VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 28 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




22/09/2012 - Vercelli - Enti Locali

VERCELLI – Sono tanti i problemi emersi dalla riunione del Quadrante straordinario ferroviario di oggi, ma Trenitalia e gli enti competenti si dimostrano aperti al confronto

Ora però i pendolari, ed in generale i viaggiatori, si aspettano dei cambiamenti seri, che non comprendano come sempre solo il prezzo del biglietto






VERCELLI – Sono tanti i problemi emersi dalla riunione del Quadrante straordinario ferroviario di oggi, ma Trenitalia e gli enti competenti si dimostrano aperti al confronto
L’Aula Consiglio

(fe.bo) - E’ stata lunga, ma con toni pacati, la riunione del Quadrante straordinario ferroviario, tenutasi a partire dalle 10.30 di questa mattina, sabato 22 settembre, presso l’Aula Consiglio nel palazzo della Provincia di Vercelli, con lo scopo di analizzare e raccogliere le criticità sulle tratte Torino – Milano e Santhià – Arona. Sono stati invitati, ed erano presenti alla riunione, oltre agli Assessori ai Trasporti di Vercelli e Novara, anche rappresentanti di Trenitalia, Rete ferroviaria Italiana, del comitato pendolari Torino – Milano e Arona – Santià, funzionari e dirigenti di Atap, Baranzelli Natur srl e Comazzi. A presiedere ed organizzare la riunione è Barbara Bonino, Assessore regionale ai Trasporti, Infrastrutture, Mobilità e Logistica. “Questa riunione serve a comprendere le criticità delle tratte in oggetto per poter continuare il percorso di collaborazione con gli enti competenti al fine di eliminare i trasporti inutili ed ottimizzare i trasporti che risultano avere una buona risposta da parte dell’utenza”, questo il fine della riunione con le parole dell’Assessore Bonino. La parola passa in primo luogo ai rappresentanti dei pendolari delle tratte suddette, con in prima fila Stefano Damagino, per la Vercelli – Milano. Quest’ultimo fa notare come i problemi sottolineati dai pendolari, nonostante siano cambiate molte cose, da almeno 10 anni a questa parte restino sempre gli stessi, mai risolti: aria condizionata incontrollabile, toilettes chiuse, continui atti vandalici, coincidenze soppresse, problemi con il maltempo e prezzi decisamente troppo alti per il servizio offerto. “L’unico concreto miglioramento che ho notato negli ultimi anni è stato il blocco delle carrozze, da noi rimarcato da almeno una decina d’anni. Dall’altra parte ho visto quest’anno la soppressione di altri 2 treni in fasce orarie fondamentali, uno da Vercelli a Milano alle 6.15 del mattino e uno da Milano a Vercelli tra le 19 e le 19.30 - aggiunge Damagino – e come se non bastasse un aumento del prezzo del biglietto da gennaio del 40%. Siamo arrivati al punto di chiedere di tornare alla situazione di qualche anno fa”. L’Assessore Bonino a questo punto ricorda che la Regione ha potere finchè si parla di organizzazione del trasporto ferroviario, non in tema di tariffe, che compete a Trenitalia. Prende allora la parola Pascal Gregorio, della compagnia di bandiera, e spiega come molti problemi per quanto riguarda le tratte si stiano risolvendo attraverso un percorso di miglioramento che passa attraverso sperimentazioni in realtà piccole. Chiede anche che vengano sempre segnalati i problemi tecnico-meccanici agli accessori delle carrozze, come l’aria condizionata, cosicchè si possano avvertire i fornitori ed intervenire in tempo utile. Per quanto riguarda le tariffe, Gregorio spiega come la tariffa Vercelli – Milano sia stata ancora alzata per adeguare le tariffe di Piemonte e Lombardia, e cominciare a ripagare una sorta di sconto beneficiato in passato. La parola passa poi al Sindaco di Santhià Angelo Cappuccio, che interviene a causa della drastica soppressione della tratta Santhià – Arona. “Prima di agire in quel modo andava aperto un confronto per cercare di risolvere i problemi che Trenitalia ha riscontrato. Se c’è volontà di accordo e volontà di risoluzione dei problemi, allora sì che i problemi si risolvono. Ora è necessario che Trenitalia si prenda le sue responsabilità e ci dica chiaramente che ha altri progetti”. Alla protesta del Sindaco si uniscono anche i pendolari di quella tratta, i quali fanno notare che se l’utenza non è più sufficiente per la linea è a causa della soppressione di tutte le coincidenze negli anni, e che ora si dovrebbe trovare una soluzione sperimentale per la tratta soppressa. A questi risponde l’Assessore Bonino, sostenendo che il Santhià – Arona sia soltanto sospeso, e che a breve inizierà una rete di trasporto sperimentale misto su gomma e ferro per verificare se economicamente sostenibile per quanto riguarda l’utenza.



Risponde ad ogni domanda e richiesta Trenitalia, con puntualità ed ordine, come sempre. Ora però i pendolari, ed in generale i viaggiatori, si aspettano dei cambiamenti seri, che non comprendano come sempre solo il prezzo del biglietto.

L'Assessore regionale Barbara Bonino e l'Assessore provicniale Cristina Cossu
L'Assessore regionale Barbara Bonino e l'Assessore provicniale Cristina Cossu
Un dirigente Rfi con Pascal Gregorio, Trenitalia
Un dirigente Rfi con Pascal Gregorio, Trenitalia
Il Sindaco di Santhià Angelo Cappuccio
Il Sindaco di Santhià Angelo Cappuccio
I pendolari Santhià - Arona
I pendolari Santhià - Arona
Francesco Crosio
Francesco Crosio


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it