VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

NOTIZIE DALLA POLIZIA DI STATO - Attività espletata dalla Polizia di Stato nella Provincia di Vercelli nel periodo dal 15 marzo 2021 al 15 marzo 2022      

In dettaglio i dati statistici

Provincia di Vercelli, Vercelli Città

Quest’anno ricorre il 170° anniversario della fondazione della Polizia di Stato. Era l’11 aprile 1852 quando il Corpo delle Guardie di P.S. veniva istituito, un Corpo che, seppur militarmente organizzato, rappresentava la prima istituzione civile di Polizia, nato a garanzia di quel percorso di unità nazionale in atto e per far fronte alle crescenti esigenze di ordine e sicurezza pubblica provenienti dalle varie Regioni.

Le prime due compagnie trovarono sede a Torino e a Genova e solo a partire dal 1859 i compiti della Polizia vennero estesi a tutti gli Stati che si erano uniti al Regno sardo-piemontese.

Il Corpo, con alterne vicende collegate agli sconvolgimenti politici e sociali dell’Ottocento e del Novecento, ha assunto negli anni diverse denominazioni, con varie specializzazioni al suo interno, caratterizzandosi sempre per la sua diretta dipendenza dalle Autorità di Pubblica Sicurezza e per la sua presenza nei grandi centri urbani. Per l’occasione, la ricorrenza del 170° anniversario è stata celebrata in modo straordinario con l’emissione di un francobollo e la coniazione di una moneta da 2 euro celebrativi della Polizia di Stato.

Il Corpo delle Guardie di P.S. viene disciolto il 1° aprile 1981 quando, con una riforma epocale, il personale viene assorbito nell’attuale Amministrazione della Pubblica Sicurezza, entrando a far parte della Polizia di Stato, un’amministrazione più duttile e moderna al servizio del cittadino, smilitarizzata, con un ordinamento speciale basato su regole e procedure democratiche che però ha conservato nel suo DNA il compito primario della difesa dei diritti dei singoli e dei valori espressi dalla nostra carta costituzionale.

Il tema delle celebrazioni di quest’anno – nonché il “motto” ufficiale della Polizia di Stato – è “Esserci sempre”. Ed è un motto che, per la realtà vercellese, rappresenta un fatto concreto.

Infatti, come si noterà nel prosieguo della trattazione, la Questura di Vercelli e le Specialità della Polizia di Stato presenti in Provincia hanno coniugato, nel periodo dal 15 marzo 2021 al 15 marzo 2022, importanti risvolti operativi, garantendo tempestivi interventi al servizio della popolazione, a continuità nell’erogazione dei servizi essenziali per la comunità, nonostante la perdurante crisi pandemica da virus COVID-19.

Le Donne e gli Uomini della Polizia di Stato non hanno esitato a prodigare ogni sforzo possibile per dare attuazione alle misure previste a tutela della salute dei cittadini, pur applicando buon senso ed umanità nel richiederne il rispetto.

Una Polizia di Stato, dunque, volta alla salvaguardia dei diritti fondamentali e delle libertà del cittadino oltre che, ovviamente, alla tutela della legalità, in prima linea al servizio delle persone e pronta alla risoluzione dei grandi e piccoli problemi della gente.

Nel complesso, l’attività operativa della Polizia di Stato nella Provincia di Vercelli ha permesso di identificare 17461 persone rispetto alle 12155 del medesimo periodo dell’anno precedente.

La crisi pandemica dovuta al diffondersi del virus COVID-19 ha visto un impegno costante della Polizia di Stato nell’intera Provincia vercellese.

Questi i risultati conseguiti tra ottobre 2021 e il marzo 2022 in materia:

1419 persone controllate nella Provincia per il cd. “green pass”;

147 sanzioni amministrative ai sensi dell’art. 4 comma 1 del decreto legge 19/2020;

5 esercizi commerciali chiusi ai sensi dell’art. 4 comma 5 del decreto legge 19/2020.

Con riferimento all’emergenza sanitaria in atto, quest’Ufficio si è occupato della pianificazione dei controlli sul territorio effettuati dalle pattuglie della Polizia di Stato, in ambito cittadino nelle stazioni ferroviarie e sulle principali arterie stradali, unitamente alle altre forze dell’ordine.

L’Ufficio ha predisposto controlli amministrativi e del territorio coordinando le pattuglie della Polizia di Stato, della locale Sezione Polizia Stradale, dei Posti Polfer di Vercelli e Santhià, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, con il concorso dei militari dell’Esercito Italiano e delle Polizie Locali.

