VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
lunedì 28 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




09/06/2020 - Vercelli Città - Enti Locali

TRIPPA PER I GATTI / 640 - Ad un anno dal Ballottaggio, la Giunta del Niente alle prese con se stessa - Dopo il volantino per il phishing elettorale, tutto come prima, forse peggio - Auguri...

Niente è cambiato, non parliamo di schiena diritta -






TRIPPA PER I GATTI / 640 - Ad un anno dal Ballottaggio, la Giunta del Niente alle prese con se stessa - Dopo il volantino per il phishing elettorale, tutto come prima, forse peggio - Auguri...

Ad un anno dalla elezione, per la terza volta, di Andrea Corsaro Sindaco di Vercelli (ballottaggio del 9 giugno 2019) ed al netto dell’emergenza Coronavirus, che – a modesto avviso di chi scrive – nulla ha tolto e nulla ha aggiunto, semmai ha sottolineato, si pone una domanda semplice e radicale, soprattutto tra coloro che l’hanno votato.

La domanda è la seguente.

Se, nel corso della campagna elettorale, ma soprattutto tra il 26 maggio (primo turno) ed il turno di ballottaggio, la propaganda del candidato avesse presentato agli Elettori la foto di destra, anzichè quella di sinistra, il risultato sarebbe stato lo stesso?

Tentiamo una risposta, senza rinunciare, come sempre, ad andare con ordine.

***

METTERCI LA FACCIA E POI TOGLIERLA

Il rilievo delle facce non ha – è persino ovvio – nessuna importanza per i profili estetici.

Ne ha e ne ha avuta una enorme, invece, dal punto di vista simbolico.

La foto di sinistra: il candidato Sindaco è affiancato da Alberto Cirio, candidato Presidente della Regione; con lui Alessandro Stecco (Lega) e Carlo Riva Vercellotti (Forza Italia).

Personalità, queste ultime, entrambe, a loro volta, candidate ad un Seggio a Palazzo Lascaris.

Il messaggio implicito (e poi anche esplicito) della propaganda era, in fondo, semplice: tra Vercelli e Torino, è necessaria una “filiera virtuosa” che renda capace la città e la provincia di dialogare da protagonista ed in modo trasparente con la Regione.

In tanti avvertivano l’urgenza di neutralizzare la pericolosa “cinghia di trasmissione” che, nei cinque anni precedenti, aveva invece visto i potentati del Pd di Torino, sostanzialmente imporre scelte feudali.

Fu una imposizione del Pd torinese e di Sergio Chiamparino la vendita della maggioranza di Atena a Iren.

Dagli sgabuzzi del Governatorato venne anche la richiesta (accolta) di nominare, come designato dal Comune, il Presidente della Società: che traghettò (dal 2014 al 2015) la cessione di quote.

Sempre da Torino l’idea di confezionare un Piano delle Periferie attorno alla nuova sede di Novacoop, in Area 24.

Ancora da Torino il landing vercellese della società di Logistica Aprc di Lione.

Torinese, ma concepita in Corso Svizzera (la Sede di Iren) la regìa del rifiuto.

Le due operazioni tenuto a lungo coperte dal più assoluto silenzio, segrete persino per i Consiglieri Comunali dell’allora maggioranza.

Il business dei rifiuti aveva  (ha) eletto Vercelli come discarica di 200 mila tonnellate l’anno di rifiuti organici.

Centomila sono quelle della “letamaia” proposta dalla Polioli dell’imprenditore bergamasco Giacomo Bombardieri (la sua attività principale è la grande industria chimica “Unionchimica”).

Altre 100 mila sono quelle del legno di scarto raccolto in tutta la Pianura Padana, da tritare in “trucioli” e poi ricompattare in pallets, nella fabbrica che Atena Asm vuole costruire vicino alla Motorizzazione Civile.

Di tutti questi processi diremo più diffusamente poco oltre.

La sottomissione di Vercelli, il vassallaggio del territorio ai potentati di Torino si compie anche con i ripetuti tentativi di smantellare la Sanità vercellese, che giungono persino a concepire l’eliminazione di Emodinamica.

***

Dunque, ci sarebbe stato bisogno di invertire la rotta?

Certamente.

La fotografia di sinistra illustra un progetto: nuove risorse umane che valorizzino Vercelli, invece di sottometterla alle mire torinesi.

Dal governo del Comune, alla Provincia, alla Regione, una filiera trasparente, efficiente, etica (si può leggere l’articolo di allora, in alto nella pagina).

Affidata a protagonisti nuovi.

