VercelliOggi.it
Il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli
Meteo.it
Borsa Italiana
giovedì 24 settembre 2020 | Vai alla Prima Pagina
Il Santo del giorno
Cerco/Offro lavoro
PiemonteOggi.it
CasaleOggi.it
BiellaOggi.it
CuneoOggi.it




17/04/2020 - Vercelli Città - Enti Locali

TRIPPA PER I GATTI / 618 bis - "Alla Pentola del Coperchio" - Il ristorantino della piscina ha già un nome, ma non un computo metrico - Ma il Piano finanziario è chiaro: costerà tot - Perchè? - Forse perchè due non fa tre

Chi lo dice che il baretto – ristorantino – pizzeria che affiancherà il Coperchio al Centro Nuoto dovrà costare 390 mila euro? Cerca di qui, cerca di là, per ora sembra che lo dica solo la Rag. Anna Salviato.






TRIPPA PER I GATTI / 618 bis - "Alla Pentola del Coperchio" - Il ristorantino della piscina ha già un nome, ma non un computo metrico - Ma il Piano finanziario è chiaro: costerà tot - Perchè? - Forse perchè due non fa tre


Chi lo dice che il baretto – ristorantino – pizzeria che affiancherà il Coperchio al Centro Nuoto dovrà costare 390 mila euro?

Cerca di qui, cerca di là, per ora sembra che lo dica solo la Rag. Anna Salviato.

Ma andiamo con ordine.

***

1. DA LUNEDI’ A VENERDI’, IL PEF IN 5 GIORNI

Questo si chiama lavorare di buzzo buono.

Un gioco di squadra.

Un esempio di Amministrazione efficiente.

Efficace, che lavora con economicità.

Ma andiamo con ordine.

Dunque, in data 6 aprile, lunedì, il Dirigente Pino Scaramozzino, forse si è dovuto guardare attorno…

Pensa a questo, pensa a quello…

Ma poi – no, non si vede nessuno – deve amaramente concludere scrivendo:

non essendoci figure professionali idonee all’interno dell’Ente occorre affidare il servizio a professionalità esterne allo stesso affinché possa fornire idonea assistenza al Responsabile Unico del Procedimento sia nella fase della stesura dei piani in oggetto che eventualmente nel prosieguo della gara”.

***

Di quale figura c’è bisogno? Di che servizio si parla? Di chi ha necessità Palazzo Civico per indurre Pino Scaramozzino a questi pensieri?

Andiamo – si è detto - con ordine.

Abbiamo visto ieri che la Giunta del Sindaco Andrea Corsaro ha approvato il Piano Economico Finanziario per la gestione della piscina Centro Nuoto, come coperta dall’ormai celebre Coperchio voluto dalla precedente Amministrazione e confermato dalla presente.

Si può leggere l’articolo collegato in alto nella pagina, che 

all’interno ha i link per vedere entrambi gli elaborati tecnici completi, in pdf.


Piano economico della piscina e piano economico del costruendo bar ristorante.

***

Ebbene, chi lo fa, chi lo prepara, chi lo pensa, questo piano economico?

Ci vuole uno che ne capisca: di conti, di piscine, di bar ristoranti e, in particolare, di bar e ristoranti aperti insieme alle piscine.

Insomma, professionalità che non si trovano dietro l’angolo.

E, infatti, se leggiamo come si determina Pino Scaramozzino

(l’Atto integrale cliccando qui)

è sincero:

non essendoci figure professionali idonee all’interno dell’Ente occorre affidare il servizio a professionalità esterne allo stesso affinché possa fornire idonea assistenza al Responsabile Unico del Procedimento”.

***

Penuria di risorse idonee.

Almeno a leggere gli Atti, è una cosa abbastanza ricorrente che, ogni tanto, a qualcuno scappi di riconoscere che all’interno del Comune non ce n’è uno che ne sappia un’acca di ogni aspetto che riguardi le piscine.

Poi, in altri momenti, sembra sappiano solo loro.

Si vede che va a periodi: quando si tratta di dare la consulenza, non sanno un’acca.

Quando si tratta di prendere cantonate, sembra che sappiano solo loro.

Ma torniamo all’oggi.