In totale, sono stati n. 1970 gli operatori impiegati nei servizi finalizzati al rispetto delle disposizioni emanate per contenere l’epidemia da Covid 19.

I conrolli, estesi capillarmente su tutta la Provincia di Vercelli, hanno avuto il precipuo obiettivo di verificare il rispetto delle misure di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19.

Sul piano degli impegni sportivi, sono stati predisposti n. 19 servizi per le partite di calcio della F.C. Pro Vercelli 1892 nonché n. 10 per le partite di hockey a rotelle.

Accurata pianificazione e gestione dell’ordine pubblico è stata svolta nel corso della campagna elettorale per le elezioni amministrative del 3 e 4 ottobre 2021.

Nel complesso, dal 15 marzo 2021 al 15 marzo 2022 quest’Ufficio ha provveduto ad emanare 221 ordinanze per servizi di ordine e sicurezza pubblica da espletarsi sull’intero territorio della Provincia vercellese.

ATTIVITA’ OPERATIVA 

UFFICIO PREVENZIONE GENERALE E SOCCORSO PUBBLICO 

Dall’analisi dei dati, per l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Vercelli si rileva la presenza di un considerevole numero di pattuglie della Squadra Volante presenti sul territorio (2498 equipaggi), con una presenza costante sul territorio di almeno due equipaggi a turno nell’arco delle 24 ore grazie anche ai servizi organizzati con l’ausilio dei Reparti Prevenzione Crimine che, si segnala, nel periodo in esame sono stati 44.

Tale incremento ha consentito di identificare numerose persone (16371) e di controllare 5055 veicoli.

L’attività complessiva dell’U.P.G.S.P. ha portato alla denuncia di n. 191 persone, rispetto alle 158 persone denunciate nel medesimo periodo dell’anno precedente, ed all’arresto di 14 soggetti, 11 dei quali nella flagranza di reato.

L’Ufficio ha proceduto a ricevere n. 932 denunce/querele di reato.

Partcolarmente curata è stata l’attività preventiva a tutela degli obiettivi sensibili siti nel Capoluogo che vengono vigilati quotidianamente da parte di ogni equipaggio.

Le sanzioni amministrative accertate dalle pattuglie su strada sono state n. 124 e le sanzioni a norma del Codice della Strada sono state n. 83.

Un settore particolarmente seguito è stato quello degli interventi per lite in famiglia che restano numerosi (86).

In aumento gli interventi per le liti in genere (187 contro 150 dell’anno precedente), fuori dal contesto domestico.

Tra gli episodi di pronto intervento di maggior rilievo, si ricordano:

nel pomeriggio del 29 aprile 2021, gli operatori della Squadra Volante intervenivano nel centro cittadino di questo Capoluogo perché un uomo aveva commesso un furto con strappo ai danni di una donna che stava consumando un pasto al tavolo esterno di un noto locale del centro Città. Gli Agenti, recatisi immediatamente nei pressi dell’accaduto, scorgevano un soggetto inseguito da un passante. Il soggetto veniva fermato e identificato; a seguito di perquisizione personale, sullo stesso si rinveniva una pistola a salve celata nella tasca della giacca. Per il fatto commesso, il soggetto è stato tratto in arresto per il reato di furto con strappo ai sensi dell’art. 624 bis del Codice Penale;

in data 11 giugno 2021, gli operatori della Squadra Volante intervenivano in una via del centro cittadino per la segnalazione di una lite in corso e di una persona riversa a terra con copiose fuoriuscite di sangue. Giunto sul posto, il personale individuava un soggetto che dalla finestra di un palazzo inveiva contro la persona riversa a terra. Entrati nell’abitazione, gli operatori notavano da subito una donna con diverse ferite al volto e un uomo in evidente stato confusionale. I tre soggetti coinvolti avevano trascorso la notte insieme consumando sostanze stupefacenti. Al termine della nottata, uno degli uomini impediva all’altro di uscire dall’appartamento brandendo un coltello. A seguito della colluttazione, uno dei due veniva spintonato al di fuori della finestra precipitando dal terzo piano. Il soggetto autore del reato, grazie agli accertamenti esperiti dagli operatori della Squadra Volante e della Squadra Mobile, è stato arrestato per tentato omicidio e sequestro di persona;

 nella mattinata del 30 dicembre 2021, gli operatori della Squadra Volante traevano in arresto due cittadini di origine romena per la commissione di un furto ai danni un supermercato del Capoluogo. Nella specie, gli Agenti notavano che uno dei due soggetti, uscito frettolosamente dal supermercato, riponeva con fare sospetto la merce rubata nel bagagliaio dell’auto con l’ausilio del complice. Sottoposti a controllo di polizia, i due soggetti, trovati in possesso di arnesi dissuasori dell’allarme antitaccheggio e di merce rubata, sono stati arrestati per furto in concorso ed associati presso la locale Casa Circondariale in attesa di giudizio direttissimo.

