VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
19 October 2017 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it
Video Notizie
11/06/2017 - VERCELLI CHE PEDALA 2017 - Il Pirata ruba un bacio al Sindaco - Poi parte lo sciame festoso a 2 ruote
Sono partiti puntuali come sempre alle 9 di questa mattina – 11 giugno – da Piazza Paietta a Vercelli i protagonisti della 44. ma “Vercelli che Pedala”, il fiore all’occhiello del Velo Club Vercelli e del “patron” della manifestazione Venio Trebaldi.

Sciame variopinto e festoso, i colori quest’anno ravvivati dai generosi raggi del sole che accompagnano per tutto il tragitto (circa 30 chilometri) biciclette di ogni foggia (c’è anche quella per gli amici a 4 zampe) e tutte compagne di tante ore liete, che fanno dimenticare per questa giornata le preoccupazioni che un po’ tutti abbiamo.

Madrina d’eccezione di questa edizione il Sindaco di Vercelli che non si limita, quest’anno, a portare il saluto, ma che si concede anch’ella qualche ora di svago: il saluto ai nostri Lettori nel filmato che proponiamo, con la partenza –


Non si fa scappare l’occasione per dare un bacio al Primo Cittadino la “maglia rosa” Marco Pantani, o meglio la “risposta vercellese” al mito del Pirata.

Che in effetti, proprio come un pirata un po’ guascone, partito per dare un bacio “di circostanza” a Maura Forte non si lascia scappare l’occasione per rubarne altri tre o quattro: come dargli torto, del resto?

Sulla due ruote del Sindaco – rigorosamente appartenente al parco a due ruote di “bicincittà”, niente che non sia “in house” – viaggerà certo il Primo Cittadino, ma saranno veicolati, impossibile non farci caso, anche altri messaggi, come pensiamo si vedano ad occhio nudo anche alla vista del profano.

Giornata di svago, certo, ma anche un modo per dire che il Sindaco “pedala” tutti i giorni, insieme alla gente, a tanti che ogni giorno devono darci dentro per andare avanti onestamente, costruire un futuro ai figli.

Del resto le hanno dato la bicicletta, l’ha chiesta alla città, e adesso deve darci dentro anche lei. E ne ha. E, per la verità, lo fa e anche talvolta cercando di nascondere, non certo di ostentare fatica e sacrificio.

Vale la pena pedalare? Sarà per il sole che oggi pare voglia incoraggiare la speranza, sarà perché forse effettivamente si vede in lontananza l’uscita dal tunnel, sarà – anche e forse soprattutto – perché non se ne può comunque fare a meno, ma oggi si direbbe di sì.

E’ troppo presto, forse, per dire che si pedali con gioia verso il futuro.

Certo, non è più come prima, quando si doveva pigiare sui pedali anche senza che si vedesse un orizzonte di senso.

Di sicuro, c’è qualcosa che ora autorizza un ottimismo che oggi non è spensierato, ma ragionevole.

Poi lo starter dà il Via: Mons. Marco Arnolfo non si sottrae al duplice ed atteso ruolo. Benedicente e partente.

E la gente gli è grata sia delle sue parole, sempre attente a mettere in risalto, in questa circostanza che, non dimentichiamolo, mette in luce l’importanza di una vita sana e rispettosa della natura, sia di come sta al gioco e si mette in gioco: la gente sa che don Marco è uno dei nostri.

E certamente lui ne è contento.