***

Quando è già bella e pronta la disponibilità di uno Studio vercellese; così dice Pino, verosimilmente sollevato e tutto contento:

Preso atto del preventivo di spesa fornito dallo Studio Tributario e Commerciale Dott. O. Bosso – Rag. A. Bosso – Rag. A. Salviato con sede in Vercelli via F.lli Ponti, 5 – Cod. Fisc. e P.Iva 01809120023 – per la fornitura del servizio di cui all’oggetto, preventivo agli atti d’Ufficio per complessivi € 1.903,20 di cui: € 60,00 quale contributo previdenziale integrativo obbligatorio del 4% ed € 343,20 quale Iva 22%”.

***

Dire che sia a bun pat – bisogna riconoscere - è forse ancora poco.

E uno si immagina: ma sai quanto lavoro…

Lavoro di ricerca.

Lavoro nella simulazione dei vari scenari e modelli di gestione.

La futura gestione punterà più sul fitness, oppure sulla didattica?

Come si rapporterà con le attività agonistiche?

Perché è vero che sotto il Coperchio, mancando la tribuna, non si potrà mai fare una gara, nemmeno dei giochi della gioventù, con le mamme che guardano.

Perché, al massimo, si potrebbe ricreare l’atmosfera della famosa, malinconica e dolce ninna nanna resa celebre da Odoardo Spataro: dodici mamme sopra una panca, stanno cucendo una cuffia bianca.


Ah, quei marmocchi non giunti ancora…

Dodici mamme sopra una panca ci potranno stare, ma non di più.

Però l’attività agonistica andrà in qualche modo promossa.

Insomma, è un lavoro né semplice, né breve.

***

2.  IA MGNIRAN DA CASA’

(verranno da Casale)

Poi, c’è il secondo aspetto, che caratterizza un po’ tutta l’ipotesi di gestione scodellata dalla Giunta di Andrea Corsaro.

Il futuro del Coperchio poggia sulla novità assoluta di quel ristorantino, pizzeria che lascia altresì immaginare anche belle grigliate estive con le costine o, nei mesi invernali, polenta e tapulone, così come anche gustose preparazioni di pesce.

Il piatto forte di tutti i giorni, la pizza, nella sua tavolozza di mille colori.

Le colazioni di lavoro.

Gli aperitivi.

Una cosa capace di muovere gente da fuori.

Da Novara tutti che si danno di gomito: dài, in fondo è a due passi, andiamo a fare due spaghi al buffet della piscina di Vercelli.

Da Casale riempiranno i pullman: anduma a mangià al buij d’la pisinna (trad: andiamo a mangiare il bollito della piscina).

Piscina di Vercelli, naturalmente: proprio quella del coperchio.

C’è già un nome, per il locale, che sarà subito di tendenza: “Alla Pentola del Coperchio”.

Su questo baretto – ristorantino che rappresenta la speranza di sopravvivenza economica dell’iniziativa, alcuni osservano una cosa, del tutto banale.

Il piano finanziario preparato dallo Studio Bosso dice a chiare lettere che la realizzazione del nuovo immobile (perché la novità è questa: chi vorrà gestire la piscina, dovrà costruire il ristorantino) costerà 390 mila euro.

Però, almeno che noi sappiamo, al momento non c’è ancora nemmeno uno schizzo.

Non diciamo un progetto esecutivo o preliminare, o almeno qualcosa che esca da plotter.

Non diciamo – di conseguenza - un computo metrico, in esito al quale, a fondo pagina, salti fuori la cifra: 390 mila euro.

Non c’è niente (sempre lieti di ricevere rettifiche, nel caso avessimo capito male: non siamo mai stati gelosi degli errori).

Però il Piano Economico Finanziario presentato dalla Rag. Salviato e votato dalla Giunta riporta chiaramente che costerà 390 mila euro.

E sulla base di questo dicono che ci vorranno 15 anni per ammortizzare l’investimento.

Potrebbe funzionare, se la domanda fosse rovesciata, un po’ come nell’esposizione dei problemi a Scuola, quando c’è quella benedetta vasca da bagno da riempire con la perdita – goccia a goccia – del rubinetto.