SQUADRA MOBILE

Sul versante investigativo, la Squadra Mobile della Questura di Vercelli ha conseguito importanti risultati.

Nel periodo di riferimento sono state identificate complessivamente 3683 persone e sono stati controllati 1601 veicoli. Gli arrestati, rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente (66), sono aumentati e ammontano a 76 mentre le persone denunciate a piede libero ammontano a 134.

L’attività operativa della locale Squadra Mobile è stata molto vasta e variegata nel periodo di riferimento. Infatti, si registrano numerosi fatti delittuosi scoperti tra cui furti (8), rapine (5), truffe (6), reati in materia di sostanze stupefacenti (46). Nel periodo in esame, gli operatori della Squadra Mobile di Vercelli hanno dato esecuzione a 42 misure cautelari di carattere detentivo e 6 misure cautelari di carattere non detentivo.

Tra le operazioni di P.G. riguardanti la Squadra Mobile di maggior rilievo dal 15 marzo 2021 al 15 marzo 2022 si ricordano:

il 24 aprile 2021 personale della Squadra Mobile ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto per il reato di rapina a mano armata un soggetto che si era introdotto all’interno dell’abitazione di un cittadino vercellese, minacciando quest’ultimo e la compagna con un’arma, facendosi consegnare gioielli e contanti;

 il 17 giugno 2021 personale della Squadra Mobile ha arrestato nella flagranza del reato di estorsione due soggetti. In particolare, i predetti, contattati dalla vittima di estorsione per far picchiare l’ex fidanzato, avevano iniziato a chiederle soldi, minacciando di avvertire le Forze di Polizia del suo proposito criminoso, una volta che la donna si era tirata indietro;

 il 6 agosto 2021 gli Agenti della Squadra Mobile, a conclusione di prolungata e articolata attività investigativa, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di sei soggetti italiani e stranieri responsabili di

una serie di episodi di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso tra loro, posto in essere dal mese di maggio 2021 a quello di luglio 2021, nelle zone boschive, adiacenti alle sponde del fiume Sesia, situate tra le Province di Vercelli e Novara. Durante l’attività di indagine, altri due soggetti sono stati arrestati in flagranza per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti;

 l’8 ottobre 2021 personale della Squadra Mobile ha dato esecuzione ai provvedimenti dell’A.G. per sette custodie cautelari in carcere, un arresto domiciliare, un obbligo di dimora e tre obblighi di firma nei confronti di alcuni soggetti responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti, aggravato dall’ingente quantità, da settembre 2020 ad ottobre 2021, nella Città di Vercelli per una quantità di 2 kg di cocaina e 1 kg di hashish. Al termine di detta attività di P.G., sono state deferite all’A.G. 26 persone;

 il 24 ottobre 2021, personale della Squadra Mobile, a conclusione di prolungata e articolata attività di indagine, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti di etnia rom perché autori di numerosi furti aggravati con la cd. “tecnica dell’abbraccio” nei confronti di numerosi anziani del Capoluogo di Provincia;

 il 23 dicembre 2021, personale della Squadra Mobile ha sottoposto alla misura cautelare della permanenza in casa tre minori gravemente indiziati dei reati di rapina e di furto aggravata (strappo delle catenine d’oro) e lesioni aggravate (accoltellamento) nei confronti di altri giovani all’interno ed all’esterno di un noto locale cittadino;

 da ultimo, il 22 febbraio 2022 gli Agenti della Squadra Mobile, nell’ambito di una serrata attività di indagine a seguito dell’evasione avvenuta presso la Casa Circondariale di Vercelli durante le festività di capodanno 2022, ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro soggetti, il detenuto catturato in Olanda e altre tre persone complici che hanno favorito la fuga e la successiva latitanza dello stesso.

DIVISIONE INVESTIGAZIONI GENERALI E OPERAZIONI SPECIALI

L’attività della Divisione Investigazioni Generali ed Operazioni Speciali (D.I.G.O.S.) è stata significativa e particolarmente utile per prevenire possibili turbative dell’ordine pubblico.

