VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
22 October 2019 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




12/08/2015 - Bassa Vercellese - La Posta

VERCELLI - Il ponte romano di Mantie sul fiume Sesia, tra Lomellina e Vercellese non si trovava nel Comune di Candia - Le precisazioni di Marco Reis al giornale "Provincia Pavese"

Il ponte, sicuramente noto alle genti del posto anche perché probabilmente nel medioevo è stato saccheggiato per ricavare grandi quantità di materiali da costruzione, è stato scoperto e segnalato ufficialmente 45 anni fa



VERCELLI - Il ponte romano di Mantie sul fiume Sesia, tra Lomellina e Vercellese non si trovava nel Comune di Candia - Le precisazioni di Marco Reis al giornale "Provincia Pavese"
Il ponte romano

Al direttore della Provincia Pavese

Gentile direttore,
leggo con piacere la pagina culturale che avete dedicato alla
“scoperta” del ponte romano di Mantie sul fiume Sesia, tra Lomellina e Vercellese, di cui ci siamo occupati la scorsa settimana come associazioni che fanno capo a ‘La Rete’ di Vercelli, effettuando un sopralluogo per produrre video e immagini piuttosto rare.
La rarità delle immagini non nasce, si sa, da una scoperta tout-court: il ponte, sicuramente noto alle genti del posto anche perché probabilmente nel medioevo è stato… saccheggiato per ricavare grandi quantità di materiali da costruzione, è stato scoperto e segnalato ufficialmente 45 anni fa da Sergio Gaviglio insieme ai figli Dario e Daniele, e immediatamente studiato da Vittorio Viale, Silvino Borla e Domenico Molzino.
Questo dico perché ogni tanto è giusto ricordare i meriti anche di chi, magari, ha fatto tanto per le nostre comunità ma non è famoso o non ha vinto un concorso ministeriale… o non ha scritto libri, dopo, dimenticandosi anch’egli di citare i meriti reali.
Ciò premesso, anche come vecchio collega devo chiederle cortesemente lo spazio per due piccole rettifiche.

1) Un’opera imponente e strategica
Innanzitutto segnalo che non si trattava di “passerelle” romane, come si virgoletta nel vostro articolo all’entusiasta sindaco di Candia, Stefano Tonetti.
Il signor sindaco fa benissimo ad essere lieto, e mi fa piacere dire che ne ha motivi anche eccezionali.
Era infatti un ponte monumentale.
Era un ponte coperto.
Aveva due corsie, tanto era importante il via-vai sia civile che, soprattutto, militare. Aveva una strada di accesso larga indicativamente una dozzina di metri.
Si poneva sull’asse viario strategico in arrivo da Piacenza.
Aveva ai lati – attuale sponda vercellese e sponda pavese – due importanti presidi militari.
Serviva Vercellae con una diramazione in direzione nord.
Al suo centro aveva una imponente statua equestre in bronzo dorato.
E la chiesetta di Mantie è stata edificata su un tempio votivo.
Insomma, come vede direttore le nostre storie si intrecciano con radici profonde, di cui certamente entrambe le nostre genti possono insieme andare orgogliose.

Oltre che, giustamente, porsi il problema di come valorizzarle anche ai fini turistici.
2) Non Candia, ma Langosco e Motta
A questo proposito, però, mi corre l’obbligo di una seconda precisazione.
Perché – visto che si tratta di romanità - si tratta anche in questo caso di… dare a Cesare quel che è di Cesare.
Non voglio alimentare battaglie di campanile, che non hanno nessunissima importanza, e tuttavia è giusto dire che, sì, di Lomellina si tratta, ma non del comune di Candia.
Mi spiace che il sindaco di Candia sia venuto al nostro sopralluogo, mentre eravamo in acqua, e non si sia rivolto ai nostri archeologi.
Purtroppo si è fermato poco, probabilmente con lo scopo di proporsi subito ai giornali, non so.
Ma è storicamente e… ‘giuridicamente’ corretto dire che i due Comuni interessati sono Motta dei Conti e Langosco. Non Candia.
Attenzione: la cosa buffa – ma significativa! - è che la vercellese Motta dei Conti ha un suo spicchio sulla vostra sponda: è la antica frazione di Mantie, appunto.
Al contrario Langosco ha un suo spicchio di territorio sul ‘nostro’ versante vercellese. Sembra un casino, ma il ponte parte dal versante geografico pavese però in territorio comunale vercellese (spicchio di Mantie-Motta dei Conti), e arriva sul versante geografico vercellese ma in territorio comunale pavese (spicchio di Langosco di qua dal fiume).
E questo merita un sorriso e, tra di noi, un abbraccio in più: sono le radici profonde che intrecciano la nostra storia comune, e che proprio tra Motta e Langosco sono unite in modo semplicemente indissolubile.
Con un saluto cordiale,
Marco Reis
Coordinatore della ‘Rete’
Ps: Se vuole vedere qualche video del nostro sopralluogo, con le immagini rarissime per via della siccità ormai passata, può cercare su YouTube con la stringa Ponte Romano 1, e poi, 2, 3 e 4 (https://www.youtube.com/watch?v=wqoNwttVxL0).
Molte foto sono sulla nostra pagina Facebook Salviamo l’Opificio e l’Anfiteatro romano di Vercelli’.
In ogni caso gliene allego alcune: proprio i dettagli che ben pochi hanno mai potuto vedere, e che ora sono tornati… invisibili per il livello delle acque tornato alla normalità.
Le unisco anche una foto di un frammento della statua equestre centrale.

Mentre uno zoccolo del cavallo dovrebbe essere conservato nel museo di Casale, questa è una scarpa del cavaliere, di collezione privata.
Gli archeologi mi assicurano che è un numero 45 abbondante.
Un bel piedone bimillenario, insomma !

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.

Puoi aiutarci a crescere effettuando una libera donazione nelle modalità seguenti,  illustrate cliccando questo link: http://www.vercellioggi.it/donazioni.asp

Commenta la notizia su https://www.facebook.com/groups/vercellioggi

TAGS:

Vercelli

Lomellina

Motta de' Conti

Langosco

Candia

ponte romano

Marco Reis

Provincia Pavese


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it