VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 1 marzo 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




26/09/2012 - Vercelli Città - Politica

VERCELLI - Il Consiglio Comunale dice sì all’unione Vercelli-Biella, e "ci teniamo il capoluogo" - Per gli stranieri nati in Italia "passa" la concessione della cittadinanza

Per le province, si è astenuto al voto Cressano e non ha votato la Lega Nord



VERCELLI - Il Consiglio Comunale dice sì all’unione Vercelli-Biella, e "ci teniamo il capoluogo" - Per gli stranieri nati in Italia "passa"  la concessione della cittadinanza
Il Consiglio Comunale

(s.tre.) – E’ stato l’ultimo punto analizzato all’ordine del giorno, anche se l’importanza della questione è da primo posto. Lo spinoso quesito sul riordino e la riduzione delle Province ha chiamato oggi i consiglieri comunali di Vercelli al voto. A seguito dei diversi incontri fatti tra il Sindaco Andrea Corsaro e i primi cittadini di Biella e Novara e dopo i meeting finora svolti dal Cal –che per ora non ha emesso alcun documento ufficiale- la soluzione migliore proposta dall’Amministratore vercellese è l’unione di Biella e Vercelli, con la città di Vercelli come capoluogo della stessa. Si sa che il nuovo ente che ne scaturirà sarà competente solo per i servizi legati all’ambiente, al trasporto pubblico, all’edilizia scolastica e alla viabilità. Il peso politico sarà inferiore: “L’unione con Biella rispetterebbe i parametri richiesti dalla riforma perché si avrebbero 365.330 abitanti e 3.006,3 kmq di superficie”. Così, mercoledì 26 settembre, il Consiglio Comunale si è espresso su questo argomento. Per una volta, è stato perfino bello vedere la condivisione dei pareri senza alcun colore politico. Francesco Zanotti, consigliere del Pdl, ha esposto un emendamento sulla deliberazione integrando la provincia come “Vercelli-Biella” (e non il contrario) considerando Vercelli come capoluogo. Il documento è stato ben accetto da (quasi) tutti. Quasi perché il Consigliere Michele Cressano si è astenuto, spiegando che “lavorando in Provincia, non sa cosa sia più opportuno” mentre il Consigliere Paola Ronco ha delegato l’Assessore Ercole Fossale per far sapere che la Lega Nord non partecipa al voto in quanto ritiene questa scelta “sminuente per la città”. In definitiva, però, “il salto nel buio” che i tempi stretti impongono hanno dato l’ok al matrimonio che come ha simpaticamente fatto notare il Consigliere Emanuele Pozzolo, “non sarà un matrimonio d’amore, ma è di interesse”.



Un altro punto importante discusso oggi ha preso in esame il numero degli stranieri presenti in città. Secondo l’Istat, al 1 gennaio 2011, gli stranieri residenti hanno raggiunto la cifra di 4.570.317 con un incremento del 7,9% rispetto all’anno precedente. Alla stessa data i minori stranieri nati o cresciuti  in Italia erano circa un milione, cioè quasi il 22% dei minori residenti nel nostro paese. Il Partito Democratico, nella persona del Segretario Maura Forte, ha preso a cuore le problematiche esistenti per i bambini nati qui che sono figli di cittadini stranieri. Pertanto, i consiglieri comunali del Partito Democratico hanno detto: “Per adeguare la normativa della cittadinanza è opportuno ampliare i requisiti di concessione della cittadinanza italiana basandoli sul principio dello Ius Soli in sostituzione di quello dello Ius Sanguinis al quale si ispira invece la normativa vigente. Rendendo cosi possibile l’ottenimento della cittadinanza italiana ai bambini  nati o cresciuti in Italia da genitori non italiani”.  A questo, il Consigliere Ernesto Gasparro ha proposto un emendamento volto a modificare la dicitura per i bambini “nati e cresciuti” in Italia. Qui la maggioranza ha espresso pareri diversi, sulla base della propria sensibilità. L’emendamento è stato comunque approvato e quindi l’ordine del giorno è passato con la rettifica. Per quanto riguarda le variazioni di bilancio, per il progetto dell’ex Ospedale Sant’Andrea –ossia di quello che ora è definito il “parcheggione” di Via Viotti, sono stati stanziati 1.175.565,10 euro di fondi europei. Il Fondo Svalutazione Crediti che era previsto di 350mila euro è stato integrato divenendo di 500mila euro. Saranno poi impiegati 350mila euro totali (185mila in più del previsto) per i lavori che riguardano la Sesietta del Rione Isola, così da evitare future esondazioni. Mentre, per la bonifica di un’area dell’inceneritore, sono stati messi a bilancio 127mila euro.


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it