VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

“LUPO BIANCO” – Il film su Carlo Olmo sarà proiettato da Catania a Palermo, da Catanzaro a Cosenza passando per Napoli e Roma      

La pellicola approderà negli istituti scolastici del centro e del nord Italia compresa, ovviamente, Vercelli

La consapevolezza che stai materializzando i tuoi sogni”.

Il Cavaliere al Merito della Repubblica, Carlo Olmo, accoglie così la notizia del tour nelle scuole italiane del film sulla sua vita: ‘Lupo Bianco’.

Il primo step del calendario è stato reso noto durante la mattinata di oggi, domenica 22 gennaio.

In meno di settanta giorni verrà dunque visto da 7.182 ragazzi.

La pellicola, vincitrice del premio Starlight International Award al 78° Festival Internazionale di Venezia e del premio nazionale cinema “Garitta” di Acireale, verrà proiettata da Catania a Palermo, da Catanzaro a Cosenza passando per Napoli e Roma.

Nei prossimi giorni saranno inserite anche le tappe di Bari e Foggia.

Nei prossimi mesi il “Lupo Bianco” approderà anche negli istituti scolastici del centro e del nord Italia compresa, ovviamente, Vercelli.

Perché, come lo stesso Olmo ha ricordato, questo film parla vercellese sia per alcuni attori (Diego Cammilleri ed Emanuele Olmo) e comparse, sia per la colonna sonora composta ed eseguita dai maestri Serena Rubini, Francesco Cilione, Silva Poy e Marco Giva.

Il film, disponibile su Prime Video, ripercorre l’esistenza del filantropo piemontese, avvocato e maestro di arti marziali, da quando è rimasto orfano fino all’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana per aver permesso di salvare migliaia di vite durante l’ondata pandemica da Covid-19.

L’opera vuole essere allenare la memoria a non dimenticare: mentre in tutta Italia le mascherine scarseggiavano e la popolazione era nel panico più totale, Olmo si è adoperato per aiutare la popolazione.

Ha acquistato 160mila mascherine (tra quelle chirurgiche e le Ffp2) che ha donato ai vercellesi, ai dottori e agli infermieri che lavoravano in prima linea negli ambulatori dei medici di famiglia, negli ospedali e nelle Rsa.

Una quantità ingente di preziose protezioni che Olmo è riuscito a distribuire gratuitamente anche fuori provincia facendo arrivare la sua generosità in diversi ospedali lombardi (allora fortemente in affanno) e in quelli liguri.

Redazione di Vercelli