VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

NODO PROVINCIALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI – Siglato il Protocollo antidiscriminazioni con FIAIP (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali)        

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio: “Il Protocollo non solo sarà uno strumento prezioso, ma anche un esempio per tanti altri territori”

PiemonteOggi, Regione Piemonte

La casa, insieme al lavoro e agli affetti, rappresenta uno dei pilastri della vita di ciascuno di noi – sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirioun diritto che noi istituzioni abbiamo il dovere di garantire, per questo il Protocollo siglato giovedì 23 dicembre a Vercelli non solo sarà uno strumento prezioso, ma anche un esempio per tanti altri territori. Ringrazio la Consigliera di Parità e referente del Nodo provinciale contro le discriminazioni della Provincia di Vercelli Lella Bassignana per l’attenzione che quotidianamente dedica al contrastato di ogni forma di discriminazione e tutte le associazioni che hanno scelto di promuovere questo documento. È la testimonianza di un lavoro di squadra fondamentale, perché le discriminazioni si combattono solo facendo crescere la consapevolezza di ogni cittadino in ogni ambito. E questo possiamo farlo solo lavorando tutti insieme”.     

La legge regionale n. 5 del 23 marzo 2016 – afferma Lella Bassignana Referente del Nodo provinciale contro le discriminazioni della Provincia di Vercelli – è una legge quadro che fissa le norme generali dell’argomento e si occupa di prevenzione e contrasto alle discriminazioni e, oltre a fornire una serie di definizioni fondamentali per l’attività antidiscriminatoria, definisce gli ambiti di intervento prioritari per le politiche regionali quali il diritto alla casa e prevede azioni positive per il superamento di situazioni discriminatorie”.

La Regione, nell’ambito delle proprie competenze in materia di diritto all’abitazione e secondo le disposizioni in materia di edilizia sociale, opera per prevenire e contrastare le discriminazioni nell’accesso alla casa: “Ogni comportamento che, direttamente o indirettamente comporti una distinzione, esclusione, restrizione o preferenza,  il caso in cui una persona, è trattata meno favorevolmente di quanto sia, sia stata o sarebbe stata trattata un’altra persona in una situazione analoga fondata su nazionalità, sesso, colore della pelle, ascendenza od origine nazionale, etnica o sociale, caratteristiche genetiche, lingua, religione o convinzioni personali, opinioni politiche o di qualsiasi altra natura, appartenenza ad una minoranza nazionale, patrimonio, nascita, disabilità, età, orientamento sessuale e identità di genere, ed ogni altra condizione personale o sociale”.

Per questo motivo nel mese di luglio – prosegue Lella Bassignana – abbiamo realizzato la  “Guida Pratica per chi Cerca o Affitta Casa”  in collaborazione con : SICET, SUNIA, Associazione della Proprietà edilizia, Unione Piccoli Proprietari Immobiliari dove vengono  fornite informazioni utili e suggerimenti per i proprietari che vogliono dare immobili in affitto e per chi, italiano o immigrato, studente o persona  disabile, cerca casa. La guida a breve verrà pubblicata  anche  in inglese, francese, arabo”.

Il 30 giugno di quest’anno UNAR (con il quale la Regione attraverso il Centro Regionale antidiscriminazioni ha sottoscritto  un protocollo)  e FIAIP (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali) hanno sottoscritto un protocollo d’intesa inerente la prevenzione e la rimozione di qualsiasi comportamento o atto che realizzi un effetto discriminatorio, attraverso azioni di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di un’attivita di informazione e comunicazione.

Sulla base dell’esperienza maturata come Nodo Provinciale Antidiscriminazione della Provincia di Vercelli, sentite tutte le  Associazioni del settore  (AIR Italia – Agenti Immobiliari Riuniti; A.N.A.M.A.- Associazione Nazionale Agenti e Mediatori di Affari ; FIMAA – Federazione Italiana Mediatori Agenti ), concordiamo  di sottoscrivere un protocollo analogo.

Troppo spesso in questi anni abbiamo appreso di proprietari di casa che non hanno guardato all’affidabilità della persona, ma alla sua origine etnica, al colore della sua pelle, all’orientamento sessuale o all’identità di genere. Questo protocollo vuole  fare la differenza, è il primo sottoscritto a livello nazionale con tutte le sigle e vuole arginare ogni tipo di razzismo e stereotipo, evitando così l’umiliazione di persone che chiedono di vedere riconosciuto un diritto fornendo gli strumenti per consentire il rispetto della legalità e della parità di trattamento: fare cultura per prevenire le discriminazioni”.

Il protocollo è stato sottoscritto per AIR Italia – Agenti Immobiliari Riuniti da Mauro Sampietro, per A.N.A.M.A.- Associazione Nazionale Agenti e Mediatori di Affari da Germana Fiorentino, per FIAIP – Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali da Marco Pusceddu e per FIMAA – Federazione Italiana Mediatori Agenti D’Affari Agenti rappresentato da Patrizia Corniani.

Alla sottoscrizione erano presenti: il dirigente regionale Osvaldo Milanesio, il direttore di Ascom – Confcommercio Andrea Barasolo e i rappresentanti di SUNIA Armando Valmachino; Associzione della Proprietà edilizia Avv. Elena Boccadoro; Unione Piccoli Proprietari Immobiliari Avv. Anna Maria Casalone.

Redazione di Vercelli