VercelliOggi.it
Il primo quotidiano on line della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
19 October 2018 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



Dettaglio News
11/10/2018 - Vercelli Città - Enti Locali

VERCELLI, LA PLASTICA TORNA IN COMMISSIONE - Abbandonata la strada del muro contro muro, la maggioranza rinuncia al tabù di Atena Asm - Si riapre il confronto sui costi della differenziata

Oggettiva correzione di rotta con l'audizione di Tecnici indipendenti -



VERCELLI, LA PLASTICA TORNA IN COMMISSIONE - Abbandonata la strada del muro contro muro, la maggioranza rinuncia al tabù di Atena Asm - Si riapre il confronto sui costi della differenziata
I Presidenti di Commissione Stefano Pasquino ed Adriano Brusco -

Una oggettiva correzione di rotta, quella scelta dai Presidenti delle Commissioni Prima e Quinta del Consiglio Comunale di Vercelli, Adriano Brusco e Stefano Pasquino.

Martedì 16 ottobre alle ore 18 i due Collegi sono di nuovo convocati per discutere della raccolta puntuale dei rifiuti costituiti da materiale plastico.

Dopo quella sostanzialmente infruttuosa (causa assenza giustificata di alcuni tra i Consiglieri che più hanno voluto vederci chiaro nella tariffa proposta da Atena Asm Iren per il servizio) si vedrà, dunque, come andranno le cose nel corso di questa nuova occasione di approfondimento.

Nella riunione del 3 ottobre scorso, infatti, era stato ascoltato in audizione l’Amministratore Delegato di Atena, Roberto Conte.

In un primo tempo era parso che ai Commissari (presenti) fosse bastata la spiegazione dell’ “oste” per dire che il vino fosse buono.

Non va infatti dimenticato che Atena Asm altro non è che un fornitore del Comune di Vercelli.

Il punto di vista dell’Azienda, pertanto, non è quello di un tecnico super partes: semmai della controparte.

Controparte che, peraltro, ottiene incarichi dal Comune (quello della raccolta rifiuti è di oltre 9 milioni di euro l’anno) senza vincere una gara d’appalto, ma semplicemente perché il Comune è socio (ora al 40 per cento: il 60 per cento è di Iren, un privato) nella multiutility di Corso Palestro.

Tale prassi pare ormai ai più tanto legale (lo è) quanto anacronistica e penalizzante per il Comune.

Perché è chiaro che, se aveva (non l’aveva comunque) un senso quando Palazzo Civico deteneva la maggioranza del Capitale Sociale (il 60 per cento), dopo la esiziale scelta compiuta il 17 dicembre 2015 da una minoranza “blindata” di Consiglieri Comunali ( 14 su 33 ) di cedere ad Iren la maggioranza del capitale sociale, quel poco senso che ancora aveva è scemato del tutto.

E’ di evidenza persino intuitiva che, invece, Iren sia proprio questo che vuole: incarichi e occasioni operative propiziate comunque dal Comune di Vercelli.

Ente che, forse, qualche boiardo può pensare di avere acquistato al 60 per cento, diventandone socio controllante, per il fatto di avere sostanzialmente comprato la partecipazione di controllo e per un piatto di lenticchie (12 milioni di euro) un’Azienda che fattura 100 milioni l’anno.

***

Diventa sempre più chiaro che ormai sono molti i Consiglieri Comunali rappresentativi di una vasta parte di opinione pubblica a pensare che il contrattone per l’illuminazione a Led sia l’ultima “tetta” alla quale si sono applicate certe avide boccucce, senza passare da una gara d’appalto.

Ed è forse questa una delle ragioni per cui tanta attenzione è concentrata su questa (modesta) estensione del contratto di raccolta rifiuti, che riguarda la plastica.

Un fatto probabilmente più simbolico che altro.

L’ “altro” c’è, comunque: nella prossima riunione di Commissione si ascolteranno i pareri di Tecnici esterni ed indipendenti, che valuteranno la congruità dell’offerta di Atena Asm Iren.

Poi i Commissari diranno la loro opinione.

***

La cosa che – è quello che si capisce dalla posizione dei Consiglieri – emerge in modo nitido è il messaggio forte e chiaro che viene, (anche) in questa occasione mandato ad Iren: la pacchia vercellese è finita.

Possono cercare di fare i piacioni, dare tutte le “mance” del mondo a chi meglio credono, ora finanziando la calata degli Alpini, ora i balli a palchetto di qualche stakeholder, che intanto non ci casca più nessuno.

Soprattutto, puliscano come devono e rispettino il contatto che porta nelle loro casse 9 milioni di euro l’anno.

Perché, prima di pensare a togliere i cassonetti (perché poi solo quelli gialli? E di quelli verdi che ne facciamo?) dalle strade, è meglio fare il proprio dovere, sostenendo i relativi costi.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
VercelliOggi.it - Network ©
Iscrizione R.O.C. n° 23836 - Data ultimo aggiornamento: 2 ottobre 2014 - Direttore responsabile: Guido Gabotto
Via F. Petrarca 39 - Vercelli - Tel. 0161 502068 - Fax 0161 260982
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it