VercelliOggi
Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

ADDIO A IRENE TORTA, GIOVANE DIRIGENTE CANAVESANA DELLA FISTEL CISL - Il cordoglio della Cisl Piemontese, torinese e nazionale        

Irene era molto conosciuta e stimata e ha sempre mostrato grande sensibilità e attenzione ai problemi sociali e del mondo del lavoro

PiemonteOggi, Regione Piemonte

La Fistel Cisl Piemonte e Nazionale e la Cisl Piemonte e Torino-Canavese esprimono profondo cordoglio per la scomparsa improvvisa di Irene Torta, dirigente della Federazione regionale delle Telecomunicazioni Cisl e rsu di Comdata Ivrea di 43 anni e mamma di due figli ancora minorenni.

Irene, molto conosciuta e stimata non solo nell’ambiente sindacale, si è avvicinata alla Cisl una decina di anni fa, mostrando grande sensibilità e attenzione ai problemi sociali e del mondo del lavoro.

Sempre in prima fila nella difesa dei diritti dei suoi colleghi e dei lavoratori del settore telecomunicazioni faceva sentire sempre la sua voce negli organismi sindacali di cui faceva parte e in particolare nel suo territorio di riferimento, il Canavese.

Un impegno e una voglia di fare che l’aveva portata a collaborare per alcuni anni anche con la segreteria nazionale della Fistel Cisl. Attualmente, oltre a seguire per la Fistel Cisl il Gruppo Comdata, si occupava di tutto il settore Telecomunicazioni a livello regionale.

Irene – spiega la segretaria generale della Fistel Cisl Piemonte, Anna De Bella – lascia un vuoto enorme. Sempre sorridente e vulcanica non si dava mai per vinta. Lottava fino alla fine. Era una donna e una mamma generosa. Un valore aggiunto per la nostra federazione. Ci mancherà moltissimo il suo sorriso, la sua determinazione e il suo altruismo”.

Per i segretari generali della Cisl Piemonte e Torino-Canavese, Alessio Ferraris e Domenico Lo Bianco: “L’improvvisa morte di Irene ci lascia senza parole. È una perdita enorme per tutti noi. Una giovane vita spezzata è sempre un dolore immenso. Irene era una donna solare, impegnata nel sociale, che si batteva per i diritti dei lavoratori con grande umanità e convinzione. Ci stringiamo con affetto intorno alla sua famiglia e in modo particolare ai suoi due figli”.

 

Redazione di Vercelli