***

Ma la fotografia è rivolta anche agli Elettori che, in quella stessa tornata del 26 maggio, sono chiamati a votare per il Sindaco della città.

***

La scelta del Centrodestra di candidare per la terza volta Andrea Corsaro era stata a lungo scongiurata da qualche settore di Forza Italia, da gran parte della Lega, meno influente la posizione di Fratelli d’Italia.

In tanti era forte la consapevolezza che, quella di Corsaro, rappresentasse l’unica candidatura in grado di far correre un rischio, di portare all’insuccesso la coalizione, altrimenti favorita dai pronostici.

Molti i motivi.

Dal punto di vista delle tecniche elettorali, il candidato era una vera e propria zavorra, un macigno.

Negativo – per molti – il ricordo dei suoi due mandati precedenti.

Tutte sue le tare con cui si è, ancora oggi, alle prese.

Doppi e tripli incarichi retribuiti dei Dirigenti: li aveva addirittura elevati a sistema, con una storica deliberazione di indirizzo.

Mausoleo dello Sport: un’operazione bizzarra, che si sarebbe rivelata foriera di un danno milionario per Palazzo Civico.

Di quel progetto ora resta un parcheggio e la spoliazione dell’area delle vestigia dell’antico Opificio romano, sottratte alla città e confiscate dalla Soprintendenza di Torino.

Non meno bizzarra l’idea di ristrutturare l’immobile Ex Enal di Piazza Cesare Battisti per farne una “Risoteca”.

Tutte cose che, chiunque non avesse errato per superficialità e supponenza, nel prevedere costi, benefici, sostenibilità, effettiva delle gestioni, avrebbe a priori scartato.

Semplicemente, politicamente nefasto il tandem costituito con l’allora Amministratore Delegato di Atena, di nomina Iren, il Geometra Gentile Eros Morandi, per la riaccensione ad ogni costo (il costo dell’operazione fu di 3 milioni di euro, tutto a carico dei vercellesi) del Forno di Incenerimento di Via Asigliano.

Imbarazzante la passione – che non è mai venuta meno – per l’amianto, ma solo se il fibrocemento si trova in Via Baratto, a coprire, allora come oggi, il Centro Nuoto.

Anche in questo caso, ci torneremo tra qualche riga.

***

Insomma, di motivi per non dover tentare l’esperimento di rimettere in pista cavalli di ritorno, per di più – a torto o a ragione, sono giudizi che, in quanto personali, non toccano a noi – da molti considerati ombrosi, ce ne sarebbero stati.

***

Sicchè, di nuovo, le facce sembrarono importanti, per i messaggi che veicolano.

In particolare, quelle di Alessandro Stecco e di Carlo Riva Vercellotti, avevano conquistato la credibilità dell’Elettorato, della gente.

Alcuni esempi.

Stecco, per cinque anni, aveva sostanzialmente acquisito la leadership (pur essendo solo e unico Consigliere Comunale della Lega) dell’Opposizione, mandando più volte in crisi la maggioranza.

Ma, soprattutto, presentando l’impegno futuro di una nuova Amministrazione, affidabile sui temi “caldi”.

Alcuni di questi temi: abbandono del Coperchio al Centro Nuoto, rapporto non più subalterno con Iren, recupero alla gestione comunale delle reti idriche e, non meno importante, un no secco alla “letamaia”.

Persino ovvia una nuova strategia in termini di management sanitario.

***

Carlo Riva Vercellotti era stato il Presidente della Provincia capace di “mettere al centro” il territorio, opponendosi, ad esempio, alla marginalizzazione del Vercellese nel Piano dei Trasporti e ponendo una barriera invalicabile, quando Bombardieri, con il suo Socio Ferlin, presentò per la prima volta il progetto “letamaia”.

***

Di non minore importanza la ragionevole previsione che, sia la maturata conoscenza di Stecco della macchina comunale, sia la lunga esperienza amministrativa di Riva Vercellotti, avrebbero portato a soluzione tanti problemi, solo apparentemente “minori”, a partire dalla cura del verde, alla raccolta dei rifiuti.

Insomma, ciò che la fotografia di sinistra suggerisce all’Elettore è che, se ed una volta eletto, Andrea Corsaro non sarebbe più stato “solo” o, peggio, in compagnia del suo antico specchio fatato, l’Assessore – amico Luigi Michelini, ma avrebbe avuto con sé due importanti collaboratori, due leaders politici, i quali, pure impegnati in Regione, certo non avrebbero fatto mancare il loro consiglio, almeno sui temi strategici.

A queste condizioni la candidatura di Andrea Corsaro parve una cosa possibile, anche per coloro che non ne erano entusiasti.

