VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




22/12/2011 - Vercelli - Economia

VERCELLI - Giovani Impresa Coldiretti: "Ha più diritto ai contributi chi è agricoltore attivo e non chi lavora i campi per hobby"

È stato firmato da tutte le Associazioni di categoria un documento condiviso per far giungere delle proposte in Comunità Europea che possano modificare alcuni punti della Pac






VERCELLI - Giovani Impresa Coldiretti: "Ha più diritto ai contributi chi è agricoltore attivo e non chi lavora i campi per hobby"
Dellarole, Franceschina e Pautasso

(s.tre.) -  Nella sede Coldiretti di Vercelli, in piazza Zumaglini 14, questa mattina sono emerse le posizioni di Giovani Impresa Coldiretti su tre temi importanti: il progetto di riforma della Pac; gli affitti dei terreni agricoli; le centrali a biomassa ed energie alternative. Presenti al meeting con la stampa locale: Stefano Franceschina, Delegato interprovinciale Giovani Impresa di Vercelli e Biella; Paolo Dellarole e Domenico Pautasso, Presidente e Direttore della Federazione interprovinciale Coldiretti di Vercelli e Biella.



È stato firmato da tutte le Associazioni di categoria un documento condiviso per far giungere delle proposte in Comunità Europea che possano modificare alcuni punti del piano. In primis, il concetto di agricoltore attivo: come segnala Franceschina: «l’agricoltore attivo è colui che incentra la propria attività totalmente sul lavoro agricolo e non chi ha un lavoro diverso e, per hobby, lavora anche i campi. Quindi ha più diritto di avere un contributo chi fa dell’agricoltura il suo mestiere principale».


È previsto un tributo del 2% ai giovani agricoltori e questo stanzia un budget di 77 milioni di euro annuali, ma c’è un inconveniente: non vale per chi si è insediato 5 anni prima di presentare la domanda Pac. Pertanto, il budget che veramente è utilizzato viene calato a metà, ossia all’un per cento. Inoltre, la Pac è basata sullo stile delle aziende estensive del Nord Europa. Le nostre aziende mediterranee puntano sul criterio intensivo, con un alto valore di reddito per superficie. Questo va in contrapposizione con la proposta Pac e penalizza le aree specializzate, come agricoltura e zootecnia. Inoltre, Giovani Impresa sente molto gravosa la problematica inerente gli affitti dei terreni: «Dal 2012 –spiega Pautasso- molti contratti sono in scadenza e si cercherà di puntare su un contratto di affitto  legato alla coltivazione. Il prezzo d’affitto potrebbe essere indicizzato, ovvero dipendente dalla materia prima che si vende considerando i costi di produzione e tenendo conto di quanto rende tale produzione». Questo sempre andando incontro alle esigenze del locatario, ma anche della proprietà fondiaria. Dellarole specifica poi che Coldiretti è a favore delle Centrale a Biomasse, ma devono essere solamente agricole e senza speculazioni. Quindi il reddito deve andare a valorizzare il prodotto dell’agricoltore e non impresari che usano tali sistemi per avere agevolazioni fiscali. In conclusione, Giovani Impresa sollecita a “fare gruppo”: «cooperando nelle proposte per il futuro –sottolinea Franceschina- si possono far diminuire i costi aziendali, comprando prodotti insieme e usando alcuni materiali, come i Consorzi Agrari. Possiamo diventare fornitori di Campagna Amica, in modo da valorizzare il nostro prodotto e avere maggior sbocco sul mercato».


Segue video in homepage


 


 

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it