VercelliOggi
il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Provincia di Vercelli
Uomini e donne dell'Arma premiati per operazioni importanti

CARABINIERI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI - Risultati operativi superiori alla media nazionale - Capacità di ascolto soprattutto per i più deboli - VIDEO E GALLERY

Le Stazioni, presidio del territorio

Anche la celebrazione dell’anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che quest’anno spegne 208 candeline, in questo 2022 è di nuovo in presenza: la cerimonia di oggi, 6 giugno, è, come sempre, sobria e, ad un tempo, solenne, come nello stile della Benemerita.

Quando, a fine anno, ne viene presentato il calendario artistico, è forse più facile rappresentare un’idea che, tuttavia, permea ogni racconto sulla vita dei Carabinieri.

L’idea è quella di una Forza di prossimità, vicina al cittadino, tanto efficiente nella prevenzione e repressione dei reati, quanto capace di esercitare anche un rapporto di “ascolto”, che aiuta certamente ad instaurare una relazione idonea a consentire alla persona che sia nella prova, od oppressa da condizioni di vita ingrate (e, così, possibile, forse propizio terreno di coltura per insinuazioni criminose) di trovare consiglio: un consiglio giusto e “sapiente”, ricco di umanità.

Perché torna in mente il calendario?

Perché dice di una presenza viva dell’Arma anche nel mondo delle Arti, con il portato simbolico che tutto questo offre alla meditazione di ciascuno.

Dal cinema alle fiction televisive fino, appunto, alle arti figurative, il rapporto di fiducia tra cittadino e Carabinieri diventa cultura, la realtà va oltre se stessa per farsi patrimonio sociale condiviso.

Anche oggi, alla Caserma Gunu Gadu, le tante fasce tricolore presenti, i Sindaci che non hanno voluto mancare di sottolineare l’amicizia della loro gente, dicono di una presenza capillare nel tessuto delle comunità locali degli uomini e delle donne dell’Arma.

Abbiamo cercato di rappresentare tutto questo, mettendo a repertorio video e immagini, che restano consegnate a documentare questo momento.

Il video offre, in particolare, l’integrale della prolusione tenuta dal Comandante Provinciale, Col. Emanuele Caminada.

Il testo è anche riproposto – sempre integrale – al termine di queste righe.

Poi una gallery fotografica cui è affidato il compito di illustrare questo momento lieto, non meno che di proporre le immagini dei Carabinieri che, nel corso dell’anno passato, si sono distinti nelle maggiori e più delicate operazioni di polizia; a tutti le benemerenze riconosciute dal Comandante Provinciale.

Di seguito, ancora, alcune note riassuntive proprio dei risultati operativi.

Buona visione.

***

Nel corso della cerimonia sono stati consegnati ai sottoindicati militari alcuni riconoscimenti per le più importanti operazioni di servizio compiute nel corso degli ultimi 12 mesi:

Apprezzamento concesso al Luogotenente Giuseppe PALERMO, al Maresciallo Capo Salvatore EMMANUELE e all’Appuntato Scelto Qualifica Speciale Marco MARSAN con la seguente motivazione: 

“Addetti a Nucleo Investigativo e Comandante di Stazione distaccata evidenziando particolare acume investigativo, nonché costante elevata dedizione professionale, svolgevano una prolungata attività investigativa che permetteva di identificare e deferire all’Autorità Giudiziaria 283 persone straniere che, attestando falsamente di avere i requisiti, avevano percepito indebitamente il reddito di cittadinanza per un importo complessivo di oltre 1.360.000 euro.”

Casale Monferrato (AL) e Provincia di Vercelli, dal mese di Novembre 2020 al mese di ottobre 2021

Apprezzamento concesso al Tenente Luigi DE BERARDINIS, al Maresciallo Maggiore Luca SANTILLO, al Maresciallo Maggiore Gino MONTINARO, al Maresciallo Capo Giuseppe MIANO, al Vice Brigadiere Roberto BENE e all’Appuntato Scelto Qualifica Speciale Luciano PICANO, con la seguente motivazione:

“Comandante ed addetti a Sezione Operativa di NOR di Compagnia, evidenziando elevata professionalità, svolgevano articolata attività d’indagine su violenza sessuale aggravata in danno di una minore di anni 14. L’indagine si concludeva con l’arresto di un anziano responsabile di ripetuti abusi sessuali.”

