VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

"GEOMETRIE URBANE"- Mostra di fotografie creative di Alessandro Balliano        

Nelle sue fotografie l'artista stabilisce un legame forte tra forme geometriche rigorose ed essenziali sapientemente estrapolate da paesaggi urbani

Vercelli Città

Parlare di fotografia astratta può apparire una contraddizione poichè, per sua stessa natura, la fotografia è la riproduzione esatta di una porzione di realtà.

Ma per Alessandro Balliano, la realtà è interpretata in modo differente, trasforma l’immagine del reale in una immagine grafica o in una composizione inconsueta, sorprendente e misteriosa. Ma la capacità di “vedere” dipende anche dalla capacità di immaginare, di selezionare di sintetizzare.

Infatti la percezione del mondo rimane un fatto soggettivo finchè non si fissa l’attenzione su un determinato evento, soggetto, situazione che, improvvisamente o inaspettatamente, non rivela le sue potenzialità espressive.

Alessandro, nelle sue fotografie, attraverso punti di vista alternativi, colori forti e linee nette e marcate, stabilisce un legame forte tra forme geometriche rigorose ed essenziali sapientemente estrapolate da paesaggi urbani, quasi distillate si potrebbe dire, con gusto e misura compositiva, e sbuffi di nuvole o tocchi cromatici squillanti che rendono magica l’atmosfera metafisica e a volte surreale che avvolge le sue immagini.

Alessandro Balliano abbandona deliberatamente la rappresentazione reale delle cose e focalizza la sua ricerca soprattutto sull’utilizzo del colore e delle geometrie concentrando la sua espressione sui particolari di forma e di struttura in una libera creazione fantastica di valore simbolico e decorativo e  percepisce emozioni e sensazioni dal luogo e dal momento che vive, la sua forza creativa non deriva dall’imitazione ma è l’espressione della sua interiorità, non desidera illustrare o rappresentare, ma esprimere.

La Mostra

La mostra “Geometrie Urbane“, ordinata presso la sala degli affreschi musicali, detta anche delle ‘Unghie’ per la particolare forma del soffitto assimilabile a unghie appunto, preziosa gemma barocca dalle dimensioni contenute, incastonata nel complesso di San Pietro Martire e dell’Antico Ospedale, presenta una dozzina di stampe ad alta definizione su pannelli di forex di dimensioni identiche che accentuano la sensazione di ordine e di pulizia formale dell’esposizione.

La mostra (presso la Sala delle Unghie nel complesso di S.Pietro Martire a Vercelli) sarà inaugurata sabato 10 dicembre alle ore 17,00 e proseguirà fino al 18 dicembre ad ingresso libero con orario 17,00 – 19,00.

Note Biografiche

Alessandro Balliano, nato a Vercelli nel 1994, fin da bambino si appassiona al disegno e alla pittura.

Dopo il liceo artistico e l’accademia d’arte si dedica alla grafica pubblicitaria e al design industriale, creando capi di abbigliamento e accessori dipinti a mano.

Dal 2009 partecipa a numerose mostre collettive di pittura e fotografia riscuotendo il gradimento del pubblico e l’apprezzamento della critica.

Una significativa mostra dei suoi lavori è stata presentata all’ Accademia di Belle Arti «ACME» di Novara in occasione della discussione della sua tesi di laurea incentrata sul binomio Arte-Moda. Nel 2018 ha esposto nella sua prima mostra personale ospitata nelle sale di Villa Baragiola, all’interno del Museo Tattile di Varese.

Redazione di Vercelli