Sono state monitorate complessivamente n. 72 manifestazioni pubbliche, tra scioperi, presidi sindacali, gare sportive e manifestazioni per contestate il cd. “green pass”.

L’attività di Polizia di Prevenzione dell’Ufficio ha portato all’esecuzione di numerosi controlli antiterrorismo presso i luoghi maggiormente frequentati del centro cittadino tra cui teatri, scuole, stazione ferroviaria e terminal dei bus.

La D.I.G.O.S ha altresì curato i servizi di scorta e tutela delle personalità istituzionali che hanno fatto visita in questa provincia.

In occasione degli incontri calcistici disputati allo Stadio Silvio Piola e delle partite di hockey a rotelle, l’attività della Squadra Tifoserie ha contribuito all’ordinato svolgimento delle gare, effettuando un’efficace opera di monitoraggio delle tifoseria e prevenendo così turbative per l’ordine e la sicurezza pubblica.

 UFFICIO IMMIGRAZIONE

Per quanto attiene all’Ufficio Immigrazione, gli stranieri regolarmente soggiornanti nella Provincia di Vercelli sono pari a 11998 unità.

Più nello specifico, sono stati consegnati 1287 permessi di soggiorno, come “primo ingresso”, e 3891, come “rinnovo”.

Le nazionalità che registrano una maggior presenza nel territorio provinciale sono quelle marocchina, albanese, cinese, ucraina, senegalese, domenicana, peruviana e tunisina.

Nel periodo di riferimento sono state presentate 533 richieste di protezione internazionale, sono stati emanati 54 ordini di espulsione, 43 ordini di abbandonare il territorio nazionale, 6 ordini di espulsione coattivamente eseguiti e sono stati eseguiti 16 accompagnamenti di stranieri presso i C.P.R..

 DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA

La Divisione Polizia Amministrativa e Sociale ha controllato 123 esercizi pubblici ed accertato n. 66 violazioni amministrative, con un netto aumento rispetto al dato dell’anno precedente (40). Nel periodo in esame vi è stato anche un marcato aumento delle persone segnalate alla competente Autorità per illeciti amministrativi (8 contro 2 dell’anno precedente).

La Divisione ha rilasciato 2686 passaporti, negandone 14, e rinnovato e/o rilasciato 972 porti d’arma da fuoco, di cui 277 per uso caccia e 695 per uso sportivo, respingendo 24 richieste per l’esistenza di elementi ostativi.

L’Ufficio Licenze ha rilasciato 88 titoli autorizzatori e ne ha rinnovati 34.

Sono stati eseguiti numerosi controlli in città e in provincia negli esercizi di vendita di armi, munizioni e materiali esplodenti e in quelli muniti di licenza compro oro.

Sono state svolte verifiche sul rispetto della normativa di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. In particolare, nel periodo in esame sono state effettuate le seguenti attività:

il 4 aprile 2021, a seguito di controllo amministrativo presso un noto circolo privato del Capoluogo vercellese, la Squadra Amministrativa ha sanzionato il presidente del suddetto circolo per la violazione dell’art. 46 comma 1 del DPCM del 3 febbraio 2021, ovvero per non aver sospeso l’attività di somministrazione, ed è stata disposta la chiusura del locale per giorni 5 così come previsto dal DPCM citato. In data 16 aprile 2021, personale della Squadra Volante è intervenuto presso il medesimo circolo, constatando la presenza all’interno dello stesso di diversi soggetti gravati da precedenti di polizia. Il 17 aprile 2021, quindi, con ordinanza ai sensi dell’art. 100 TULPS è stata disposta la chiusura per giorni 15 del circolo privato;

in data 12 agosto 2021, a seguito di numerosi atti criminosi che hanno coinvolto i frequentatori di un esercizio pubblico sito nel centro cittadino, la Squadra Amministrativa ha notificato al titolare del predetto bar un’ordinanza ai sensi dell’art. 100 TULPS di sospensione dell’attività per la durata di giorni 7;

in data 7 ottobre 2021, personale della Squadra Amministrativa notificava al titolare di un bar del Capoluogo l’ordinanza del Questore ai sensi dell’art. 100 TULPS di chiusura dell’esercizio pubblico per la durata di giorni 30, poiché abituale ritrovo di pregiudicati e di persone dedite allo spaccio di stupefacenti nell’ambito dell’operazione “Revenge”;

