VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
martedì 9 marzo 2021 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




18/01/2013 - Valsesia e Valsessera - Mondi Vitali

VARALLO - Arcigay “Rainbow” partecipa al tredicesimo “Giorno della Memoria" - Si ricordano tutte le vittime della consapevole barbarie nazifascista - Ben 100mila persone omosessuali sono state imprigionate tra il 1933 e il 1945

In occasione dell’anniversario dell’abbattimento dei cancelli del campo di sterminio di Auschwitz avvenuto il 27 gennaio 1945



VARALLO - Arcigay “Rainbow”  partecipa al tredicesimo “Giorno della Memoria" - Si ricordano tutte le vittime della consapevole barbarie nazifascista - Ben 100mila persone omosessuali sono state imprigionate tra il 1933 e il 1945
Arcigay Rainbow

Arcigay “Rainbow” Valsesia - Vercelli partecipa al tredicesimo “Giorno della Memoria delle vittime del nazifascismo” e in occasione dell'anniversario dell'abbattimento dei cancelli del campo di sterminio di Auschwitz avvenuto il 27 gennaio 1945.



Ricorda tutte le vittime della consapevole barbarie nazifascista, così come tutti coloro che le si opposero proteggendo e salvando a rischio della propria vita i perseguitati, dimostrando in questo modo che era ancora possibile non ignorare, non accettare, non collaborare a quell'infamia; ricorda in particolare le quasi 100.000 persone omosessuali imprigionate tra il 1933 e il 1945 in base al paragrafo 175 del Codice Penale tedesco del 1871 che perseguiva ogni “... atto sessuale innaturale commesso fra persone di sesso maschile ...”, paragrafo inasprito dal Nazismo nel giugno 1935 fino a sanzionare qualsiasi manifestazione di desiderio omosessuale; ricorda le 15.000 di loro poi internate come triangoli rosa, che nei campi di concentramento nazisti morirono, furono sottoposti a orribili esperimenti medici per ristabilirne la “virilità” o vennero fatti oggetto di ogni sorta di vessazione perfino dagli altri internati; ricorda che alla fine del conflitto mondiale tali perseguitati, considerati alla stregua di criminali comuni, passarono spesso direttamente ad una prigione “civile” e che anche in seguito la persecuzione penale dell' omosessualità nella Repubblica Federale Tedesca non cessò, che le condanne fino al 1968 si contavano ogni anno a migliaia e che il paragrafo 175, dopo essere stato “attenuato” nel 1969 e 1973, fu definitivamente abrogato solo dopo la riunificazione, nel 1994; ricorda infine che la stessa esistenza e il significato dell'esperienza dei perseguitati omosessuali venne rimossa per decenni dalle loro società d'appartenenza e le loro testimonianze vennero respinte e cancellate, continuando così su un altro piano l'opera di persecuzione e di annientamento nazifascista e generando una colpevole distorsione della memoria storica, dell'opinione pubblica e della vita civile, culturale e politica che solo di recente l' attività dei movimenti omosessuali e una storiografia più avvertita tenta di rimediare.


 


Il Direttivo di Arcigay “Rainbow” Valsesia - Vercelli

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it