VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli
Valsesia e Valsessera
Dalla recinzione che dà su Via Gian Giacomo Massarotti

VARALLO VILLA BECCHI - Dentro piove, ma furi cadono i pezzi di muro - Per fortuna,  "solo" su un'auto parcheggiata - La proprietaria non è per niente contenta - 

Transenne e bindelle solo dopo il sinistro

Oggi, per fortuna, a Varallo c’è un bel sole.

Ma sono bastati due giorni di pioggia per fare tornare a galla (modi di dire) il problema dell’acqua che cade dentro Villa Becchi, lo storico immobile recuperato, ma si vede recuperato fino ad un certo punto.

Dunque, un po’ di pioggia ed all’ultimo piano dell’edificio in Via Mario Tancredi Rossi arriva l’acqua in casa.

Le cose non vanno meglio sul retro dello stabile, in Via Gian Giacomo Massarotti.

Su questa arteria in zona residenziale si affaccia il muro di cinta del compendio, dal quale ieri è caduto qualche bel pezzo di laterizio.

I segnali c’erano stati già tutti – dicono i residenti – qualche giorno fa, ma, allora, non era comparsa nessuna transenna, nessuna bindella bianca e rossa.

Si è dovuto attendere ieri, quando i pezzi di muro sono caduti sull’auto di una Lettrice che abita lì.

La consolazione è che, almeno, nessuno passava di lì in quel momento.

Se no, oltre ai danni alle cose, si sarebbe corso il rischio di procurare lesioni alle persone.

Che dire? Varallo assomiglia sempre più a Vercelli.

 

 

 

notizie correlate