanno le mani sporche e le tasche piene di carbone ma non sanno perché, non ricordano niente della notte precedente. Tentano di ricostruire quanto accaduto, ma l’unica cosa di cui sono certi è di essere stati ad una festa di ex allievi del liceo. Da un giornale apprendono che una giovane carbonaia è morta quella notte e tra malintesi ed equivoci si fa strada la possibilità che i due abbiano commesso il delitto.

Il ruolo del teatro è anche quello di saper comprendere il proprio tempo e i bisogni delle persone che quel tempo lo vivono. E oggi, dopo i mesi bui e incerti che abbiamo trascorso, il nostro bisogno, come esseri umani e come spettatori di teatro, è quello di poter tornare a sorridere e di farlo nell’unico modo in cui ci è possibile farlo: con leggerezza. Con quella leggerezza che, come diceva Calvino, “non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.

Una commedia che, con la sua ironia e la sua precisione, riesce a farsi largo tra la frenesia e le preoccupazioni che accompagnano il nostro presente, per prenderci per mano e farci trascorrere una serata divertente e leggera eppure non superficiale.

Lo spettacolo di Andrée Ruth Shammah è uno spettacolo generoso, che con umiltà e delicatezza ci regala l’emozione di tornare a teatro. A quel teatro essenziale e “artigianale” in cui ogni gesto, ogni parola, ogni oggetto, è studiato e curato nei minimi dettagli. E questo è possibile solo grazie all’esperienza della sua regista, alla bravura e alla personalità di attori come Massimo Dapporto e Antonello Fassari, all’affascinante complessità della scena di Margherita Palli e all’armonia che le musiche di Alessandro Nidi conferiscono a tutta l’opera.

Info e biglietteria: piemontedalvivo.it

ufficiostampa@piemontedalvivo.it

Redazione di Vercelli