il 12 ottobre 2021, è stata disposta la sospensione della licenza ai sensi dell’art. 100 TULPS per la durata di giorni 15 nei confronti di un circolo privato sito in Vercelli a seguito dei fatti accaduti nella notte di sabato 9 ottobre 2021, durante la quale il personale intervenuto allontanava con non poca difficoltà le persone presenti all’esterno del locale, molte delle quali alterate dall’abuso di sostanze alcooliche e rintracciando nel contempo un cittadino straniero ferito e sanguinante al volto;

il 18 novembre 2021, personale della Squadra Amministrativa ha notificato al titolare di una nota discoteca del Capoluogo vercellese un’ordinanza del Questore ai sensi dell’art. 100 TULPS con la previsione della sospensione della licenza per giorni 7. In particolare, il provvedimento si è reso necessario a seguito dei numerosi interventi del personale della Squadra Volante nei mesi di ottobre e novembre 2021 per gli svariati episodi di lesioni personali, furti, rapine e spaccio di sostanze stupefacenti occorsi all’interno e al di fuori, nelle immediate vicinanze, del locale. Inoltre, a seguito di controllo amministrativo svolto dagli operatori di questa Divisione, il titolare del locale è stato altresì sanzionato ai sensi dell’art. 3 comma 8 della legge n. 94/2009 ovvero per aver impiegato n. 4 addetti ai servizi di vigilanza non iscritti nel registro prefettizio nazionale poiché destinatari di provvedimento di diniego all’iscrizione nel registro prefettizio. Detto titolare e gli addetti ai servizi di vigilanza sono stati rispettivamente sanzionati per un importo pari a euro 1666,66.

in data 1 gennaio 2022, personale della Squadra Amministrativa ha disposto un articolato servizio di controllo dei locali pubblici al fine di verificare il rispetto della normativa prevista dal decreto legge n. 221 del 24 dicembre 2021. A seguito di detto controllo, è stato sanzionato il titolare di un esercizio pubblico per aver consentito che gli avventori del locale, circa 200, ballassero con musica di sottofondo. Il titolare del locale è stato sanzionato ai sensi dell’art. 4 del decreto legge n. 19/2020 e si è disposta la chiusura provvisoria dell’esercizio pubblico per giorni 5. Successivamente, in data 9 gennaio 2022, personale della Squadra Volante notava che dal medesimo locale proveniva della musica. Dopo un’accurata verifica, si constatava che, sebbene all’esterno dell’esercizio pubblico fosse apposto un cartello con la dicitura “chiuso”, all’interno di esso vi erano persone intente a ballare con musica di sottofondo senza l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale previsti. Pertanto, il titolare del locale è stato nuovamente sanzionato con l’aggravante della recidiva;

nella notte del 4 marzo 2022, personale della Squadra Volante, su segnalazione della Sala Operativa, interveniva presso un noto locale del Capoluogo già oggetto di controllo amministrativo all’inizio del 2022. Giunti sul posto, gli Agenti notavano una rissa con numerose persone coinvolte, molte delle quali armate di spranghe e bastoni. Il giorno seguente, personale della Squadra Amministrativa ha contestato al titolare del suddetto locale una sanzione ai sensi della legge 94/2009 per aver impiegato addetti ai servizi di vigilanza non iscritti negli appositi registri prefettizi. Alla medesima sanzione sono stati assoggettati anche gli addetti ai servizi di vigilanza.

DIVISIONE POLIZIA ANTICRIMINE

La Divisione Polizia Anticrimine ha conseguito significativi risultati.

In materia di misure di prevenzione, sono stati emessi 35 avvisi orali, 14 fogli di via obbligatorio, 6 ammonimenti per violenza domestica e 17 DACUR (Divieto di accesso alle aree urbane), collegati questi ultimi a reati in materia di stupefacenti e di reati contro la persona, consumati all’interno o nei pressi di locali pubblici.

Sono state rintracciate una persona minorenne e una maggiorenne nel periodo di riferimento, allontanatesi dal luogo di residenza.

Particolare attenzione è stata prestata dall’Ufficio Minori e vittime vulnerabili preposti alle fasce deboli alla prevenzione dei reati all’interno dei nuclei familiari e in danno dei minori.

Nel periodo di riferimento, infatti, sono state 39 le segnalazioni “Codice Rosso” inoltrate al Tribunale Ordinario di Vercelli.

L’ufficio è da tempo punto di riferimento per le associazioni e gli servizi sanitari e socio-assistenziali.

Nel periodo di riferimento, sono state poste in protezione n. 6 donne vittime di reati da famigliari o sessuali.

