VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 30 novembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




21/09/2015 - Vercelli Città - Salute & Persona

VERCELLI - La riduzione dei posti letto imposto alla sanità vercellese è uno scippo inaccettabile e ingiustificato - Cgil Cisl e Uil contrari ai tagli decisi dall’Atto aziendale Asl

Così commentano la decisione di tagliare 80 posti letto nella sanità vercellese, le Organizzazioni Cgil, Cisl e Uil di categoria e la Rappresentanza Sindacale Unitaria, nonostante il numero attuale di posti letto sia già in linea con il piano di rientro regionale




VERCELLI - La riduzione dei posti letto imposto alla sanità vercellese è uno scippo inaccettabile e ingiustificato -  Cgil Cisl e Uil contrari ai tagli decisi dall’Atto aziendale Asl
Foto di repertorio

Mentre si conferma una ingiustificata riduzione di posti letto imposta dalla Regione Piemonte sulla sanità vercellese - 80 posti letto in meno anziché 16, come previsto dal piano di rientro regionale - non c’è alcuna certezza sui futuri servizi sanitari destinati alla cittadinanza.

Uno scippo inaccettabile e ingiustificato.

Così commentano la decisione di tagliare 80 posti letto nella sanità vercellese, le Organizzazioni Cgil, Cisl e Uil  di categoria e la Rappresentanza Sindacale Unitaria, nonostante  il numero attuale di posti letto sia già  in linea con il piano di rientro regionale.

Il 10 e il 16 settembre scorso, la Direzione Asl Vercelli ha presentato, alle Organizzazione di Categoria e alla Rsu, la bozza dell'Atto aziendale, con un elenco di Strutture Complesse e Semplici, funzioni ecc. senza definire alcuna specificità,  ovvero considerandole mere ‘scatole’ vuote da riempire.

Alle già preoccupanti disposizioni regionali, si sono aggiunti elementi locali molto discutibili.
Cgil, Cisl e Uil ritengono infatti che:

  1. l'Atto aziendale risulti a oggi privo di un documento tecnico esplicativo che entri nel merito del riordino, e in particolare nei rapporti interaziendali e con l'Università dell'A.U.O. di Novara.

    Le sinergie servono a migliorare la qualità dell’assistenza ai cittadini e a governare la spesa, e non possono essere un semplice “patto di non belligeranza” tra Aziende sanitarie e professionisti;

  2. non è chiaro il crono-programma operativo dell’Atto aziendale.

    O meglio, sono certi i tempi in cui si ridurranno le strutture e i posti letto, ma restano mere intenzioni i provvedimenti necessari a garantire i livelli di assistenza.

    La mobilità dei lavoratori e la loro futura assegnazione costituisce un problema preoccupante.

    Alla contrattazione aziendale spetta la definizione di regole condivise sulla mobilità degli operatori, sulle risorse da utilizzare per il sistema salariale incentivante e i contingenti minimi, ovvero il numero di operatori necessario a garantire servizi adeguati e sicuri;

  • i posti letto ospedalieri per malati acuti si ridurranno a 333 e anche la sanità privata subirà tagli.

    L’offerta di servizi deve essere rigidamente rapportata al bisogno di salute e alla conformazione del territorio.

    È condivisibile portare in Valsesia gli interventi di cataratta ma non possiamo permetterci di togliere la Cardiologia!

    Inoltre, il Vercellese non ha una rete 118 adeguatamente strutturata.

  • il futuro delle Strutture di Oncologia, Ematologia, Reumatologia, Cure intermedie di Vercelli e Cardiologia di Borgosesia sembra ormai destinato alla chiusura, o comunque allo svuotamento dei posti letto.

    La chiusura di Strutture Semplici importanti e l’istituzione di altre che appaiono ridondanti è una decisione della Direzione Aziendale e non della Regione Piemonte.
    I laboratori subiranno un riordino attraverso una Struttura trasfusionale ridimensionata.
    Di contro, non si danno risposte certe su
    come verranno trattati i pazienti che non potranno svanire o essere ‘riconvertiti’;

  • la bozza dell’Atto aziendale configura mere ‘scatole’ vuote che, oggi, più che riempirsi si svuotano… di posti letto.
    Ma se da un lato la Direzione aziendale afferma di dover sottostare ai dettami regionali, dall'altra si moltiplicano in modo incongruente quelle consulenze e quegli  incarichi a scavalco - per un'ammontare di circa
    70.000 Euro - tanto avversati dalla spending review regionale e nazionale;

  • non è data una risposta sanitaria al territorio, in termini di numero di letti di continuità assistenziale a valenza sanitaria.

    La Regione Piemonte non ha deliberato su Vercelli in questo senso, lasciando una lacune che l'attuale Atto aziendale non fa che confermare.

     Non sono le buone intenzioni che cureranno i vercellesi;

  • rimangono ancora aperte troppe questioni organizzative che impattano sui carichi di lavoro e sulle condizioni lavorative del personale dell’Asl di Vercelli con importanti conseguenze negative su assistenza e prestazioni alla cittadinanza.

    Per tutte le ragioni sopra esposte, Cgil, Cisl e Uil dicono NO all’ennesimo scippo dell’Asl Vc e convocheranno in tempi brevi assemblee territoriali.

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.

Puoi aiutarci a crescere effettuando una libera donazione nelle modalità seguenti,  illustrate cliccando questo link: http://www.vercellioggi.it/donazioni.asp

Commenta la notizia su https://www.facebook.com/groups/vercellioggi

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

vercelli

cgil cisl e uil

sanità

piano di rientro

regione

direttore asl


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it