VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
19 October 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



Dettaglio News
12/03/2018 - Vercelli Città - Politica

VERCELLI, PER LA FARSA DI PALAZZO CIVICO NON E’ IL CASO DI SCOMODARE EDUARDO DE FILIPPO – Pappagone basta e avanza

Si spera che qualcuno vorrà spiegare



VERCELLI, PER LA FARSA DI PALAZZO CIVICO NON E’ IL CASO DI SCOMODARE EDUARDO DE FILIPPO – Pappagone basta e avanza

La cosa più facile a cui pensare è che non fossero nemmeno in tredici.

Ma andiamo con ordine.

Risuona surreale il saluto del Presidente Michele Gaietta alle 21.32, terminato l’appello: ringrazio i presenti.

I giornalisti si guardano attoniti, perché mai come oggi l’Aula di Palazzo Civico è stata deserta.

Le opposizioni hanno spiegato i motivi della loro assenza nel corso di una conferenza stampa tenuta alle 18 di oggi 12 marzo.

Vedi anche http://www.vercellioggi.it/dett_news.asp?id=77822

* * *

Adesso ci si attende che la “maggioranza” illustri il motivo di questa scelta: non si è presentato nessuno.

E c’è chi va a scomodare Eduardo De Filippo nell’immortale pièce de “Il Pernacchio”.

Si badi, non “la pernacchia”, che, quella è buona per il volgo.

Il pernacchio, invece, è qualcosa di più sofisticato e studiato, idoneo a dileggiare uno o più persone mostrando un disprezzo sovrano.

Sicchè, tra gli osservatori politici, vi è chi ha pensato: avranno voluto significare alle opposizioni quanto di loro gliene importi.

Scegliendo anche loro, che pure cosi spesso l’hanno deprecata, di praticare la politica della sedia vuota.

Ma vi è chi dice: proprio per questo non è il caso di scomodare il grande Eduardo, basta e avanza rispolverare Peppino De Filippo quando impersonava Pappagone.

Voi non venite?! Allora non veniamo pure noi! Pari e patta. Non venite voi, non veniamo noi. Mo vediamo chi tiene a capa più tosta.

* * *

Fuor di metafora e  a parte gli scherzi qualcuno della maggioranza domani dovrà spiegare perché nessuno si è presentato.

Vi è chi dice: vorranno far credere di avere in serbo l’arma segreta,  e cosi procedere alle surroghe (sostituzioni) dei 4 consiglieri dimissionari fra una decina di giorni, quando dovrà riunirsi di nuovo l’assemblea.

E quale potrebbe essere quest’arma segreta?

L’arma segreta potrebbe essere la compravendita del tanto sospirato 14esimo consigliere, che adesso non è neppure a livello di trattativa preliminare, ma bisogna industriarsi a far credere che invece si sia alla vigilia del contratto.

Perché far credere anche se non è cosi? Perché in tal modo si amplia il mercato (immaginario).

Se faccio credere che sto trattando con uno, anche qualcun altro può essere tentato di non essere da meno: piuttosto che lasciare a lui l’affare, mi ci butto prima io.

Questa è la tecnica che padroneggiano, con mirabili risultati, i pescatori di ciprinidi quando “pasturano”.

Le carpe si buttano sulle esche e la prima che arriva è catturata.

Quali sono i limiti di questa tecnica?

Consistono essenzialmente nel pensare di essere più furbi degli altri.

È  ben vero che uno possa credere di essere più furbo degli altri, ma pensare che gli altri siano stupidi è sempre un errore.

Inoltre non bisogna mai dimenticare una ulteriore verità assiomatica: si può prendere in giro una persona per tutta la vita; si possono prendere in giro tutti una volta. Ma non si possono prendere tutti in giro tutta la vita.

Sicchè il bluff ; stiamo per concludere con tizio, quindi chi è interessato si faccia avanti per primo, pare destinato a fallire miseramente.

* * *

Allora i casi sono due, per ora.

Il primo: non erano neanche tutti i tredici della “maggioranza”  e hanno voluto mascherare la toppa nelle braghe, girando in mutande.

Il secondo: stanno bluffando e non hanno un’idea in testa di come sfangarla.

Al momento, terze vie non se ne vedono.

* * *

Intanto che mettevano a punto il copione della farsa che oggi ha villipeso l’aula, sbeffeggiato i cittadini, umiliato la città, hanno commesso alcuni dilettanteschi svarioni.

Il primo, e più grave, consiste nel fatto che, dall’apertura formale dei lavori (20.30) fino alle 21.27 (poco prima dello scadere dell’ora di tolleranza) non solo i banchi di maggioranza e opposizione siano rimasti vuoti, ma vuoto sia rimasto altresì e purtroppo il tavolo dell’ufficio di presidenza e, soprattutto, il banco della segreteria di consiglio, dove nessuno – dicesi nessuno – né il segretario generale Fausto Pavia, né i funzionari si sono presentati fino alle 21.25.

È vero che, al punto in cui siamo, queste sono quisquillie, ma vale la pena rilevarlo comunque come sintomo di un clima decisamente deprimente.

Come finirà? Chi vivrà vedrà.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
VercelliOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it