VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
domenica 27 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




01/06/2020 - Vercelli Città - Enti Locali

TRIPPA PER I GATTI / 636 - A quando la riapertura del Palapregnolato? - E chi lo sa?! - La Giunta del niente non ci ha ancora pensato - Diverse le ipotesi sul tappeto, ma intanto si può stare tranquilli: è tutto chiuso - Voltiamo Pagina interroga

Corpo 8 forse sta riflettendo - Meglio non disturbare il manovratore -






TRIPPA PER I GATTI / 636 - A quando la riapertura del Palapregnolato? - E chi lo sa?! - La Giunta del niente non ci ha ancora pensato - Diverse le ipotesi sul tappeto, ma intanto si può stare tranquilli: è tutto chiuso - Voltiamo Pagina interroga
Nostro Repertorio

Che il contratto di gestione del Palazzetto dell’Isola, il “Palapregnolato”, sarebbe scaduto il 30 aprile 2020, è una cosa nota almeno dal 1 maggio 2014.

Eppure la Giunta del Sindaco Andrea Corsaro è riuscita ad arrivare impreparata alla scadenza, pur essendo (così risulta stando al risultato delle Elezioni) in carica dal 9 giugno 2019 o poco dopo, circa dieci mesi prima.

Sono cose che possono succedere.

E’ vero che dall’8 marzo c’è l’emergenza Covid, ma – appunto – con un contratto che scade il 30 aprile, ai primi di marzo la gara avrebbe dovuto essere in dirittura d’arrivo.

Altrimenti si corre il rischio di trovarsi, come nella canzone di Checco Zalone, un po’ – come dire – tra color che son sospesi, in attesa dell’immunità di gregge.

Ma andiamo con ordine.

E’ necessario, anche perché, al momento, è tutto fermo e il Palazzetto è chiuso.

***

Sappiamo che questo genere di impianti sportivi – a differenza, ad esempio, dei campi di calcio comunali – sono considerati (dall’Ordinamento comunale) aventi un “contenuto economico”, cioè si pensa che, dalla loro gestione, possa derivarne un profitto per il Gestore.

Sicchè la procedura di affidamento deve avvenire mediante gara ad evidenza pubblica, secondo la previsione (da ultimo) del Nuovo Codice degli Appalti.

Anche per i campetti di calcio si procede ad una selezione pubblica, ma con procedura semplificata: proprio perché è già chiaro a priori che non ci sia fine di lucro nella loro conduzione.

***

Si tratta, però, di una procedura ampiamente ordinaria, sicchè mettere in piedi una gara non è cosa sulla quale perdere notti insonni di tormentate riflessioni.

Notti e giorni che – appunto - passano tranquillamente fino al 30 aprile, quando il contratto scade e lo Skating Vercelli, la società sportiva che con onore e grande pazienza ha condotto l’impianto per 13 anni, saluta la compagnia e dice: Signori, arrivederci.

Il contratto è scaduto e loro salutano, è ovvio.

Si vede che nessuno, da Palazzo Civico, ha almeno pensato – e per tempo – a mettere in piedi una soluzione idonea a consentire una gestione provvisoria.

In limine mortis, offrono allo Skating una somma da very little short arm per dire: guardate, noi vi diamo un tot e voi andate avanti in proroga fino al 31 dicembre 2020.

Il tot (poche migliaia di euro – tra il10 ed i 20 mila - dicono i bene informati) non viene giudicato appetibile, sia perché c’è comunque ancora gente che, prima di accettare elemosine, sta a casa propria e manda tranquillamente a quel Paese (cioè, declina con cortese fermezza le volgari proposte) certi presuntuosi.

Sia perché, nel frattempo, sono subentrate due variabili.

La prima: la struttura ha bisogno di una ristrutturazione che la rimetta in condizione di contenere – rispettando le norme – i 1.200 spettatori di un tempo.

Oggi non è più a norma e la capienza è stata ridotta a 600 posti.

Poi ci sono tanti lavori e lavoretti da fare ed anche questo rappresenta costi: chi li deve sostenere?

La seconda: riaprire ora (anche provvisoriamente) con i limiti di sicurezza imposti dalle misure di prevenzione anti Covid19, rappresenta un’ulteriore incognita.

Da tutti i punti di vista: economico, delle responsabilità civili e penali e chi più ne ha più ne metta, a cominciare dalle grane, comunque gratuite.

***

Dunque, che accadrà?

Le strade sono, al momento, due.

La prima: il Comune sceglie la strada di gestirsi in proprio il Palazzetto.

Significa che la responsabilità della gestione è tutta di quelli che non hanno pensato fino ad ora come fare per la messa a norma.

Il Comune, poi, può dare l’incarico delle pulizie alla Ditta x; l’incarico della conduzione delle caldaie a quella y; un incarico generico di sorveglianza a quella z.

Poi, è ovvio, assegna alle varie Società sportive gli spazi per gli allenamenti e le partite.

Ma queste Società non sono altro che Utenti.

Sicchè: Amatori, Engas, Pro Vercelli Femminile e, evidentemente anche Skating, si vedono assegnati, ad inizio Stagione, i rispettivi spazi, li usano, fanno la propria attività sportiva, agonistica, didattica, artistica, come meglio credono, poi, quando hanno finito di usare la struttura, se ne vanno tranquilli e beati, senza portarsi a casa le preoccupazione che se qualcuno si fa male vanno in Tribunale.