***

L’immagine di sinistra si è, però, ben presto rivelata come certi ingannevoli annunci che propongono acquisti on line.

Credi di avvalerti dell’ e-commerce per comprare uno smartphone, paghi in anticipo e a casa ti arriva il pacco con dentro una saponetta di Marsiglia.

***

OLTRE L’ESPEDIENTE ELETTORALE,

I PROBLEMI RESTANO TUTTI

 

1. La Squadra e le relazioni tra Giunta e Consiglieri.

Appena eletto, il Sindaco ha dato subito il buongiorno a tutti, procedendo senza un attimo di esitazione alla nomina quale “super” Assessore (le più importanti deleghe sono a lui, tranne quelle che tiene per sé il Primo Cittadino) proprio Gigi Michelini. 

Quasi a dire: heri dicebamus, dove eravamo rimasti?

E la Giunta – di fatto – finisce praticamente lì, perché gli altri ben di rado toccano la palla.

Se qualcuno avesse mai pensato possibile la nomina di Alessandro Stecco a Vice Sindaco o Assessore di qualcosa, è subito intervenuto il dominus provinciale, Paolo Tiramani, a piazzare in quell’incarico il proprio Luogotenente Massimo Simion, che di sicuro non disturba il manovratore, essendo per vocazione politicamente gregario: sin dai tempi in cui era sodale di Roberto Rosso.

***

Da subito appare chiaro che il Sindaco elegge a propri interlocutori, oltre a Michelini, i due Segretari Provinciali dei partiti di coalizione.

Loro decidono per tutti, sicchè, agli altri, compete l’esercizio di distensione delle braccia verso l’alto, alternativamente destro o sinistro, per votare quando è ora.

Insomma, fitness.

***

Ma queste sono questioni che, tutto sommato, rappresentano fatti loro.

Perché i cittadini – elettori, invece, sono interessati dai risultati.

Che, per ora, sono i seguenti.

***

2. Coperchio.

Si può dire che l’affiatato tandem di Gigi&Andrea sia, forse, rimasto vittima di un equivoco.

Gli elettori che avevano avuto fiducia in Alessandro Stecco, Carlo Riva Vercellotti, ma soprattutto avevano letto il programma elettorale del candidato Sindaco e ci avevano creduto, non avevano dato nessuna delega in bianco alla nuova Giunta.

Non avevano delegato nessuno a decidere “se” risolvere il contratto con le Imprese De Vivo (di Potenza) e Nuovo Civ (di Vercelli – Cappuccini) per la realizzazione di un’opera senza senso.

Avevano delegato i nuovi eletti a risolvere senz’altro quel contratto, foriero di gravi, future diseconomie, nel modo meno sconveniente per il Comune.

Ovvio, pagando la penale di Legge, attorno ai 350 mila euro.

Salvo poi rivalersi – eventualmente – su chi aveva avuto la spregiudicatezza di vincolare contrattualmente il Comune, firmando il giorno 24 maggio 2019, cioè due giorni prima del voto del 26 maggio.

Per il Lettore di VercelliOggi.it è persino superfluo richiamare i numerosi articoli degli anni scorsi, che dicono della fiera opposizione di Lega e Forza Italia, condivisa anche da settori dell’allora maggioranza; ci permettiamo di suggerire di digitare la sola parola “coperchio” nel nostro archivio.

Ci fu – a gennaio 2019 – un voto contrario della maggioranza assoluta dei Consiglieri Comunali.

Ma la Giunta di Maura Forte tirò dritto.

Candidamente, Gigi&Andrea, invece dicono: abbiamo valutato e non è possibile risolvere il contratto.

Perché?

E chi lo sa?!

Di sicuro, la decisione vedrà contento il Civ del Geom. Bertolone dei Cappuccini e forse (verosimilmente, poi non è che abbiamo la sfera di cristallo) Fratel Marco Ciocca, magna pars del Rito Scozzese Antico ed Accettato a Vercelli, nonché in “coworking”, con il Civ (il Consorzio ha la sede Legale in Via degli Oldoni, presso lo Studio di Commercialisti).

***

Alcuni lo ricordano anche quale ex Assessore al Bilancio del Comune.

***

Il colpo di grazia ad un’iniziativa già di per sé insensata, è poi la “miglioria” studiata per tentare di dire che qualcosa fosse cambiato.

Perché ora – come se non bastasse il Coperchio a compromettere qualsiasi futuro sviluppo della restante parte della Struttura – si sono studiati di fare, a corredo dell’opera, un ristorantino affacciato su Via Baratto.