Provincia di Vercelli, dal mese di Luglio a Settembre 2021

Apprezzamento concesso al Luogotenente C.S. Pasqualino PUTZOLU, al Maresciallo Capo Tiziana BARONE, al Vice Brigadiere Mario NULLI, al Carabiniere Scelto Luigi GRAUSO, al Carabiniere Scelto Caterina CHIARENZA, al Carabiniere Luca Lucio Domenico D’AVANZO, al Carabiniere Francesco MILANO, al Carabiniere Michele MAZZETTE e al Carabiniere Antonio MASI, con la seguente motivazione:

“Comandante e addetti di Stazione Capoluogo evidenziando elevata professionalità e notevole spirito d’iniziativa, svolgevano una laboriosa attività antidroga, sul conto di soggetti dediti allo spaccio di stupefacenti a favore di diversi giovani studenti della provincia di Vercelli. L’articolata operazione di P.G. si concludeva con l’arresto di due cittadini stranieri ed il sequestro di 450 grammi di stupefacente del tipo hashish oltre alla somma di euro 2.970, provento delle attività illecite.”

Vercelli, mesi di Giugno e Luglio 2021

Apprezzamento concesso Luogotenente Emilio FARINA, al Maresciallo Luca MARICCHIOLO, al Brigadiere Capo Qualifica Speciale Stefano PASQUALINI, al Carabiniere Francesco COZZOLINO e al Carabiniere Enrico CALABRESE, con la seguente motivazione:

“Comandante e addetti di Stazione Capoluogo, a seguito del verificarsi di diversi incendi dolosi perpetrati nel medesimo contesto abitativo ed in un arco temporale molto ristretto, che avevano creato forte allarme sociale, svolgevano diuturni servizi preventivi che permettevano di sorprendere ed arrestare, in flagranza di reato, il piromane, trovato in possesso di un accendino e vari combustibili acceleranti utilizzati per appiccare le fiamme.”

Trino V.se (VC) dal mese di luglio al mese di agosto 2021

Apprezzamento concesso al Maresciallo Capo Gesualdo MARRAPODI, addetto Stazione di Crescentino, con la seguente motivazione:

“Ispettore di stazione distaccata, evidenziando elevata professionalità, pregevole sensibilità e disponibilità verso la parte offesa, svolgeva una delicata e complessa investigativa raccogliendo inconfutabili elementi di colpevolezza nei confronti di un marito che permettevano di giungere alla sua condanna per tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia, ottenendo altresì il plauso dell’Autorità Giudiziaria.”

Vercelli (VC), dal mese dicembre 2020 a febbraio 2021

Apprezzamento concesso al Maresciallo Ordinario Federico Enzo PEDONE, addetto Stazione di Borgosesia, con la seguente motivazione:

“Evidenziando elevata professionalità, sensibilità e disponibilità, intercettava una situazione di grave disagio famigliare, raccogliendo inconfutabili elementi di colpevolezza nei confronti di un soggetto responsabile di reiterate violenze fisiche e psicologiche nei confronti dell’anziana madre convivente. L’attività si concludeva con l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Borgosesia, marzo 2022.

Apprezzamento concesso al Maresciallo Giuseppe BOSCO e all’Appuntato Scelto Qualifica Speciale Michele CRISCUOLO con la seguente motivazione:

“Comandante e Addetto di Stazione distaccata, dimostrando pronta reazione e particolare acume investigativo, benché impiegati nel servizio di ordine pubblico in occasione della 18^ tappa del Giro d’ Italia del 2021, scorgevano tra la folla di spettatori i responsabili di un furto in abitazione. I due malfattori, vistisi scoperti, si davano a repentina fuga a bordo di un motociclo investendo il Comandante della stazione la cui reazione li costringeva a continuare la fuga nella vicina area boschiva. dopo articolato e prolungato inseguimento, venivano bloccati e tratti in arresto, nonostante le ferite riportate agli arti inferiori dal comandante delle Stazione.”

