VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
venerdì 16 aprile 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




28/01/2013 - Vercelli - Salute & Persona

VERCELLI - A scuola di cuore: per sensibilizzare i ragazzi a prevenire la morte cardiaca con le giuste manovre di rianimazione

Il progetto è ideato dai Rotary Club Vercelli Sant’Andrea e il Rotary Club Vercelli con la partecipazione del Rotary Club Crescentino e Viverone Laghi coordinati dall’Ufficio Scolastico Provinciale




VERCELLI - A scuola di cuore: per sensibilizzare i ragazzi a prevenire la morte cardiaca con le giuste manovre di rianimazione
Da sin. mazza, Dalleani e Musazzo

(s.tre.) - Si chiama “A scuola di cuore” il progetto promosso dai Rotary Club Vercelli Sant’Andrea e il Rotary Club Vercelli con la partecipazione del Rotary Club Crescentino e Viverone Laghi coordinati dall’Ufficio Scolastico Provinciale nella persona della Prof.ssa Laura Musazzo e del Dirigente Antonio Catania. L’iniziativa è rivolta al personale (20 docenti) e 200 studenti maggiorenni e nasce con l’obiettivo di divulgare in maniera capillare tra i giovani la conoscenza della “manovra di rianimazione cardiopolmonare” con l’abilitazione all’utilizzo dei defibrillatori, con l’insegnamento della manovra di rianimazione cardiopolmonare. A proporre l’iniziativa alla stampa con la Prof.ssa Musazzo, sono stati il Presidente Stefano Mazza del Rotary Club Vercelli Sant’Andrea e il Presidente Giorgio Dalleani del Rotary Club Vercelli. «Abbiamo voluto fortemente questo progetto» commenta il Presidente Dalleani «per formare gli studenti delle scuole di secondo grado affinché sappiano compiere quegli atti semplici per salvare una vita.» Come ha poi ricordato Mazza: «L’arresto cardiaco colpisce 60mila casi in Italia ed è rapido, inaspettato. Meno del 5% delle persone colpite da arresto cardiaco sopravvive, dato che l’intervento di primo soccorso non giunge in tempo. Ogni minuto che passa dall’inizio dell’arresto cardiaco riduce del 10% la possibilità di salvare chi ne è colpito». Insomma, si tratta di un progetto di grande responsabilità sociale che ha il pregio di coinvolgere gli studenti in prima persona, stimolandoli e responsabilizzandoli di fronte ad una possibile situazione di emergenza. Si tratta di un corso gratuito di “manovre di Primo Soccorso” con rilascio di un attestato di certificazione della durata complessiva di 5 ore. Sulla base di criteri stabiliti (come ad esempio il numero di alunni, la lontananza rispetto al centro ospedaliero ecc.) quattro istituti potranno avere i defibrillatori, capaci di registrare automaticamente la necessità di intervenire sulle aritmie cardiache maligne. L’iniziativa partirà il prossimo febbraio e sarà patrocinata dall’Asl Vercelli. I corsi si definiscono Bls-D (Basic Life Support – Defibrillatore semiautomatico esterno) a cura del Servizio Emergenza Sanitaria Territoriale 118 (con il Direttore Dott.ssa Egle Maria Valle e la Coordinatrice Susanna Mina).



 


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it