Insomma: sapendo che devo assegnare per 15 anni, quanto mi deve costare il ristorantino, “Alla Pentola del Coperchio”?

Ma queste sono – evidentemente – fantasie, che mai potrebbero essere anche solo associate alla Rag. Salviato.

Forse avranno fatto un conto al metro quadro: saranno 300 metri quadri, a un po’ più di mille euro al metro quadro, fa 390 mila.

Ma che il locale sarà di 300 metri quadri – di nuovo – non c’è scritto da nessuna parte.

Anche perché, come abbiamo visto, non c’è un disegno, una planimetria, una pianta, un prospetto; nemmeno uno scarabocchio, tanto per avere un’idea.

Si sa che – forse – sarà fronte strada (Via Baratto) più o meno all’altezza di dove stavano le tribune esterne.

Non c’è niente di niente.

Agli Atti.

Se poi qualcuno sa già cosa fare e dove e come, questo non risulta – che si sappia – agli Atti del Comune.

***

Forse anche per questo lo Studio Bosso, sorprendendo tutti, è stato rapidissimo.

Perché se si mettono giù i numeri senza che (che noi si sappia, ripetiamo) ci sia il documento a renderli plausibili, è chiaro che di tempo se ne risparmia.

Così, la Determina di Pino Scaramozzino per l’incarico è del 6 aprile e, il successivo 10 aprile – Venerdì Santo – la contitolare dello Studio, Rag. Anna Salviato, manda al Protocollo di Palazzo Civico l’accompagnatoria

(leggila qui)

ed i due progetti economico finanziari.

Li abbiamo pubblicati nel precedente articolo, che si trova allegato in alto in questa pagina.

3. TANTA ESPERIENZA E TANTO DI CAPPELLO

Tanto di cappello.

In quattro giorni netti e senza nemmeno un computo metrico per la determinazione del costo di costruzione del bar ristorantino pizzeria (ma si sa che costa 390 mila euro) ecco scodellati i documenti.

Si vede che la Rag. Salviato ha tanta esperienza nella materia.

4. ASSESSORI VELOCI,

SANNO ANCHE CIO’ CHE NON CONOSCONO

E gli Assessori?

Impiegano meno di un’ora, 55 minuti netti, per esaminare tutto e – tranne Patrizia Evangelisti che era assente – tutto approvare.

Magari loro hanno visto il progetto del baretto ristorantino ‘ntè ca s’mangia ‘n buij ca l’è la fin dal mond!

Senza smarrire la memoria di tradizioni memorabili: al bagnet ad l’Enal.

Perché bisogna sapere che, per lunghi periodi, il baretto della piscina Enal fu reso famoso dal pane e bagnetto che vi si serviva.

Così si recupera anche una contiguità sentimentale trasversale e pop e persino identitaria.

Deve essere stato questo – il legame profondo tra i bolliti che si gusteranno al ristorantino del Coperchio ed il bagnetto, cifra di una vercellesità natatoria dalla radice profonda - ad avere convinto la Lega a calare le brache, quando Andrea Corsaro e Luigi Michelini hanno deciso di proseguire con il Coperchio.

Dunque, la Giunta.

Presenti in persona il Sindaco e Luigi Michelini, gli altri collegati in remoto, mano alzata.

Ok per il ristorantino, anche senza computo metrico: sanno anche loro che deve costare 390 mila euro e bon ciao.

Che dire, dunque?

Tempi rapidi, costi modici, e bon ciao.

E cui chi venu da Casà par mangià al buij, ia sciaru nen l’ura.

Ma cui ad Versei, a slu gavran da fè la nava?

Eh…


NON SONO DISPONIBILI ALTRE IMMAGINI
TAGS:

vercelli

provincia di vercelli

centro nuoto

coperchio

piscina

guido gabotto

salviato

bosso


Vercelli
Oggi.it - Network © - Blog
Vercelli Oggi.it Sas Di G.Gabotto & C. - P.I. 02685460020 - Direttore: Guido Gabotto
Numero telefonico unico, anche Whatsapp: 335 8457447
Mail: info@vercellioggi.it - Note Legali - Privacy
Supporto tecnologico: Etinet s.r.l - 12038 Savigliano (CN) - www.etinet.it