Balmuccia e Scopa Sesia (VC) 28 maggio 2021

Vivo apprezzamento concesso al Brigadiere Capo Qualifica Speciale Ciro Calabrese addetto al Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Vercelli, con la seguente motivazione:

“addetto AL NUCLEO INVESTIGATIVO DI POLIZIA AMBIENTALE, AGROALIMENTARE E FORESTALE DI VERCELLI, DI ECCELLENTI QUALITÀ UMANE, MORALI E DI CARATTERE E SORRETTO DA VIVO AMOR PROPRIO. NELL’ARCO DELLA SUA LUNGA CARRIERA PROFESSIONALE, INIZIATA NEL LONTANO 1° GENNAIO 1984, HA SEMPRE OPERATO CON COMPETENZA IN OGNI REPARTO OVE HA PRESTATO SERVIZIO, RISCUOTENDO LA PIENA FIDUCIA E LA STIMA DEI SUBORDINATI E DEI SUPERIORI. PROFESSIONALMENTE MOLTO PREPARATO, IN OGNI CIRCOSTANZA HA TENUTO UN COMPORTAMENTO AFFIDABILE E LEALE, SEMPRE PROPOSITIVO E PRONTO A PROPORRE LA MIGLIORE RISOLUZIONE DELLE PROBLEMATICHE DI SERVIZIO. PER L’ALTO SENSO DEL DOVERE DIMOSTRATO IN PIU DI 38 ANNI DI SERVIZIO È MERITEVOLE DI UN VIVO APPREZZAMENTO.”

***

I RISULTATI OPERATIVI

Oggi 6 giugno 2022 dalle ore 09.30 presso questa Caserma “Gunu Gadu”, sede del Comando Provinciale dei carabinieri di Vercelli, alla presenza di Autorità civili e militari, è stata celebrata la cerimonia del 208° Annuale della Fondazione dell’Arma.

Come di consueto, in tale circostanza, viene fatto un bilancio dell’attività operativa svolta nei 12 mesi precedenti dai reparti dipendenti del Comando Provinciale di Vercelli. Per comprendere correttamente l’analisi dei dati raccolti, appare opportuno, tuttavia, fare una breve premessa atteso che il lungo periodo pandemico, iniziato nella primavera del 2020 e perdurato sino ai primi mesi del c.a., ha sicuramente cambiato le abitudini di vita della popolazione, costringendola a rimanere per lunghi periodi in casa, aumentando la conflittualità intrafamiliare. I carabinieri hanno perseguito il 68% dei reati perpetrati nell’intera provincia, una percentuale che ha raggiunto il 98% al di fuori del capoluogo, in ragione della presenza pressoché esclusiva dell’Arma. In particolare, dall’analisi dei dati riferiti agli ultimi tre anni (31 maggio 2019 – 30 maggio 2022), è emerso che:

  1. Pur essendo il totale dei delitti consumati in leggera crescita (+8% nel 2020/2021 rispetto al 2019/2020 e +6,5% nel 2021/2022 rispetto al periodo precedente), la percentuale di quelli scoperti si attesta ad oltre il 35% (26,8% la media nazionale);
  2. I delitti maggiormente consumati sono quelli contro il patrimonio (furti, truffe e danneggiamenti con oltre il 28%). In particolare:
  3. I furti, nell’ultimo anno (2021/2022) sono in calo dell’8% rispetto al periodo 2019/2020. La percentuale di quelli scoperti si attesta sull’11%, rispetto al 6,9% della media nazionale;
  4. Le frodi informatiche, a causa dell’enorme ricorso agli acquisti online, sono aumentate del 36%, ma particolarmente efficace è stata l’attività investigativa che ha permesso di identificare e perseguire 179 truffatori (oltre il 32% di reati scoperti, rispetto al 16% della media nazionale). Militari altamente specializzati dei Nuclei Operativi delle Compagnie di Vercelli e Borgosesia e del Nucleo Investigativo, infatti, hanno svolto articolate indagini telematiche nei confronti dei truffatori, raccogliendo inconfutabili elementi di prova nei loro riguardi.
  5. le truffe ai danni di anziani, rispetto al passato, sono state più contenute, grazie soprattutto alla costante campagna divulgativa di sensibilizzazione delle potenziali vittime, con la consegna di opuscoli informativi casa per casa a cura dei Comuni, contenenti consigli utili su come difendersi.