Il personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica ha effettuato n. 43 sopralluoghi sulle scene del crimine di furti e danneggiamenti con l’ausilio di strumentazione tecnologiche all’avanguardia.

Inoltre, ha documentato con dettagliate riprese video n. 73 servizi di ordine pubblico e ha sottoposto a fotosegnalamento, anche ai fini di polizia giudiziaria, 1795 persone (801 ai sensi dell’art. 4 TULPS e 994 in materia di immigrazione).

SPECIALITÀ

Nell’anno in esame, eccellenti risultati operativi sono stati conseguiti anche dalle specialità della Polizia di Stato presenti con la Sezione Polizia Stradale di Vercelli, il Distaccamento Polizia Stradale di Varallo Sesia, con la Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Vercelli e con i posti di Polizia ferroviaria presso le stazioni di Vercelli e Santhià.

La Polizia Stradale ha effettuato 1542 servizi di vigilanza stradale, ha identificato 8007 persone e controllato 6788 veicoli. A seguito delle verifiche espletate, sono stati posti sotto sequestro 79 veicoli.

Le violazioni alle norme del Codice della Strada sono state 3759 e le patenti ritirate per gravi violazioni 99 (rispetto alle 94 del periodo precedente), di cui 69 per guida in stato di ebrezza, 4 per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e 2 per grave eccesso di velocità.

Nel settore infortunistico, sono stati rilevati 97 incidenti stradali (contro 90), con 3 incidenti con esito mortale. Inoltre, sono stati prestati oltre 895 soccorsi stradali all’utenza.

Infin, sono stati controllati numerosi esercizi pubblici connessi alla circolazione stradale (36) come le auto-officine e le rivendite di autoveicoli.

 A seguito dei predetti controlli, sono state comminate 10 sanzioni per violazioni del TULPS.

Tra gli interventi di rilievo della Polizia Stradale, si ricorda:

operazione “Easy easy”: personale della Sezione di Polizia Stradale di Vercelli, nel corso del mese di giugno 2021, presso la sala esami della locale Motorizzazione Civile ha organizzato un servizio di osservazione delle sedute d’esame per il conseguimento della patente di guida a seguito del quale è stato individuato un cittadino di nazionalità straniera che, grazie ad una sofistica strumentazione audio/video occultata all’interno di una felpa, riusciva a superare l’esame di teoria a quiz grazie al suggerimento delle risposte pervenutogli da un complice. L’attività di P.G. ha permesso di individuare un sodalizio criminoso con base nella Provincia di Brescia che, mediante un intermediariom consentiva ai candidati di ottenere il superamento degli esami in tutto il Nord Italia. L’attività si è conclusa con la denuncia di n. 5 soggetti, di origine straniera, per i reati di falso, induzione in errore di pubblico ufficiale e detenzione e diffusione di materiale pedopornografico;

operazione “Wilde Insurer”: a seguito di attività di P.G., la Sezione di Polizia Stradale di Vercelli ha denunciato per i reati di falso, esercizio abusivo dell’attività di intermediazione assicurativa, truffa e riciclaggio n. 5 soggetti per aver costituito un sodalizio criminoso dedito alla truffa assicurativa;

operazione “Giù la maschera”: l’attività di P.G. della Sezione Polizia Stradale di Vercelli ha permesso di denunciare a piede libero n. 3 persone per i reati di ricettazione  e produzione e vendita di prodotti con marchi mendaci in quanto responsabili di aver prodotto e immesso sul mercato prodotti privi di marchio e con loghi contraffatti.

La Polizia Ferroviaria, presente in Provincia con i Posti Polfer di Vercelli e di Santhià, ha impiegato numerose pattuglie in stazione (rispettivamente 821 e 145), intensificando l’attività di vigilanza effettuata, quotidianamente, negli scali ferroviari.

Nel complesso, le persone identificate sono state 11561 e le persone indagate in stato di libertà 24.

La Polizia Postale, presente in Provincia con la Sezione di Vercelli, nel periodo di riferimento ha identificato 318 persone con un incremento significativo rispetto al totale dell’anno precedente (124).

Ha provveduto ad indagare in stato di libertà 15 persone e ha sequestrato in via penale 18 apparecchiature informatiche, effettuando numerose perquisizioni informatiche per diversi reati tra cui pornografia minorile, detenzione di materiale pedopornografico, calunnia, falso in atto pubblico, minacce e adescamento di minore.

Redazione di Vercelli