VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
mercoledì 28 ottobre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




15/06/2012 - Vercelli - Politica

VERCELLI – Consiglio comunale: approvato Ordine del giorno per il Garante Regionale delle Carceri

Completa sconfessione del capogruppo PDL in Consiglio Regionale, Luca Pedrale, esponente di spicco del centro-destra vercellese






VERCELLI – Consiglio comunale: approvato Ordine del giorno per il Garante Regionale delle Carceri
Consiglio comunale

La presentazione, il 7 febbraio 2005, della prima proposta di legge per l'istituzione del garante regionale delle carceri, da parte dei Consiglieri Regionali Palma e Mellano, avvenne in seguito alla necessità pressante di istituire una figura nuova, in grado di interagire con i vari soggetti (direttori carceri, agenti polizia penitenziaria, detenuti, educatori …), in grado di ridurre il danno derivante sia dal sovraffollamento, sia dal fatto incontestabile che il carcere svolge ormai le funzioni di discarica sociale, con tutte le violenze, frustrazioni, dolore che questo comporta.  



Da allora sono state ben 12 le regioni italiane (Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta) ad aver approvato leggi istitutive del garante; nove regioni hanno nominato poi effettivamente un garante delle carceri; esistono poi anche sette garanti provinciali e 18 garanti comunali, fra cui quello del Comune di Torino. 


In Piemonte, la proposta radicale fu ripresa dai consiglieri Rocchino, Muliere (Pd) e Mariangela Cotto(Forza Italia) e divenne legge regionale sul finire della passata legislatura (L. R. 28 del 2 dicembre 2009).


Oggi, a oltre due anni dall'approvazione della legge, né il Consiglio


Regionale precedente né quello attuale hanno provveduto alla nomina del garante, come imponevano loro rispettivamente gli artt. 7 e 2 della L. R. 28/2009.  


Un  Appello per la nomina del garante , a prima firma di Emma Bonino è stato sottoscritto fra gli altri da :


Luigi Manconi (Presidente di “A Buon Diritto”);


Vladimiro Zagrebelsky (Direttore LDF/Laboratorio Diritti Fondamentali);


Marco Bonfiglioli (Dirigente Provveditorato Amministrazione Penitenziaria);


Leopoldo Grosso (vice-presidente Gruppo Abele);


Donata Canta (segretaria generale Camera del Lavoro diTorino);


Valentino Castellani (già sindaco di Torino);


Maria Pia Brunato (garante dei diritti dei detenuti comune di Torino).


Il Consiglio comunale di Torino ha approvato una mozione che chiede alla Regione la nomina del Garante.


Analoghi ordini del giorno sono stati approvati a Torino, Cuneo, Fossano, Alba, Saluzzo, San Mauro Torinese, Asti, Casorzo.


Nella seduta di ieri, 13 giugno 2012, anche il Consiglio Comunale di Vercelli ha approvato un ordine del giorno (a prima firma Gabriele Bagnasco, PD) che richiede la nomina del garante regionale alle carceri da parte del Consiglio Regionale del Piemonte, come previsto dalla Legge regionale n. 29/2009, inattuata da due anni e mezzo. Hanno votato a favore 22 consiglieri; nessun voto contrario; 5 astenuti; 1 non partecipante al voto. Roswitha Flaibani, Coordinatrice Provinciale dei Radicali ha dichiarato: “Il dato politico eclatante è la completa sconfessione del capogruppo PDL in Consiglio Regionale, Luca Pedrale, esponente di spicco del centro-destra vercellese. Ricordiamo che Pedrale ha presentato un progetto di legge (n. 188/2011) per abolire completamente il garante regionale delle carceri, affidando le sue funzioni all'Osservatorio regionale sul fenomeno dell'usura (che c’azzecca l’Osservatorio usura con il Garante? Chiedetelo a Pedrale!). Vercelli è governata dal centro-destra e nel Consiglio Comunale, composto da 40 consiglieri, nonostante recenti scissioni, siedono comunque 18 eletti del PDL e 1 eletto della Lega Nord. I conti sono presto fatti: il Consiglio Comunale, senza distinzioni di partito e di posizioni, ha compreso l’importanza di assicurare uno strumento concreto di riduzione del danno nelle carceri piemontesi, qual è il garante; ricordiamo che solamente dieci giorni fa nel carcere di Vercelli si è suicidato un ragazzo di 25 anni, il ventunesimo suicidio nelle carceri italiane dall'inizio dell' anno. Un consiglio a Pedrale per evitare altre figuracce: ritiri il suo progetto di legge e si dia da fare perché il Consiglio Regionale nomini al più presto il garante regionale delle carceri”.

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it