VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 13 aprile 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




02/04/2016 - Bassa Vercellese - Cronaca

VERCELLI, LADRE SERIALI SERBE ARRIVATE DA TORINO BLOCCATE DA UN POLIZIOTTO - L'Agente non era in servizio, ma l'intuito investigativo uno o ce l'ha o non ce l'ha

Già attrezzate di tutto punto per commettere altri crimini




VERCELLI, LADRE SERIALI SERBE ARRIVATE DA TORINO BLOCCATE DA UN POLIZIOTTO - L'Agente non era in servizio, ma l'intuito investigativo uno o ce l'ha o non ce l'ha
Veduta di Stroppiana

Nella mattinata del 1 aprile, per le ore 9 circa, un operatore della Polizia di Stato, libero dal servizio, transitando in via Pietro Micca, notava due donne note alla Questura e con a carico vari precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

Lo stesso agente vedeva le due ragazze aggirarsi con fare sospetto, spostandosi velocemente di civico in civico “controllando” i vari portoni e i relativi citofoni.

L’operatore, a questo punto, decideva di avvicinarsi a loro: le stesse, impaurite dalla sua presenza, cercavano di allungare il passo per poi dirigersi verso viale Garibaldi. Venivano così fermate e dopo essersi qualificato il poliziotto chiedeva alle ragazze cosa stessero facendo.

Le donne non fornivano tuttavia alcuna motivazione valida per la loro permanenza a Vercelli: venivano identificate per S. G. nata in Serbia nel 1999 e domiciliata a Torino, accompagnata da S. M. nata nel 1997 in Serbia e domiciliata a Torino, entrambe con innumerevoli reati contro il patrimonio.

Vista la circostanza l’operatore contattava la sala operativa della Questura chiedendo l’ausilio di una volante: si  provvedeva così a condurre le due presso la Caserma Bava.

Lì le due ragazze venivano sottoposte a controllo: questo dava esito positivo poiché S. M. aveva occultato sotto i suoi abiti un cacciavite della lunghezza complessiva di 30 cm; mentre S.G. nascondeva sotto i suoi abiti 1 cacciavite della lunghezza di 29 cm e 1 paio di guanti di cotone bianco (probabilmente per non lasciare impronte durante i furti da commettere negli appartamenti).

Da un controllo in banca dati si appurava, inoltre, che S.M. era destinataria del provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Savona emesso dal Questore di quella provincia, mai notificato. Gli agenti, così, provvedevano a notificargli il provvedimento savonese, ed in più il Questore di Vercelli emetteva un foglio di via dal comune di Vercelli.

Il tutto veniva messo sotto sequestro e le due ragazze venivano indagate. 

 

VercelliOggi. it è e sarà sempre gratuito. 
Per effettuare una donazione clicca: http://www. vercellioggi. it/donazioni. asp
Commenta la notizia su https://www. facebook. com/groups/vercellioggi  
Per leggere e commentare 
anche le principali notizie del Piemonte:https://www.facebook.com/VercelliOggiit-1085953941428506/?fref=ts

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it