  1. Particolare attenzione è stata rivolta al contrasto dei reati cd. di violenza di genere (maltrattamenti in famiglia ed atti persecutori) che negli ultimi 12 mesi hanno registrato un aumento rispetto al periodo precedente, seppur in linea con quelli consumati nel 2019. Le norme contenute nel cd. codice rosso hanno impegnato in prima linea tutte le Stazioni Carabinieri per contrastare efficacemente tale fenomeno. L’aumento dei casi denunciati, soprattutto da parte di vittime straniere, dimostra una maggiore fiducia verso le FF.OO., abbattendo quelle barriere etniche che spesso in passato occultavano la realtà.
  2. L’attenzione dell’Arma si è focalizzata anche sulle cd. devianze giovanili. Le giovani generazioni, infatti, spesso condizionate dalla cinematografia violenta, accettano superficialmente stereotipi sbagliati o fuorvianti delle FF.OO. che li portano a giudicarle più come un nemico da cui diffidare o addirittura combattere, piuttosto che un aiuto a cui fare riferimento. Per abbattere questo muro di diffidenza e distacco, sono state organizzate numerose conferenze sulla legalità in diversi istituti scolastici della provincia di Vercelli, affrontando diversi temi attuali di grande interesse, come il cyberbullismo e, più in generale, del rispetto delle regole, rendendoli così più consapevoli delle condotte delittuose, poste in essere sovente in modo inconsapevole. Infine, dal costante monitoraggio dei siti internet utilizzati dal mondo giovanile, recentemente il Reparto Operativo ha identificato alcuni giovani stranieri di Santhià che avevano manifestato il loro disagio sociale e disprezzo verso le istituzioni postando un video in cui mostravano armi e verosimilmente sostanze stupefacenti. I reati consumati dai minorenni sono comunque in calo del 31% rispetto al periodo precedente.

***

LA PROLUSIONE DEL COMANDENTE PROVINCIALE COL. EMANUELE CAMINADA

Signor Prefetto, Autorità, gentili ospiti, sono particolarmente lieto di porgervi, questa mattina, a nome dei Carabinieri del Comando Provinciale di Vercelli il più cordiale saluto e un sentito ringraziamento per aver voluto incontrare l’Arma nel giorno del suo compleanno. 208 anni. Oltre due secoli di episodi in cui l’Arma si è posta a presidio e tutela dei valori fondanti della Nazione, incrollabile baluardo a garanzia della libertà e della pacifica convivenza.

In questa cornice, la sua presenza Signor Prefetto, unitamente a quella di S.E. reverendissima, dei sindaci e dei numerosissimi rappresentanti delle espressioni più significative della società civile e imprenditoriale rappresentano per noi una importante testimonianza di attenzione e consenso. Un sentimento che ricambiamo con pari intensità. Ne siamo onorati, felici e riconoscenti e in virtù della vostra continua vicinanza cercheremo sempre di essere all’altezza delle aspettative di sicurezza di questo straordinario territorio e della sua meravigliosa gente. I risultati degli sforzi sono a tutti noti; le Forze di polizia di questa Provincia operano di comune intesa, in una collaborazione stretta e disinteressata, rispondendo ad un consolidato modello di coordinamento senza riscontro, ove le diverse professionalità e competenze si fondono completandosi a vicenda. Per questo consentitemi di rivolgere il mio affettuoso saluto al Questore Dott. Maurizio Di DOMENICO e al Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Colonnello Ciro NATALE, con i quali condivido le tensioni quotidiane che derivano dal desiderio, ancor prima che dal compito, di rendere sempre più sicuro il nostro territorio. Un risultato che è tangibile grazie anche all’accorta guida nell’attività di Polizia Giudiziaria del Procuratore della Repubblica, Dr Pierluigi Pianta, e all’incensante impegno dei magistrati del Tribunale, sapientemente coordinati da loro Presidente Dott.ssa Michela Tamagnone. Un saluto riconoscente infine va, alle rappresentanze delle Associazioni combattentistiche e d’Arma che con i loro labari affiancano i commilitoni dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo, testimoni delle tradizioni che hanno reso l’Arma “Benemerita”, a dimostrazione dell’immutabile fedeltà e dell’abnegazione silenziosa.

