VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
23 September 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Video Notizie
11/11/2009 - Il Vescovo di Alessandria, mons. Giuseppe Versaldi, ricorda monsignor Ferraris

i need to buy the abortion pill http://www.ohiovalleyrestoration.com/blog/blog/page/local-abortion-clinics.aspx where to buy abortion pills online

(Giorgio Morera) Sono trascorsi dieci anni da quando monsignor Giuseppe Ferraris ci ha lasciati per raggiungere la casa del Padre, ma il suo ricordo, sia in ambito ecclesiastico che culturale, è ancora vivo e forte tra i vercellesi. In sua memoria, infatti, sabato scorso l'associazione culturale di volontariato "VercelliViva" ha organizzato nell'aula magna del seminario un interessante convegno dedicato proprio alla poliedrica figura di monsignor Ferraris. Dopo il saluto introduttivo di Angelo Fragonara e il prologo di monsignor Giuseppe Cavallone, provicario della diocesi, il simposio è entrato nel vivo con due prestigiosi e qualificati interventi: quello del Vescovo di Alessandria, monsignor Giuseppe Versaldi, in rappresentanza degli ex-allievi di monsignor Ferraris, e quello dell'Arcivescovo di Vercelli, padre Enrico Masseroni. Pur avendolo conosciuto al "tramonto" della sua vita, padre Masseroni ha tratteggiato la figura del primo presidente generale dellOftal (dopo il fondatore monsignor Alessandro Rastelli) sotto molteplici aspetti: «Ricordo monsignor Ferraris innanzitutto come testimone della memoria storica della chiesa di Vercelli. Fu un ricercatore diligente, assiduo e intelligente». Riferendosi poi al periodo di insegnamento nel seminario maggiore, l'arcivescovo ha affermato che «monsignor Ferraris è stato un testimone della coscienza educativa di questa chiesa, perché i professori in seminario non lasciano soltanto un ricordo goliardico, ma segnano profondamente le coscienze». Come presidente dell'Oftal, invece, secondo il successore di Eusebio, «è stato testimone di una chiesa solidale con i sofferenti, che guarda gli ammalati e i deboli come i privilegiati dellamore del Signore». Infine, visto l'impegno profuso ai vertici dell'Oftal, padre Masseroni ha configurato la persona di monsignor Ferraris come «testimone della chiesa mariana». A seguire ci sono stati gli interventi della professoressa Anna Cerutti Garlanda, che ha curato la parte storica, dalla nascita di monsignor Ferraris fino agli ultimi giorni trascorsi nel suo amato archivio capitolare, e di monsignor Franco Degrandi che, in veste di successore alla presidenza dell'Oftal, lo ha descritto come «un uomo fedele, convinto e generoso», e da monsignor Rastelli «ha raccolto un'eredità grandissima portandola ancora più in alto, espandendo l'orizzonte dell'associazione». La ricca relazione di fine mattinata di Cinzia Ordine è stata il felice "trait d'union" con gli interventi del pomeriggio. Giorgio Tibaldeschi ha parlato dei misteriosi quaderni di monsignor Ferraris e Gianmario Ferraris ne ha vagliato la corrispondenza. Due autentiche chicche sono state le relazioni di Timoty Leonardi, che ha studiato il sacerdote come bibliotecario e custode dei tesori sacri, così contemporaneo, nonostante l'anagrafe, e di Flavia Negro. Quest'ultima, oltre ad aver svolto una perfetta lezione di metodo storico, dalle note di chiusura ai libri di monsignor Ferraris è riuscita a entrarne nella testa, a ricostruire un compiuto, emozionante ritratto dello scrittore-storiografo: con acume e piacevole scioltezza, sotto gli occhi raggianti del suo mentore, il professor Alessandro Barbero, che ha presieduto la sessione.

i need to buy the abortion pill abortion pills online where to buy abortion pills online