VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
venerdì 22 ottobre 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it



29/10/2015 - Vercelli - Salute & Persona

VERCELLI, I LINGUAGGI DEL VIVENTE - Orizzonte inedito per l’undicesimo appuntamento sulle Neuroscienze - Quest’anno indagato il mondo della vita, della sua comunicazione, oltre le barriere delle specie

Nessun uomo è un’isola



VERCELLI, I LINGUAGGI DEL VIVENTE - Orizzonte inedito per l’undicesimo appuntamento sulle Neuroscienze - Quest’anno indagato il mondo della vita, della sua comunicazione, oltre le barriere delle specie

I Liguaggi del vivente – Neuroevoluzione e Comunicazione” è questo l’emblematico titolo dell’appuntamento 2015 con l’attualissimo tema delle neuroscienze che ormai da anni vede Vercelli protagonista a livello nazionale ed europeo con la partecipazione di relatori e scienziati di fama mondiale.

L’evento è stato presentato mercoledì 28 ottobre presso l’Ordine dei Medici di Vercelli. «Undicesimo appuntamento con le neuroscienze – ha osservato Pier Giorgio Fossale, presidente dell'Ordine - Quest'anno abbiamo scelto un tema affascinante, il vivente inteso come tutto ciò che è vita».

Cosimo La Cava della FIMMG (Sindacato Medici Mutualisti della Provincia di Vercelli) ha evidenziato l’evento come  «Uno dei momenti più qualificanti per la città, che riavvicina al sapere scientifico e alla cultura generale». 

«”Nessun uomo è un’isola”, dice il Poeta, ma, potremmo dire, nessuna creatura vivente che abita il nostro pianeta lo è.

Come la biologia evoluzionistica ci insegna, ogni specie animata interagisce con il suo ambiente, con i suoi simili e con il resto della fauna e della flora che informa di sé i vari habitat» ha detto Michele Di Francesco, docente di Filosofia della Mente e rettore della Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia introducendo l’evento.

La comunicazione, l’essere in rapporto, il veicolare informazioni spesso cruciali, con i mezzi più svariati, fisici, chimici, visivi, comportamentali, gestuali, sonori, verbali accomuna un vastissimo ventaglio di creature per molti versi estremamente diverse tra loro.

Ma quali sono le specificità della comunicazione degli esseri viventi? E che cosa invece è in comune?

Un primo tentativo di formulare qualche risposta su questo tema vastissimo e affascinante sarà proposto sabato 7 novembre a Vercelli, presso il Seminario Arcivescovile- Piazza Sant’Eusebio-10 , nell’ambito del convegno «I linguaggi del vivente. Neuroevoluzione  e Comunicazione», organizzato dall’ Ordine dei Medici di Vercelli, con il sostegno della FIMMG - Sindacato Medici Mutualisti della provincia di Vercelli  e della Fondazione Cassa di Risparmio Vercelli.

Secondo una formula che prosegue con successo da molti anni, il convegno, che sarà introdotto e presieduto dal dott. Pier Giorgio Fossale, presidente dell’Ordine dei Medici di Vercelli  e dal Prof. Michele Di Francesco, docente di Filosofia della Mente e Rettore della Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, vedrà la partecipazione di quattro autorevoli studiosi che affronteranno il tema della comunicazione da quattro prospettive complementari, integrando la visione biologica e neuroscientifica con l’attenzione alle implicazioni sociali e pubbliche delle crescenti conoscenze che si sono accumulate negli anni.

Pierdomenico Perata, Docente di Fisiologia vegetale e Rettore della Scuola Universitaria Superiore Sant’Anna di Pisa, parlerà della comunicazione piante/animali e pianta/pianta, mostrando come, contrariamente a ciò che si pensa, le piante sono organismi capaci di comunicare, sia visivamente che chimicamente, con altri viventi.

Giorgio Vallortigara, docente di Neuroscienze presso l’Università di Trento tratterà invece delle capacità cognitive delle specie non umane prive di linguaggio, interrogandosi su vantaggi e svantaggi del possesso del linguaggio verbale nella nostra specie.

Stefano Cappa, docente di Neuroscienze presso la Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, si occuperà del rapporto tra cervello e linguaggio, con attenzione speciale alla rappresentazione del significato delle parole e a quello che succede quando parliamo più di una lingua.

Claudia Bianchi, docente di Filosofia del Linguaggio presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, parlerà del linguaggio come strumento di gestione sociale e veicolo di ideologie, cercando di mostrare come le nostre pratiche linguistiche contribuiscano a creare, trasformare, rafforzare le realtà sociali, e in particolare le disuguaglianze sociali (sessismo, razzismo, omofobia).

Come si vede, approcci e temi diversi, ma convergenti nella ricerca di affinità e differenze tra i vari livelli del vivente, e accomunati dalla consapevolezza dell’importanza della diffusione della cultura scientifica per una piena comprensione di noi stessi e della natura profonda e talvolta sfuggente dei vincoli biologici e sociali che legano la comunità umana.

L’evento è in programma, ad ingresso libero,  sabato 7 novembre 2015 dalle 9 alle 13 presso il Salone Sant Eusebio Seminario Arcivescovile di Vercelli.

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.
Puoi aiutarci a crescere effettuando una libera donazione nelle modalità seguenti,  illustrate cliccando questo link: http://www.vercellioggi.it/donazioni.asp
Commenta la notizia su https://www.facebook.com/groups/vercellioggi

 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it