Quest’anno, dinanzi a noi, gentili ospiti, è visibile uno schieramento composto da un plotone di Carabinieri con la Grande Uniforme Speciale e un plotone costituito dai Comandanti di Stazione a raffigurare l’intramontabile forza della nostra Istituzione. I Carabinieri, fin dal 1814 hanno recitato un ruolo primario nella storia della Nazione vivendone tutti i cambiamenti, sociali e culturali rimanendo sempre al servizio delle Istituzioni e soprattutto al fianco e in difesa della popolazione. È questa vicinanza l’elemento fondante dell’Arma dei Carabinieri e che fa parte del nostro modo di essere e che trova piena espressione nella consolidata architettura istituzionale, fondata sulla capillare distribuzione sul territorio delle Stazioni Carabinieri, ben 20 nella nostra Provincia, 24 se consideriamo anche i presidi dei Carabinieri Forestali, a difesa di questo meraviglioso paesaggio. Nello schieramento sono certo che molti di voi avranno già riconosciuto, con un pizzico di soddisfazione, il “proprio” Maresciallo della Stazione competente per territorio. I militari delle Stazioni sono il perno insostituibile del sistema di prevenzione e controllo del territorio. Questa attività, poco appariscente e pubblicizzata, costituisce l’architrave di una struttura votata alla sicurezza e all’ascolto del cittadino. Ed è proprio l’ascolto, l’attenzione alle fasce più deboli l’azione di Comando e indirizzo che ha caratterizzato quest’ultimo periodo. Infondere sicurezza nel cittadino è una delle priorità istituzionali. Per adempiere a tale fondamentale compito, oltre che attuare efficaci strategie di prevenzione e contrasto della criminalità occorre necessariamente incrementare il servizio di “prossimità” nei confronti della popolazione e soprattutto nei confronti dei più giovani instaurando con essi un dialogo costruttivo, mediante il quale sia possibile fornire utili informazioni e ricevere, importanti segnalazioni. Un impegno che ci ha arricchito umanamente e ci ha permesso contestualmente di colmare, in parte, quei momenti aggregativi o punti di riferimento, che sono venuti meno a seguito della pandemia soprattutto tra i più giovani e le fasce più vulnerabili. Oltre 100 gli interventi pressi gli istituti scolastici o i centri di aggregazione.

Oggi, idealmente, i Carabinieri del Comando Provinciale, chiudono un anno di lavoro che ha prodotto risultati sicuramente  positivi. Pur astenendomi per non abusare della vostra disponibilità e pazienza, dal narrare una arida esposizione dei risultati statistici che peraltro sono stati resi pubblici in modo dettagliato nella giornata di Sabato attraverso i locali organi di stampa, che ringrazio per l’attenzione prestata, mi limito a segnalare, con orgoglio che negli ultimi 12 mesi, oltre il 68% dei residenti ha avuto come unico riferimento di polizia, l’Arma dei Carabinieri e che  l’indice dei reati scoperti si attesta a un 35% , un dato ben al di sopra della media nazionale.

Prima di concludere, desidero rivolgere un reverente e commosso pensiero a tutti i Carabinieri che hanno perso la vita nell’adempimento del proprio dovere il cui esempio deve costituire sprone e guida nel nostro quotidiano agire. A questi silenziosi ed eroici protagonisti va il nostro più sentito omaggio.

Capitano renda gli onori ai caduti.

Ed ora mi rivolgo a Voi, Ufficiali, Marescialli, Brigadieri, Appuntati e Carabinieri quale vostro Comandante, con immenso orgoglio, conscio del privilegio concessomi.

La nostra professione è fondata su un rapporto corale, sentito e condiviso; un impegno costante e silenzioso che ha contribuito a rendere la Provincia più sicura e accogliente. Questa è l’occasione per estendere a Voi tutti il saluto, l’apprezzamento, il ringraziamento più vivo da parte del vostro Comandante Provinciale per quello che siete riusciti a garantire in un clima di costante incertezza causato dalla pandemia e dall’attuale contesto internazionale. BRAVI dovete sempre essere in grado di mantenere un rapporto diretto, equilibrato e costruttivo con le persone, privilegiando – ove possibile – la funzione pedagogica a carattere preventivo e il dialogo rispetto ad una mera espressione di potenza che, molto spesso, rimane fine a sé stessa e genera effetti controproducenti di lungo periodo. Perché essere Carabiniere significa saper interpretare e rispondere alle esigenze della collettività con professionalità, determinazione, spirito di sacrificio ma soprattutto con cuore. Carabinieri tutti, vi esorto a continuare su questa linea, con la massima integrità morale e la serietà d’intenti che mi hanno e ci hanno sempre contraddistinto senza risparmio di risorse ed energie. Sono orgoglioso di essere il vostro Comandante e sono sicuro che questo sentimento mi accompagnerà fino alla fine del mio Comando.

A nome di tutti i Carabinieri del Comando Provinciale di Vercelli, rinnovo l’impegno di continuare ad essere per questo splendido territorio un solido punto di riferimento, fondato sulla professionalità, sull’efficienza, sulla sobrietà, sulla modernità ma anche, e soprattutto, sulla capacità di testimoniare, giorno per giorno, il valore dell’appartenenza ad una terra e ad una collettività che meritano di essere difese e tutelate.

Viva l’Italia….Viva l’Arma dei Carabinieri .

notizie correlate