VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 9 agosto 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




24/06/2020 - Vercelli Città - Società e Costume

TRIPPA PER I GATTI / 647 - Invece di Servizi igienici pubblici, cessi infrequentabili e latrine maleodoranti - Un altro angolo della città della Giunta del Niente e del Sindaco che è Presidente Anci - VIDEO E GALLERY (ma non si sentono gli odori)

I Lettori ci segnalano due siti: Parco Camana e Albergo Diurno di Piazza Cavour -




TRIPPA PER I GATTI / 647 - Invece di Servizi igienici pubblici, cessi infrequentabili e latrine maleodoranti - Un altro angolo della città della Giunta del Niente e del Sindaco che è Presidente Anci - VIDEO E GALLERY (ma non si sentono gli odori)


Servizi igienici pubblici, oppure cessi infrequentabili, latrine luride che sono lì a raccontare della città governata dalla Giunta del Niente di Andrea Corsaro?

Queste alcune immagini dei Servizi pubblici di Parco Camana e dell’Albergo Diurno di Piazza Cavour: sappiamo che il terzo “bagno pubblico”, quello attiguo alla baracchetta di Parco Kennedy, è stato dato in uso alla Coop. Zoe di Mascarino il Buono.

Che ha surclassato i concorrenti aggiudicandosi per 30 anni la posizione di prestigio nel parco, costruendo un nuovo e moderno chiosco.

Che oggi è chiuso e non si sa quando riaprirà.

Ma andiamo con ordine.

***

Questa dunque, la situazione nella città governata dal Sindaco che è anche Presidente dell’Anci (Associazione tra i Comuni) del Piemonte.

Chissà quanto avranno da imparare da lui i suoi Colleghi Primi Cittadini.

***

I Lettori ci segnalano due siti.

Il primo è quello di Parco Camana.

I servizi igienici pubblici, posti sul retro del baretto, sotto la terrazza.

Semplicemente luride latrine: non uno strappo di carta igienica, sciacquoni che non danno acqua, lavandini che non sono lavati da settimane, muri imbrattati.

Se una mamma, o un papà, dovessero mai avere bisogno di cambiare il pannolino ad un bebè, farebbero bene a tornare a casa.

Ma, è assai probabile, quei cessi non sono posto dove una Signora metterebbe piede, a prescindere dal motivo.

La multimedialità di VercelliOggi.it permette di raccontare fatti per immagini, fotografie, filmati, parole scritte.

Non possiamo fare sentire gli odori.

Meglio per tutti.

Difficile che l’Assessore diversamente utile al Decoro (e ridiamo) urbano, illustri su Facebook come si possa evacuare da Signori in Parco Camana.

***

A tutta prima, un po’ meglio il servizio del vecchio “Albergo Diurno” di Piazza Cavour, dove un tempo si poteva anche fare la doccia.

Adesso è meglio di no.

Però, andare a fare i propri bisogni, è possibile.

Dopo la segnalazione del Lettore, arriviamo nel primo pomeriggio di martedì 23 giugno e notiamo subito che le pulizie sono appena state eseguite e con cura, passando pure i deodoranti.

L’ambiente è cadente, soffitti senza controsoffittatura, plafoniere emigrate da tempo, asciugamani passati a miglior vita, interruttori elettrici che hanno gettato la spugna.

Però, entrando, non ti assale la sensazione di schifo.

E’ già qualcosa.

La recente pulizia, nel primo pomeriggio, può avere una logica.

Martedì mattina c’è mercato, quindi è verosimile un certo uso del servizio: bene pulire appena finito l’orario di vendita, per restituire il locale ad altri eventuali avventori.

***

Tutto bene, dunque?

Fino ad un certo punto.

Perché questo piccolo paradiso dei cessi pubblici vercellesi, funziona un po’ come la storia di Cenerentola.

A Mezzanotte il cocchio regale torna ad essere la zucca, i bianchi cavalli lipizzani alla stanga rientrano nei panni di servizievoli topolini e la scarpetta di cristallo resta spaiata: l’altra sarà la reliquia capace di suggerire al Principe che quella visione di una notte non è stata un sogno.

Ebbene, anche qui, mutatis mutandis, comanda l’orologio.

Perché alle 20 in punto, quel cesso, dignitoso nella sua modestia, utile nella sua offerta, umile, ma sincera, di sollievo a distensioni vescicali severe, così come a quelle esigenti peristalsi, alle quali anche l’ampolla rettale più capace deve, infine arrendersi, ebbene, quel cesso chiude.

Inesorabile, la transenna con lucchetto sbarra l’accesso alla scala e dice, sia pur allusivamente, di andare a cagare da un’altra parte.

Dove?

Il punto è questo.

Sappiamo che, di tanto in tanto, ci si adonta perché qualche giovane un po’ bevuto, a tarda notte, annaffia con mitto gagliardo i muri di signorili dimore del Centro Storico.

Qualche anno fa, addirittura, i Giornalisti furono convocati in Comune perché si volle mostrare loro una ragazza che, alle tre di notte, si accovacciava dietro una fioriera per liberare l’intestino.

Inesorabilmente ripresa dalla telecamera di sorveglianza e mostrata come emblema di inciviltà.

Tutto sacrosanto: non vi è minzione lecita, contro i muri e non ci si accovaccia dietro le fioriere.

Ma, allora, dove?

Perché se, dopo le 20, non c’è un servizio pubblico accessibile, come si può fare?

Qualche mese fa, il gruppo consiliare dei pecoroni della Lega al Comune di Vercelli presentò una Mozione per dire: ripartiamo dalle cose semplici, per riportare Vercelli all’onor del mondo.

Bando ai voli pindarici, incominciamo a rendere i cessi utilizzabili.

Miti, ma concrete, pretese.

Gliela fecero ritirare.

Il perché – come avrebbe detto Mimì – non so.

Il buon giorno si vede dal mattino.


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it