Addirittura pensando che la “sostenibilità” economica dell’insieme (piscine più ristorantino) sia assicurata proprio da quest’ultimo.

Insomma, la piscina perde, mentre il ristorante guadagna.

Se si vuole, si può chiedere a chiunque gestisca piscine quanto persuasiva possa essere l’idea.

Ne riparleremo presto, anche per tentare do prefigurare alcune (facili) previsioni di come potrà andare la indicenda gara per la concessione di 15 anni della struttura.

L’amianto, comunque, resta sempre dove si trova, forse reputando che possa essere motivo di appeal, tanto balneare, quanto gastronomico.

***

3. Regìa dei rifiuti.

Come abbiamo visto in premessa, ci sarebbero stati tutti i motivi per pensare che – una volta eletti – i rappresentanti del Socio di minoranza Comune di Vercelli andassero subito da Iren a dire qualcosa del genere: la pacchia è finita, Signori cari.

Da domani, strade pulite, cassonetti aumentati nel numero e raccolta come in Svizzera.

Poi, sia chiaro che la letamaia dei vostri amici Bombardieri e Ferlin non la vogliamo.

E i trucioli, i pallets?

L’ex Sindaco Maura Forte, per sua stessa ammissione, aveva dichiarato di avere “negoziato” lungo un anno questa idea, con Iren.

E, allora, ci sarebbe stato da immaginare che i nuovi Amministratori, proprio per dimostrare di voler trattare con “la schiena diritta” con i padroni torinesi, avrebbero posto un alt bello chiaro.

Vercelli produce al massimo (la provincia intera) 2.500 tonnellate l’anno di rifiuto legnoso, non abbiamo assolutamente bisogno che qualcuno ce ne porti qui, utilizzando 7 mila passaggi di camion, altre 100 mila, di tonnellate, tra l’altro trattate con formaldeide, notoriamente oncogena.

Invece che accade?

3.1.  – Letamaia.

Accade che, sorprendentemente, il nuovo Presidente della Provincia, Eraldo Botta, al contrario di quanto fatto fino a poco prima dal predecessore Carlo Riva Vercellotti, faccia il pesce in barile.

Dice qualcosa del genere: ma io – che volete – mica sono un Tecnico; decidano i Tecnici.

Mica posso dire la mia: magari – se mi dicessi contrario - a qualche bello spirito potrebbe venire in mente di contestarmi addirittura ipotesi di reato, come ad esempio l’abuso d’ufficio.

E finchè lo dice al suo gatto può andare, quando lo dice a quelli che sanno – un po’ – leggere e scrivere, quelli si accorgono subito che qualcosa non gira giusto.

Anche perché non si sarebbe mai visto Carlo Riva Vercellotti rendersi leciti comportamenti men che lineari, da tutti i punti di vista.

Poi, a qualcuno torna in mente una singolare circostanza.

Si ricorda, ad esempio, che il Bombardieri abbia una conoscenza con il Senatore della Lega Maria Cristina Cantù.

E magari, si può pensare che il Senatore abbia presentato ad un Deputato della Lega di Vercelli proprio il Bombardieri (il Bomba, per gli amici).

E così, forse, anche altri Parlamentari lombardi.

Allora – presi tra due fuochi – gli Elettori vercellesi della Lega, da una parte e, dall’altra parte, la Cantù con altri Parlamentari padani, come potrebbero sentirsi i leghisti valsesiani?

Tra due fuochi anche il Sindaco: i leghisti vercellesi ancora contrari alla letamaia, quelli valsesiani forse. O forse no.

***

4. Acqua pubblica.

Qui, si direbbe, andiamo sul sicuro.

C’è addirittura una deliberazione del Consiglio Comunale che dice chiaro: l’acquedotto deve tornare al Comune.

L’acqua non può essere di Iren, né di nessun altro privato: tra l’altro (ma sappiamo bene che non gliene frega niente quasi a nessuno) lo dice anche un referendum nazionale.

L’acqua pubblica, bene comune.

Hanno votato così, a suo tempo (si veda il link in alto nella pagina) Alessandro Stecco e Forza Italia.

Gli amici di Vercelli e dei vercellesi – si disse – vincono sugli amici di Iren 16 a 10.

In più, se si deve trattare con la schiena diritta, ecco servito un argomento fortissimo.

Bene.

Bene un bel tubo di niente.

Perché, fin dal mese di luglio 2019, appena ritornati, (il buon giorno si vede sempre dal mattino) si capisce che le pietre sono dure.

Il gruppo di Voltiamo Pagina fa una bella interrogazione per chiedere: a che punto stiamo con l’acqua pubblica?