Ovviamente, per l’uso degli spazi, pagherebbero delle tariffe al Comune, come sarebbe appena giusto.

***

Questa, in fondo, è la soluzione più semplice.

Il Comune ha la voglia di sobbarcarsi l’attività di Gestore delle proprie cose?

Sarebbe una novità, ma una novità positiva.

***

La seconda strada.

Entro tempi da definirsi, invece, il Comune stabilisce di bandire una nuova gara per la gestione.

A questo punto, quali potrebbero essere i partecipanti?

Diverse le ipotesi sul tappeto circa la possibile platea dei concorrenti (al momento sembra che nessuno abbia preso decisioni).

Ipotesi numero uno: partecipa di nuovo lo Skating e poi, in caso di aggiudicazione, per un tot di anni vanno avanti le pere, perché le tre Società di rotellistica litigano per gli spazi e bisogna accontentare tutti.

E, in più, ogni volta che c’è una gara, bisogna anche tirargli a lucido l’impianto, se no si lamentano ancora se c’è una doccia che perde o gli Arbitri trovano una carta per terra.

Ipotesi numero due: partecipano tutti; Engas, Amatori, Pro Vercelli Femminile e Skating (è ovvio che potrebbe partecipare anche chiunque da fuori: chiunque, soprattutto la Federazione Hockey, tanto per non fare nomi).

A quel punto, chi vince vince e, se vuole, dà lo spazio agli altri ed alle proprie condizioni: nessuno si potrebbe lamentare, perché anche questa è “agonistica”.

E’ una gara.

Ipotesi numero tre: alcune tra le quattro Società potenzialmente interessate, trovano un accordo su un progetto comune di gestione e costituiscono quella che, in termini tecnici, si chiama “Ati” – Associazione temporanea tra Imprese.

Cioè dicono: partecipiamo uniti, poi gestiamo il Palazzetto secondo le idee che abbiamo noi, anche in termini di qualità del servizio, di come debba essere la rotellistica in questa realtà, trovando una reciproca compatibilità economica.

***

Come finirà?

Chi vivrà, vedrà.

Per adesso, comunque, si può stare tranquilli: è tutto fermo.

***

Ma, proprio perché è tutto fermo, i Consiglieri Comunali del Gruppo “Voltiamo Pagina” interrogano il Sindaco Andrea Corsaro (che forse – così sollecitato – potrebbe ricordarsi di avere, a suo tempo, nominato un Assessore allo Sport).

Ecco l’interrogazione.

***

Alla cortese attenzione del

Sindaco di Vercelli

Avv. Andrea Corsaro

e p.c.  

Al Segretario Generale del Comune di Vercelli

Dott. Fausto Pavia

 

OGGETTO: interrogazione scritta con risposta urgente

 

PREMESSO che, relativamente all’impiantistica sportiva, il Comune affida in gestione a società sportive cittadine n. 27 impianti sportivi, tra cui il palazzetto Pregnolato di via Restano.

EVIDENZIATO che, nel Documento Unico di programmazione 2020/2022 appena approvato in Consiglio Comunale viene riportato: la Città di Vercelli ha un grande patrimonio sportivo e si auspica che questa grande risorsa cresca sempre di più. La scherma e il trofeo Bertinetti, il Trofeo internazionale di tennis “Città di Vercelli”, la manifestazione ciclistica “Vercelli che pedala”, il tiro a volo e l'atletica, la ginnastica e lo skating, l'hockey e la pallavolo, il baseball, il basket, le arti marziali e le altre discipline saranno tutte supportate con attenzione dal Comune;

CONSIDERATO che, almeno, due delle suddette discipline si svolgono al Pala Pregnolato (ex Pala Isola) che ricopre dunque un ruolo chiave per lo sport cittadino;

RILEVATO che, sempre nel suddetto Documento Unico di programmazione è indicato che: l'Amministrazione procederà ad attivare procedure ad evidenza pubblica distinguendo tra impianti con rilevanza economica ed impianti privi di rilevanza economica;

PRESO ATTO che, l'affidamento del Palahockey alla società Skating Vercelli, che ha gestito la struttura negli ultimi 13 anni, è scaduto in data 30 Aprile 2020, lasciando la struttura senza gestore;

VALUTATO che, l'inizio della stagione sportiva di hockey 2020/2021 è ormai alle porte e che le migliorie da apportare all'impianto per l'adeguamento alle norme per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 richiederanno tempo e investimenti economici;

CONSIDERATO ulteriormente che, la predisposizione di una procedura ad evidenza pubblica ed il suo espletamento, richiedono tempistiche piuttosto lunghe;

tutto ciò premesso, i sottoscritti Consiglieri Comunali interrogano

la S.V. per sapere:

-     quale sia l'intenzione dell'Amministrazione relativamente al palazzetto Pregnolato di via Restano.

Vercelli, 31/05/2020

Paolo Campominosi

Roberto Scheda

Andrea Conte

NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

Vercelli

Varallo Sesia

Borgosesia

Gattinara

Valsesia

Trino

Crescentino

Santhià

Provincia di Vercelli

Guido Gabotto


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it