La risposta del Sindaco è sconcertante: sì, “in astratto”, l’acqua dev’essere pubblica, ma poi bisogna vedere.

Ancor più esplicito, qualche settimana fa, l’Assessore Michelini, sempre in Consiglio Comunale: sapete – riassumiamo – l’unico modo per rientrare in possesso dell’acquedotto è acquistare il relativo ramo di azienda da Atena Asm.

Quale sagacia!

Una rivelazione.

Ma cosa avranno mai pensato i burloni che votarono, nel Consiglio Comunale del settembre 2017, la delibera sull’acqua pubblica?

Che l’acquedotto tornasse come Lassie?

Come il figliol prodigo?

Tornasse a Sorrento?

Che bastasse dire: Torna!, come nel film di Matarazzo?

O dire: Torna! come alla Piccola Sheba?

***

E in che altro modo si potrebbe fare, se non riacquistando il ramo d’azienda?!

Forse con un leasing?

Un comodato?

Un invito a cena?

Un forte abbraccio?

Inginocchiandosi?

Baciando la mano?

***

Insomma, l’illuminata intuizione, distillata come se fosse un apoftagma dispensato a discepoli un po’ zucconi, ha lasciato di stucco persino chi scrive che, all’udire certe trovate non è nuovo.

Invece, dai banchi della Lega, niente, nemmeno i soliti belati.

Situazione, assai sintomatica.

Perché, è vero: tornare in possesso delle reti idriche rappresenta un’operazione complessa, non facile; un percorso amministrativamente impegnativo.

Non è tanto un problema economico.

Ma è una cosa seria faticosa.

E’ seria e faticosa se si ha voglia di farla.

Immaginiamoci se non si ha voglia di farla.

Ma – di nuovo – gli Elettori non hanno dato una delega in bianco, hanno assegnato un compito.

***

5. Decoro urbano, verde, rifiuti.

 

Qui siamo alle cose patetiche.

La città non è mai stata – e non era facile – così tenuta male.

Persino il Camposanto è all’abbandono.

Le erbacce sono rigogliose.

Patetiche le scuse inventate per tentare giustificazioni.

Sapete – sembrano dire – un po’ piove, un po’ fa caldo, sicchè l’erba cresce.

Poi – e questa è la più grossa – c’è stato il lockdown e le Imprese di giardinaggio non hanno lavorato.

Anche questa è buona per il gatto di Eraldo Botta.

Ma come avranno fatto, ad esempio, a Trino, Gattinara, Varallo Sesia, Borgosesia, Crescentino?

Lì non c’è un filo d’erba fuori posto.

Invece delle Imprese avranno mandato i pecoroni (non quelli del gruppo padano) a brucare?

***

Quanto ai rifiuti, al fuori cassonetto, forse hanno frainteso: trattare con Atena Asm ed Iren, non con la schiena diritta, ma china ad acutangolo, in guisa di chi volesse avvicinare le labbra agli altrui alluci.

***

6. Altre faccenduole.

A parte i problemi noti, non ne mancano altri che non sono bagatelle e sulle quali non si ha notizia di qualsiasi tentativo di elaborazione.

Ad esempio: si vorrà, in qualche momento, pensare alla raccolta differenziata puntuale?

Si vorrà, tra un post e l’altro di Facebook, pensare al nuovo Piano regolatore?

Anche perché – è andata come è andata – ma i 308 mila metri quadri dell’area Pip vicino ad Amazon tra un po’ finiscono.

Quale sarà la futura offerta industriale e residenziale della città, quali le direttrici di sviluppo?

***

7. A Cesare quel che è di Cesare.

Non bisogna mancare di riconoscere, in questo quadro non esaltante, che il Sindaco ha avuto la fermezza di porre la parola fine alla incresciosa vicenda Aprc.

Restituendo, altresì, dignità alla città.

***

Non sono, poi, dimenticati i tempi in cui patetici nanerottoli con il culo sporco, bazzicavano in Sala Baiardi, ricevuti come fossero capitani d’industria.

***

QUANTO DURERA’? E COME?

Cosa succederà nei prossimi mesi ed anni?

E’ un interrogativo che sta interpellando molti.

Per la prima volta, in queste settimane, l’abbiamo udito riecheggiare in vari ambienti.

La fotografia di sinistra è da mettere in archivio come i santini elettorali che furono?

Il Centrodestra è consapevole che, così continuando, è pressochè certo il suicidio elettorale?

E’ persino possibile qualche scricchiolio nel percorso?

E’ davvero rassegnato al niente?

Soprattutto: c’è qualcuno disposto a credere che il niente sia la risposta possibile alle attese della gente?

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it